Utente 120XXX
qualche settimana fa il mio bambino di 4 anni ha presentato tracce si sangue rosso vivo nelle feci.sottoposto a visita al pronto soccorso la diagnosi è stata ragadi-gli è stata prescritta una cura con cicatridina crema anonet intimo anonet crema e stellax sciroppo un cucchiaio mattina e sera dopo i pasti associati ad un alimentazione ricca di frutta e verdura per far si che le feci siano più morbide e lui nn soffra.da quel momento non fa più la popò.sono giorni che lo stimolo con clisterini di verolax bambini e clisterini con olio di vaselina.alimentazione ricca di verdura e legumi.la frutta non gli gusta molto quindi andiamo avanti con succhi a pera e yogurt.sono 5 giorni ormai che non va di corpo si rifiuta categoricamente dicendo che ha paura.ho provato in tutti i modi a spiegargli di nn aver timore ma nn c'è verso.stamane l'ultimo clistere che ha fatto si che evacuasse solo un pò di feci liquide.nn so + cosa fare.vi prego aiutatemi sono molto preoccupata perchè mio figlio nn ha mai avuto problemi di stitichezza, anzi...confido in voi.grazie
cordiali saluti

[#1]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora
la stitichezza e le ragadi fanno il loro circolo vizioso perchè la ragade mantiene la stitichezza e viceversa. Credo occorra evitare i clisteri per non irritare ulteriormente la mucosa anale e lo sfintere. Non posso indicarvi alcun prodotto non si può ma senz'altro dirvi che consiglierei una pomatina anestetica. Solo così il fare la cacca non gli causerà dolore. Certo convincere un bambino di 4 anni non sarà facile, ma dopo la pomatina anestetica lui potrà verificare da solo che la discesa della cacca (e quindi il parziale allargamento della feritina) non gli causerà alcun dolore. Continuate senz'altro con la disinfezione locale dopo ogni evacuazione. Non siate apprensivi altrimenti gli aumenterete l'ansia e la paura. La stitichezza, al momento è funzionale rispetto alla ragade, non ci sono ostruioni o altri problemi. Lasciatelo in pace e non stimolatelo in continuazione. Qualche giorno di stitichezza non deve preoccupare... Ci sono tribù indigene che evacuano una volta al mese e godono ottima salute...

Cordialmente
Dott.Pozzi Agnesina

[#2] dopo  
Utente 120XXX

ha ragione forse il problema maggiore è il mio essere troppo apprensiva!
può indicarmi un prodotto anestetico?
grazie cordiali saluti

[#3]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Purtroppo per ragioni deontologiche, direttive di blog e problemi di pubblicità non possiamo indicare prodotti comunque esistono pomatine ed anche gel solidi a base di anestetico. Può chiedere in farmacia senza problemi, son prodotti da banco!

Cordialmente
Dott.Agnesina Pozzi

[#4] dopo  
Utente 120XXX

gentile dott. oggi dopo una faticaccia e tanta ostinazione mio figlio è riuscito a fare la cacca.nn voleva a tutti i costi...sudava e tremava e cercava in tutti modi di trattenersi.grazie a dio ha ceduto e si è liberato.ma ci sono cmq state tracce di sangue rosso vivo nelle feci.ho disinfettato la zona e applicato le pomate prescritte ma volevo sapere se è necessario continuare con lo stellax e se è necessario una visita specialistica x le ragadi visto che sono quasi 2 settimane che ad ogni evacuazione sanguina un pò.
cordiali saluti

[#5]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Supponevo che il Pronto Soccorso si fosse avvalso della consulenza pediatrica. Ma se non l'ha fatto, è senz'altro meglio consultare il vostro pediatra per avere la certezza che di ragadi si tratti e non piuttosto di altra patologia.
E comunque il continuare del sanguinamento, anche se esiguo, impone una diagnosi accurata anche per evitare l'incorrere in anemizzazione nel tempo.

Cordialmente
Dott.Agnesina Pozzi

[#6] dopo  
Utente 120XXX

era una dott.sa di pediatria che ha visitato mio figlio
cmq domani contatterò il suo pediatra anche perchè da ieri lamenta dolori al pancino e continua a non voler fare nulla per paura e la cosa mi preoccupa