Utente 239XXX
Soffro di d.o.c e sono andato nel corso della mia storia da 2 psicologi.Li ho lasciati quando ritenevo di non averne piu' bisogno,comunque l'umore e' stato sempre altalenante dai momenti bui fino a un umore quasi euforico,e a volte un quasi benessere.Tuttavia ultimamente ho acquistato un integratore iper-valeriana che contiene a compressa 100 mg di valeriana,e 3,5 mg di estratto di iperico pari a 10,5 mcg di ipericina.Ne assumo due pasticche a giorno da 1 settimana e (pare) che oggi mi senta (piu' normale) secondo voi e' un effetto placebo,ho sono dei reali effetti leggermente antidepressivi?

[#1]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

un Disturbo O.C. e un umore instabile non meglio specificabile, se di questo si tratta nel suo caso, sono condizioni che andrebbero inquadrate correttamente mediante una visita psichiatrica e trattate adeguatamente, la terapia "fai da te" anche se con prodotti da banco è da evitare,

Saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#2] dopo  
Utente 239XXX

Purtroppo per me non è facile essere curato con i farmaci:in primis perche' da me psichiatri e neurologi sono rari,abbonda solo di psicologi,poi perche' la mia famiglia e' stata sempre contraria agli psicofarmaci perche' a loro dire(per me erroneo) fanno male.E io di fronte a loro mi sentirei come un drogato legittimo e loro non daccordo costretti solo a tacere,la cosa secondo me sarebbe pesante.Poi il mio medico familiare non mi piace e poi comunque sempre tramite lui lo saprebbe la mia famiglia di un'eventuale terapia farmacologica.E' un problema un po' complesso.Senza contare che sono molto giovane.

[#3]  
Dr. Giuseppe Nicolazzo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

con i pregiudizi non si arriva da nessuna parte, a Roma e dintorni trova medici psichiatri competenti anche nel servizio pubblico ( Centri di Salute Mentale dell'ASL territoriale ),

saluti
Dr G. Nicolazzo
Specialista in Psichiatria
Psicoterapeuta

[#4]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
sono assolutamente d'accordo con il collega, aggiunggerei alcune considerazioni in più.

L'idea che uno psichiatra ti prescrive un farmaco senza considerare la tua età e le tue difficoltà ad accettarlo è un pregiudizio. Come è un pregiudizio (o, meglio, stereotipo) pensare che gli psichiatri servono solo per dare le medicine.

Varrebbe la pena di farsi visitare da uno specialista psichiatra in primo luogo non per assumere i farmaci, ma per inquadrare il tipo di malattia (ricevere una diagnosi). Lei scrive di soffrire di DOC (disturbo ossessivo-compulsivo), ma le fluttuazioni dell'umore fanno ipotizzare che ci sia presente anche un disturbo di umore. Se così fosse, cambiano abbastanza sia l'eventuale approccio medicamentoso, sia quello psicoterapeutico (!). Ma, finché la diagnosi non è fatta da uno psichiatra, non lo possiamo sapere.

Comunque, quello che Lei scrive della contrarietà della Sua famiglia agli psicofarmaci e agli psichiatri mi fa pensare che forse tale ambiente non riconosce o non è nemmeno al corrente della profondità della Sua malattia o forse ne è al corrente, ma preferisce di non farlo trasparire all'esterno dei limiti familiari ? In ogni modo, se la malattia c'è, questo assetto non fa altro che cronicizzarla. Temo anche che i pregiudizi nei confronti dei farmaci non hanno solo i Suoi familiari, ma può averli anche Lei stesso.. Un "drogato legittimo"... Perché non pensiamo la stessa cosa di una persona che assume un farmaco per attenuare il mal di testa, di uno che assume l'antibiotico per debellare una malattia infettiva, o di un malato di diabete al quale viene somministrata l'insulina ? Perché quelle sono delle malattie "vere" e la Sua - no ?

Rispetto alla Valeriana e all'Iperico posso dirLe che si tratta di veri e propri farmaci. Che vengono considerati prodotti "naturali" e dunque "non farmaci" o "non psicofarmaci" è uno scamotage, è un ingannare se stessi. Molti farmaci "convenzionali" attualmente prescritti dai medici traggono loro origine da sostanze di origine vegetale. Un "farmaco" è una qualsiasi sostanza introdotta dall'esterno nel nostro organismo, organica o inorganica, naturale o sintetica, che è capace di indurre modificazioni funzionali in un organismo vivente. Valeriana e Iperico sono importanti agenti psicotropi, che possono dare sia effetti benefici che avversi, e, per tutelare anche la sua salute, devono essere assunte sotto monitoraggio medico.

Capisco il timore di non trovare uno psichiatra che sappia capire tutta la Sua situazione, però ogni medico è tenuto ad osservare il segreto professionale, e, per quanto riguarda gli psichiatri, dovrebbero tenere conto in modo particolare della situazione individuale e familiare di ciascuno dei pazienti.

Dr. Alex Aleksey Gukov