Utente 124XXX
Salve,
mi è stata diagnosticata una depressione ansiosa.
In passato ho preso Sereupin dopo il mio primo episodio di attacchi di panico e ansia. Devo dire che mi ha dato giovamento per un paio d'anni. Dopo c'è stata una ricaduta. Ho ripreso il Sereupin, ma non ho avuto più gli stessi risultati. Mi è stata cambiata la cura, da uno psichiatra diverso dall'attuale, e mi è stato prescritto Cymbalta. Dopo alcuni mesi di terapia ho aggiunto Lamictal, ma non ci sono stati miglioramenti significativi. Continuavo a prendere ancora lo xanax. L'ansia era sempre lì.
Nel corso dello scorso anno ho intrapreso una cura con Efexor 75 1 cpr al mattino, 10 gtt di Seropram la sera e xanax 25 gtt 3 volte al giorno.
Per c.a. 6 mesi ho portato avanti la cura, ma non sono mai riuscito, ovviamente dietro consiglio del medico psichiatra, a ridurre il dosaggio dello xanax.
Il 6 Agosto 2010, il mio psichiatra mi ha cambiato cura prescrivendomi Dominans (10 + 0,5) 4 cpr al giorno, Levopraid 10 gtt 3 volte al giorno e xanax 20 gtt 3 volte al giorno con l'obiettivo di scalarlo progressivamente in funzione dell'andamento della cura. Il Dominans mi ha subito fatto un effetto positivo sull'ansia. Nel mese di Settembre, il medico mi ha sostituito il Dominans (10 + 0,5) con il Dominans Forte mantenendo invariati i dosaggi di Levopraid e xanax. Dopo pochi giorni ho cominciato ad avere crisi di ansia e attacchi di panico. A questo punto lo psichiatra mi ha detto di ritornare al Dominans normale ripristinando le condizioni precedenti per capire se è un problema legato al dosaggio dell'antidepressivo e mi ha anche detto di aumentare a 15 gttper 3 volte al giorno il Levopraid.

Volevo un vostro parere in merito. Secondo voi il Dominans è un farmaco appropriato per la mia sintomatologia?

Confesso che con tutti questi cambi di terapia sono un pò disorientato.

Concludeo, dicendo che tutti i farmaci li ho assunti sempre a dosaggio terapeutico e per un periodo di tempo di almeno 4 mesi.

Vi ringrazio.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
gentile utente,

4 mesi sono un tempo piuttosto breve per evitare ricadute significative per la sua problematica.

Dopo un certo tempo di prova degli antidepressivi, le linee guida internazionali indicano altre classi farmacologiche come elettive per la riduzione della sintomatologia.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 124XXX

Non è stato però un problema di ricaduta, ma di mancanza di efficacia dei farmaci: durante il periodo di trattamente non sono stati riscontrati benefici.

Quali sono ad esempio le altre classi farmacologiche a cui fa riferimento?

Grazie

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

la diagnosi non è chiara: ha avuto attacchi di panico, questo episodio è catalogato come depressione ansiosa ma di fatto include anche attacchi di panico che lei menziona successivamente, e nella serie di farmaci presi compare un farmaco indicato nel disturbo bipolare, il lamictal.

L'effetto positivo sull'ansia del dominans è da riferirsi alla sua componente sedativa, ma non dura. L'effetto di un antidepressivo richiede 2-4 settimane di attesa.

Un trattamento che duri solo pochi mesi alla sua sospensione lascia spazio al disturbo che non si è verosimilmente spento. Inoltre, il primo passo è il disimpegno graduale delle benzodiazepine tipo xanax: se non riesce a farlo, evidentemente il disturbo non è completamente controllato.

Chiarirei però la diagnosi di fondo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 124XXX

Il Lamictal mi è stato prescritto non dall'attuale psichiatra che lo ha subito sospeso chiarendo appunto che nel mio caso si tratta di depressione ansiosa.

La cosa non mi convinceva e ho deciso di rivolgermi ad un altro medico psichiatra suggeritomi dal mio psico-terapeuta.

Saluti e grazie

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'altro psichiatria che diagnosi aveva fatto ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 124XXX

La diagnosi è sempre stata Depressione Ansiosa.

Sto chiedendo, però, una vostra opinione sulla cura attuale.

Cordiali saluti

[#7] dopo  
Utente 124XXX

Salve,
volevo chiedere al Dottor Rugiero a cosa si riferiva quando diceva "Dopo un certo tempo di prova degli antidepressivi, le linee guida internazionali indicano altre classi farmacologiche come elettive per la riduzione della sintomatologia."

Ringrazio

[#8]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
vuol dire che si utilizzano altri farmaci ma, di fatto, fino ad oggi non ha avuto nessun trattamento protratto per oltre 18 mesi come previsto dalle linee guida.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#9] dopo  
Utente 124XXX

Grazie per la risposta.
C'è però una cosa che non capisco: se dopo aver assunto per un periodo di almeno 4 mesi (nel mio caso ne sono passati anche più di 6 quando ho assunto Efexor e Seropram) senza che ci sia un miglioramento della sintomatologia, è necessario aspettare comunque fino a 18 mesi o conviene cambiare strategia farmacologica?

Saluti

[#10]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
I dosaggi non sono neanche mai stati portati al massimo terapeutico.

Quindi prima andava fatto un aumento.

Utilizzare contemporaneamente Seropram ed Efexor sfrutterebbe una teoria recettoriale che non trova pero' un razionale visto che si poteva aumentare direttamente il dosaggio di Efexor.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#11] dopo  
Utente 124XXX

Quando ho assunto l'efexor per un periodo, 5-6 settimane, il dosaggio è stato di 150 mg al giorno (due compresse: una la mattina e una la sera).

Il dosaggio del seropram sempre per un periodo analogo è stato portato a 20 gtt la sera.

Il risultato è stato sempre lo stesso: nessuna efficacia.

Rispetto alla terapia che assumo oggi:

Dominans (10 + 0,5) 4 cpr al giorno
Levopraid 15 gtt 3 volte al giorno
xanax 30 gtt 3 volte al giorno

Qual'è il vostro parere?

Grazie

[#12]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'opinione sulla cura attuale richiede chiarezza anche sulle diagnosi fatte in precedenza, visto che le cure non sono tutte dello stesso tipo.

Perché allora lamictal ? Depressione ansiosa all'interno di un disturbo dell'umore di tipo bipolare ? Ha mai chiarito questo o semplicemente non sa in base a che cosa era stato scelto lamictal (non è obbligato a saperlo ovviamente).

Ne non ritiene di rispondere alle domande è libero di farlo, può darsi non si possa dire granché di più sull'attualità.

Della cura attuale si può dire che la presenza di xanax è poco chiara, visto che ormai si è sviluppata assuefazione, e il mantenimento di un tranquillante rapido e a breve durata può anche ostacolare la stabilizzazione di una terapia anti-ansia o antidepressiva.
Dominans contiene un neurolettico, simile per certi versi alla sulpiride del levopraid, quindi sono due cose simili usate in contemporanea.
Per il resto efexor non è comunque alla sua dose massima.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#13] dopo  
Utente 124XXX

Come ho già spiegato, il Lamictal mi era stato prescritto dal precedente psichiatra.

La diagnosi che mi è sempre stata formulata (sia dal precedente che dall'attuale psichiatra) è sempre stata depressione ansiosa.

Sinceramente non so come mai il precedente medico mi aveva prescritto il Lamictal non essendo io un esperto in materia.

Quando anche utilizzando il Lamictal non ci sono stati benefici, il precedente psichiatra mi ha detto che l'unico modo per tenere sotto controllo i sintomi era quello di utilizzare lo xanax. A quel punto ho cambiato psichiatra. La storia seguente è quella che ho riportato in precedenza.


Spero che ora sia tutto chiaro.

Grazie

[#14]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

"il precedente psichiatra mi ha detto che l'unico modo per tenere sotto controllo i sintomi era quello di utilizzare lo xanax."

Su una diagnosi di depressione ansiosa ci sono numerose terapie disponibili, quindi non vedo perché utilizzare lo xanax come unica risorsa rimasta. In ogni caso, non vedo perché utilizzarlo in un regime continuativo, visto che tende ad indurre assuefazione.

Valgono le considerazioni di prima.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#15] dopo  
Utente 124XXX

Concordo pienamente con quello che Lei dice e questo è stato il motivi per cui ho cambiato psichiatra.

Grazie per le risposte.

[#16] dopo  
Utente 124XXX

L'ultima cosa per il Dottor Pacini.

Nella cura attuale l'Efexor non è presente.

Saluti

[#17]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

sì, mi scusi, mi riferivo al fatto che lo aveva assunto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it