Utente 201XXX
Buongiorno,
dalla fine di dicembre sono in cura con Zoloft , prima 25, poi 50 ora 75mg, per una forma di ansia ora sfociata in ansia e depressione.
Da quando prendo il farmaco ho perso circa 4,5kg, l'appetito, dormo male e da quando sono passato a 75mg, pochi giorni, sono solo nottate in bianco. L'En, che fa parte della terapia non mi è di aiuto e, nonostante la dosa minima,una pastiglia da 0'50 da gestirmi al bisogno e la sera ( quindi mezza ), mi "abbatte" ulteriormente.
Inoltre ho tremori alle braccia e mani e la lacrima facile con crisi di pianto.

Ho notato che dopo l'assunzione dello Zoloft, in genere 60/80 minuti dopo, mi vengono palpitazioni, questo dall'inizio della terapia.

Ma non potrebbe essere che , semplicemente, questo farmaco non è adatto a me? Più sto male, più mi viene detto di aumentare la dose, col risultato che sto peggio.
So che non esiste il farmaco magico, ma stare così male e per tanto tempo mi sembra incredibile.
Ho anche iniziato terapia psicologica per affrontare il mio stato.

[#1]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dopo aver aspettato i tempi previsti affinchè a dosaggio terapeutico inizi a funzionare, se la terapia non è soddisfacente va modificata nella posologia del farmaco, cambiando farmaco, oppure associando altri farmaci o altre terapie,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#2]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La dose è ancora mediamente insufficiente nel trattamento dei vari disturbi per cui è indicato. Il motivo di questo aumento così lento può essere che lo tollerava male già a dosi basse. La questione però è che i disturbi d'ansia rispondono spesso peggio a dosi basse, che non curano il disturbo d'ansia e magari producono un po' di effetti collaterali.
La risposa in genere si valuta a blocchi mensili. C'è una ragione particolare per cui non si è ipotizzato di utilizzare un farmaco diverso ?

La diagnosi non è chiara: "ansia sfociata in ansia e depressione".
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Gentile utente

i tempi di risposta sono dipendenti dal momento di aumento della dose.

Se sono passate più di 4-6 settimane dall'ultimo aumento dovrebbe riferire chiaramente che sente di essere peggiorato.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 201XXX

Grazie per le risposte.

Mi sembra di capire che la prassi sia star male per settimane o mesi prima di capire se il farmaco funziona?

La diagnosi è ansia generalizzata, ora mi è stato detto depressione con forte componente ansiosa; mi sembra che i confini di queste due patologie siano alquanto labili..

Quanto al cambio di farmaco, che ho chiesto, mi è stato detto di aumentare Zoloft e se non va , cambieremo. Il problema è che sto male e non so come andare avanti.

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ansia generalizzata e depressione ansiosa sono due diagnosi diverse. Comunque, la risposta viene valutata di solito a 1 mese e poi a 2, ma se non c'è una risposta a questi termini e la persona sta globalmente peggio per effetti collaterali di solito la cura si rivede, cambiando o farmaco o dose. Il problema è che aumentare lentamente con dosi basse non consente di stabilire alcuna risposta in maniera standard (ovvero: la maggior parte delle persone non rispondono a dosi di 25-50-75 mg).

Il cambiamento di farmaco è quindi previsto, non è chiaro in che tempi e dopo quale tetto di dosaggio.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 201XXX

Gentile dottore,
non è che le dosi me le sono inventate io, mi sono state prescritte.
Potrebbe essere che mi sono "bruciato" lo Zoloft con una posologia inadeguata per troppo tempo?

Ora, da tre settimane ho cambiato psichiatra, che ha optato per l'ultimo aumento. Le ho parlato da poco e abbiamo deciso, visto il mio stato, di tornare a 50mg da stasera in vista di rivedere la terapia con altro farmaco. Ne parleremo durante l'incontro tra due giorni. Al momento non ho idea ne' del farmaco ne' della posologia.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Nessuno ha accusato nessuno di niente infatti, è solo una constatazione. "Bruciato" no, se mai non funziona.

Tornare a 50 per migliorare gli effetti collaterali ha senso, non capisco "in vista di" che significhi esattamente, ovvero se con 50 mg non rispondeva non comprendo esattamente perché questo intervallo con una dose già dimostratamente inefficace prima di passare a nuova soluzione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 201XXX

Gentile dottor Pacini,

giustamente credo che la dottoressa non voglia darmi una nuova soluzione per via telefonica, quindi, se ho capito bene, intanto per questi due giorni scaliamo lo Zoloft,poi
venerdi mi darà una nuova cura. "in vista di" è in realtà molto vicino.

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ah, beh, quindi le ha semplicemente detto di aspettare fino a venerdì cercando di renderle più tollerabile l'attesa fino alla visita, questo mi sembra sensato.
Ovviamente la vorrà visitare e poi decidere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it