Utente cancellato
Buongiorno,
Io da anni sono triste. Sono sempre triste e disperata. Ho deciso finalmente di affrontare il problema. Ho fatto una visita psichiatrica. Il medico mi ha consigliato un antidepressivo. Chiedo se l'antidepressivo può scatenare crisi di euforia.

[#1]  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
8% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
E' uno dei possibili effetti collaterali, in certe situazioni. Il medico deve valutarlo e dare indicazioni sui pro e i contro al paziente cui prescrive i farmaci.
Lei scrive che ' è sempre triste e disperata'... Ha cercato di capirne i motivi e di capire se per caso il suo stile di vita, abitudini, ecc fossero uno dei fattori della situazione che lamenta?
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#2]  
Dr. Antonio Ventriglio

20% attività
0% attualità
4% socialità
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2011
Cara Utente,

non è corretto considerare gli antidepressivi come degli "euforizzanti". Essi intervengono piuttosto sulle alterazioni neurobiologiche alla base del "cattivo umore". Tuttavia, come afferma giustamente il collega dr Benedetti, può capitare quale effetto indesiderato che facilitino il passaggio ad una fase "contropolare" (ovvero di polarià opposta alla depressione= euforia o mania). Questo avviene essenzialmente se la patologia di base che andiamo a trattare ha i caratteri di un "disturbo bipolare", ovvero una depressione che si alterna nel corso della vita a fasi di euforia più o meno contenuta. Se la patologia in esame avesse queste caratteristiche, vien da sè che l'uso di antidepressivi può facilitare la comparsa di episodi "euforici". Concludendo, quindi, è opportuno che si rivolga ad uno psichiatra che saprà formulare una corretta diagnosi e prescriverle un antidepressivo con buoni margini di sicurezza. Saluti
Dr. Antonio Ventriglio
Medico Chirurgo
Psichiatra e Psicoterapeuta

[#3] dopo  
56458

dal 2014
Grazie per la risposta.
Io vivo un po' da reclusa: ha presente i tipo casa e chiesa? Io sono così. Ovvio che vivere sempre chiusa in casa a studiare non fa bene al mio umore, però non so se sono triste perchè ho una vita monotona o oppure se ho una vita monotona perchè sono triste. Cioè non capisco se è la causa o l'effetto. Comunque io ho sempre pensato che quando avrò degli amici o un fidanzato con cui uscire, mi tornerà il buonumore. Invece sono passati gli anni, di amici o fidanzati neanche l'ombra e io continuo ad essere sola e triste. Io non sono triste solo per questo motivo. diciamo che c'è molto della mia vita che non va. Però adesso mi sono stancata e voglio un aiuto farmacologico

[#4]  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
8% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
casa e chiesa... sembra si sia scavato un solco, nel suo percorso... chissà perchè ha evitato di allontanarsi da quel solco, che rischia di approfondirsi sempre di più finchè lei non vede più il resto del mondo. Ovviamente sta a lei decidere cosa fare, ma non vorrei che volesse solo continuare a camminare in quel solco, mentre il suo disagio la avverte che forse bisogna uscirne, prima che affondi troppo.
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#5] dopo  
56458

dal 2014
Ho un'altra domanda: io da 3anni e mezzo non piango più. Mi viene da piangere, sono triste ma non verso una lacrima. Non è un problema organico, perchè se taglio le cipolle mi lacrimano gli occhi. Però se devo piangere, non riesco a sfogarmi. E' successo da un giorno all'altro. L'ultimo dell'anno del 2008 ho pianto per un'ora. Poi basta. Ho anche affrontato un lutto importante senza piangere. Voi sapete dirmi perchè non piango più? E una cosa degna di preoccupazione?
Grazie

[#6]  
Dr. Gianmaria Benedetti

28% attività
8% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Forse un po' alla volta Lei ha 'chiuso' vari canali col mondo e anche con se stessa. Anche le lacrime hanno bisogno di un 'canale', in fondo, e forse anche le emozioni che esprimono. Penso che sia importante che Lei cerchi di riaprire le strade, i canali di comunicazione, e che cerchi di ritrovare la strada per uscire dal solco che si diceva. E' possibile riuscirci, e sembra che in lei si sia smosso qualcosa, andando dallo psichiatra,scrivendo qui. Non desista e continui.
Penso che sia importante che trovi un appoggio, una guida, per così dire.
Dr. Gianmaria Benedetti

http://neuropsic.altervista.org/drupal/

[#7]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#8] dopo  
56458

dal 2014
Mi hanno prescritto xeristar 60 mg. Ho iniziato ad assumerlo da poco. Ho come effetto collaterale la sedazione. Il mio medico mi ha detto di assumere una compressa al mattino, però così facendo resto tutto il giorno assonnata. Si può ovviare a questo inconveniente?
Grazie

[#9]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#10] dopo  
56458

dal 2014
questo è il terzo giorno di terapia. Ieriho preso il farmaco di sera.L'effetto sedativo è diminuito

[#11]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#12] dopo  
56458

dal 2014
Si', ma io chiedevo un consiglio su come ovviare alla sonnolenza. Comunque prendere il farmaco alla sera,anzichè al mattino sembra essere una soluzione

[#13]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Spostare l'orario di assunzione è una variazione che le può fare un medico che la conosce o che la visita direttamente.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139