Utente 311XXX
Buongiorno,

sono un ragazzo di 23 anni alto 170 cm avente un peso di 56 kg, nel mese di aprile ho avuto la necessita' di un drenaggio toracico per un pnx completo del polmone sx, da tac successiva a pnx si evidenziano bolle mm in sede apicale in entrambi i polmoni.

In questi mesi successivi, mi sono recato più volte in pronto soccorso in quanto continuo ad avvertire dolori piuttosto forti nei polmoni, premetto che sono una persona ansiosa e soffro di reflusso esofageo e di deviazione del setto nasale, da rx non risulta nulla, ma io continuo cmq ad avere questi dolori e senso di affaticamento anche dopo i minimi sforzi, ho effettuato un elettrocardiogramma con valori nella norma.

nelle ultime settimane, il dolore sembra essersi attenuato tranne con picchi sporadici, nella parte sx (la parte drenata), sento come delle vibrazioni vicino al cuore a mio avviso non sembrano legate all'inspirazione o all'espirazione, sento come delle vibrazioni e il continuo affaticamento che non mi lascia stare.

voi cosa ne pensate? è possibile avere avuto un'altro pneumotorace senza sentire dolore? un pneumotorace non trattato può non dare più dolore? e soprattutto essendo che in entrambe i polmoni a esito della tac risultano ancora blebs è possibile secondo voi eliminare le bolle ed effettuare l operazione per eliminare il rischio di recidive? perchè obbiettivamente da quando è successo tutto questo mi sembra di aver smesso di pensare ad altro in quanto gia la mia respirazione non era buona neanche prima per via della deviazione del setto.


Ringrazio i gentili dott. per le loro risposte.



Luca

[#1] dopo  
Dr. Claudio Andreetti

40% attività
8% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Caro ragazzo i dolori che avverti sono sicuramente legati al precedente episodio di PNX e vedrai che piano piano andranno ad attenuar si fino a sparire del tutto. Mentre per quanto riguarda la problematica blebs apicali bilaterali riscontrate alla TC io ti suggerisco di sottoporti al momento all'intervento chirurgico mininvasivo uniportale al polmone sinistro mettendolo in sicurezza. L'intervento chirurgico, se eseguito in centri specializzati, non differisce molto in termini di stress dal posizionamento del drenaggio al quale sei stato sottoposto. L'operazione viene eseguita dalla stessa cicatrice del precedente drenaggio, permette di eliminare le blebs e di creare delle aderenze che impediscano al polmone di collassare in un eventuale PNX futuro.
Qui potrai trovare delle notizie utili: https://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-toracica/1183-pneumotorace-spontaneo-idiopatico-malattia-giovani-adulti.html.
In bocca al lupo
Dr. Claudio Andreetti
Divisione di Chirurgia Toracica
Ospedale Sant'Andrea Roma

[#2] dopo  
Utente 311XXX

Gentile Dr.,

innanzitutto la ringrazio infinitamente per la pronta risposta, domani ho preso appuntamento privatamente con un Dr. in pneumologia dell' ospedale humanitas di Rozzano (mi) per poter parlare della mia situazione, io temo però che il mio caso venga rifiutato come in altri ospedali al quale mi sono rivolto in quanto mi hanno detto di aspettare l'eventuale recidiva, obiettivamente non sono molto predisposto a vivere con questa spada di damocle sulla testa in quanto anche gli esperti vedendo l'esito della tac temono la recidiva, lei pensa che questa operazione possa essere fatta in un ospedale pubblico o devo rivolgermi presso qualche clinica? non so se sia anche legato all'ansia a volte comunque o delle fitte talmente forti da dover stare sdraiato anche per svariati minuti con conseguente mancanza di aria.
Addirittura una dottoressa di un pronto soccorso vedendo che in 3 mesi mi sono recato in ospedale 3 volte mi ha fatto pesare la cosa dicendomi di stare calmo e di non preoccuparmi e di non correre li per nulla ovviamente questo mi ha avvilito molto.


Lei sa o conosce qui a milano qualche esperto o centro dove posso rivolgermi?

Ringrazio tutti voi per il tempo dedicato.


Luca