Utente 223XXX
Buongiorno.
Mia figlia ha 18 anni ed è da qualche giorno che ha delle difficoltà respiratorie.

Martedì pomeriggio stava bene, finché non ha fatto una corsa sul tapis roulant (come aveva iniziato a fare da circa tre settimane); già al primo minuto ha accusato una difficoltà nel prendere fiato, ha provato ugualmente a fare qualche minuto di corsa e una quindicina di minuti di camminata, ma la situazione non migliorava. A distanza di due giorni ormai accusa ancora queste continue difficoltà e dei giramenti di testa (forse dovuti alla respirazione anormale?).

La sensazione è quella di non riuscire ad effettuare un respiro "completo" e questo dura praticamente tutto il giorno con pochissimi momenti di "pausa".
Aggiungo che la notte riesce a dormire tranquillamente, senza problemi di alcun tipo legati alla respirazione.

Ieri sera siamo andate dal nostro medico di famiglia, ma non ha saputo dirci nulla...dice che secondo lui i polmoni sono a posto. Le ha solo prescritto dell'Effortil Gocce perché diceva che la pressione era un po' bassa (105-70)...anche se in altri casi l'ha avuta anche più bassa (90-50 circa), ma non aveva avuto questi problemi, solamente giramenti di testa

Cosa potrebbe essere? Cosa dovremmo fare?
Vi ringrazio anticipatamente.

P.s.: il medico ha detto che potrebbe essere ansia ma assolutamente in questo periodo mia figlia non è stressata, anzi è molto tranquilla.

[#1] dopo  
Dr. Claudio Andreetti

40% attività
12% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Convergete l'attenzione sul distretto CUORE-POLMONI: la sig.na deve eseguire un elettrocardiogramma con visita cardiologica e successivamente una spirometria. Fate subito la visita dal cardiologo.
Dr. Claudio Andreetti
Divisione di Chirurgia Toracica
Ospedale Sant'Andrea Roma

[#2] dopo  
Utente 223XXX

Grazie mille per la risposta!
Questa mattina ho portato mia figlia al pronto soccorso perché non ero tranquilla. Le hanno fatto l'elettrocardiogramma e una lastra al torace ed è risultato tutto nella norma.
Le hanno anche ascoltato i polmoni e misurato la pressione dicendo che è tutto a posto.
Io avevo già prenotato ieri una visita dallo pneumologo per mercoledì prossimo; nel caso in cui non le passasse ritiene che possa essere utile anche per fare la spirometria?
Nel caso in cui non si trovasse (come oggi) nessuna causa (apparte la solita ansia che continuano a proporre) possiamo stare tranquilli e aspettare che passi?
Speriamo che passi in questi giorni...

La ringrazio ancora per la disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Claudio Andreetti

40% attività
12% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
L'elettrocardiogramma al PS non basta. Deve sapere che al PS i colleghi fanno solo esami in urgenza di prima linea. Io non credo che sua figlia abbia un infarto penso che la sintomatologia da lei descritta possa essere imputabile o a un deficit di pompa cardia (ad esempio miopatia) o una affezione delle vie aeree (ad esempio asma cardiogeno, enfisema, fibrosi polmonare). Deve essere vista da un internista competente che sappia valutare entrambi i circuiti: cardiaco e polmonare. Un elettrocardiogramma è solo il primo passo. sono poi necessari sicuramente un ecocardiogramma, una spirometria e forse una TAC del torace.
Mi tenga aggiornato.
Saluti
Dr. Claudio Andreetti
Divisione di Chirurgia Toracica
Ospedale Sant'Andrea Roma