Utente 113XXX
Gentili Medici, permettetemi di esporre il mio problema.
Sono una donna di 37 anni e subito dopo Pasqua ossia circa due mesi fa mi son beccata quella che sembrava essere l'influenza col picco del periodo. Febbre a 38,5 di un solo giorno, le due settimane seguenti starnuti, gola irritata e tosse via via più forte e grassa. Ho preso Fluifort, aerosol con Clenil e antibiotico Neoduplamox (unico che non mi dà problemi essendo un pochetto allergica...). Negli ultimi giorni i sintomi sembravano diradarsi così son tornata al lavoro. Invece quasi subito, dopo un paio di giorni di tranquillità, ha ripreso la tosse. Premetto che non ho mai fumato ma sin da piccola ho sempre sofferto di raffreddori e bronchitelle persistenti.
Comunque, questa tosse è abbastanza forte, a volte sembra secca, a volte grassa, purtroppo non riesco ad espettorare, o meglio il catarro sembra nascere dalla gola e quando sale riesco solo a deglutirlo. Il mio medico, in seguito, mi diede solo aerosol e un antistaminico, non trovandomi niente nei bronchi, ma pensavo che smettesse da sè e ho resistito senza terapia... In più, da quando ho ripreso il lavoro (soggetta a sforzi, essendo portalettere) ho un continuo dolore tra scapola e costola alta destra, che si irradia lungo il nervo del braccio, facendo dolore anche alla mano. Ve lo dico perchè essendo abbastanza ipocondriaca... penso mi abbiate capito.
Ciliegina sulla torta, questa dannata tosse mi irrita talmente da provocarmi conati di vomito... stanotte ho superato me stessa, il mio risveglio è stato brusco, non ho capito come ma mi son ritrovata a soffocare da un pezzo di muco credo (mi era già capitato qualche anno fa se era troppo vischioso) e dopo quel mezzo minuto di panico mi è venuto da rimettere... risultato solo un gocciolone di saliva/muco, ma rosso di sangue (non rosso vivo, per la verità) e potete immaginare come mi senta shockata.... Help!!

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, da quanto ci racconta mi sembra di capire che ad un certo punto della storia lei non si è più curata e comunque ha ripreso a lavorare.
Come lei sicuramente sa noi non possiamo fare prescrizioni, ma solo dare pareri, anche perchè ci è impossibile visitare le persone, pertanto le consiglio di tornare dal suo medico raccontando tutto e seguendo fino in fondo le sue indicazioni diagnostico-terapeutiche.
Cordiali saluti
La consulenza e' prestata a titolo
puramente gratuito secondo lo stile MedicItalia
Dottoressa Anna Maria Martin

[#2] dopo  
Utente 113XXX

Buongiorno gentili Medici, sì in effetti dopo l'evento mi son sottoposta a ulteriori visite: medico di base e pneumologo non hanno riscontrato nulla in bronchi e polmoni, solo infiammazione faringea; entrambi però mi hanno consigliato una settimana di Pantorc per sospetto reflusso gastrico notturno, inoltre una radiografia per controllare una sospetta sinusite (dicendo che l'incontro a livello della gola delle due cose può avermi provocato l'episodio notturno). Quanto al dolore spalla/costola/braccio è riferito solo a un continuato strappo muscolare a causa della attività lavorativa. Vorrei comunque approfondire con una visita dall'otorino, Voi che dite? Grazie dell'attenzione, cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, si mi sembra molto sensato, anche perchè nel dubbio di una sinusite lo specialista interessato è propio l'otorino.
Cordiali saluti
La consulenza e' prestata a titolo
puramente gratuito secondo lo stile MedicItalia
Dottoressa Anna Maria Martin