Domande su sospetto alcolismo

Buongiorno... Io vorrei sapere quando una persona si puo' definire alcolizzata e quali effetti puo' avere questa patologia sulla salute della persona interessata.... Tutto ciò non rigurda me, ma la madre del mio fidanzato...
Non so dirle bene quando sia iniziato tutto ciò, anche perchè il mio ragazzo non ama molto parlarne neanche con me che sono la sua fidanzata da tre anni...sua madre beve birra regolarmente (inizia al mattino e finisce la sera) arriva a bere 5-6 birre al giorno senza toccare neanche un goccio d'acqua... In tre anni non l'ho mai vista bere nient'altro se non birra...
Da quel poco che so, la situazione va avanti da molti anni, il mio ragazzo una volta mi ha detto che sua madre ha sempre bevuto e che lui praticamente è abituato a vederla bere...di conseguenza si è creata una sorta di "indifferenza" da parte di tutti coloro che circondano sua madre e gli stessi figli che non hanno mai fatto niente per fare in modo che la situazione migliorasse... Sua madre è divorziata da qualche anno ormai ma da quanto si beveva già da molto tempo prima... Quest'inverno le è stata tolta la cistifellea per via dei calcoli biliari ed ha avuto anche un'episodio di pancreatite acuta..
Dopo l'intervento ha bevuto solamente acqua e ha seguito la dieta che le era stata data, e poi un mese dopo ha ripreso a bere birra costantemente... Quando il mio ragazzo ha provato a farle notare che ha dei problemi lei si è giustificata dicendo che lei beve birra perchè le piace e che non ha nessun tipo di problema... Inoltre fuma tantissimo, un pacchetto al giorno, a volte anche uno e mezzo...
Sono seriamente preoccupata per tutta questa situazione e sono arrivata al punto di non tollerare più il menefreghismo che esibiscono tutti in merito a questo problema.. Sua madre è un problema molto grande anche per me... I nostri genitori dopo tre anni ancora non si conoscono per causa sua..io mi vergogno di dire a mio padre e a mia madre la verità su sua madre..Sto pensando da un po' di tempo di lasciare il mio ragazzo perchè neanche io riesco a tollerare più questa situazione..
Vorrei dei consigli su come si potrebbe affrontare questa situazione... Premettendo che comunque sua madre non ha nessuna intenzione ne' di guarire ne' di farsi aiutare...
[#1]
Dr. Piergiorgio Biondani Psichiatra, Medico di base, Perfezionato in medicine non convenzionali, Psicoterapeuta 1.6k 48
Gentile utente.
probabilmente i famigliari della signora hanno sviluppato nel tempo una sorta di anestesia difensiva di fronte a quello che'perlomeno,appare come un comportamento antisalutare,se non una vera e propria dipendenza.Lei,dall'esterno percepisce tutte le conseguenze negative di tale comportamento,anche sul suo rtapporto di coppia.
Purtroppo al momento la situazione appare di difficile soluzione,inquanto la persona interessata,nonostante quello che le è accaduto,non ha preso coscienza della sua necessità di aiuto.
La consiglierei comunque di non cessare di esercitare la sua opera dissuasiva sia nei confronti del suo ragazzo che,con i dovuti modi,dell'interessata,cercando di mettere in particolare evidenza le conseguenze sia sul piano della salute personale,sia su quello delle relazioni sociali.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani.