Utente
Buongiorno

sono in cura con cipralex, 1 compressa al dì, necessaria per gli attacchi di panico e per un disturbio di ansia generalizzata. Cipralex è assolutamente necessario per condurre una vita normale (o quasi).
Tuttavia c'è un problema abbastanza fastidioso (oltre all'aumento dell'appetito)
La mia qualità del sonno è piuttosto scarsa. Il sonno è agitato ed il risveglio è precoce. Dall'altro lato invece durante il giorno ho spesso molto sonno (desidero il letto!) e mi capita di addormentarmi molto presto la sera (per qualche ora) onde poi svegliarmi dopo qualche ora con grande difficoltà a riaddormentarmi e qualche pensiero turbolento.
Tutto questo non accade se assumo 1/2 cp di Tavor che lo specialista mi aveva prescritto per gli attacchi di panico. So benissimo però la dipendenza e i danni delle benzodiazepine per cui nn sono contento di prendere Tavor.
Esiste qualche altro rimedio? E' colpa del Cipralex? Come posso avere un sonno buono durante la notte e di giorno stare sveglio?
Non ne posso davvero più.....
Lo specialista ha parlato di ridurre Cipralex, ma in questo momento mezza compressa non farebbe altro che farmi ricadere fra qualche tempo nei disturbi d'ansia.

Grazie!!!

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Può cortesemente specificare quale è l'attuale dosaggio di escitalopram?
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente
L'attuale dose è 1 cp da 10 mg al giorno (mattino).

Grazie ancora

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
È probabile che il dosaggio attuale non sia suficiente alla riduzione di tutti i sintomi, solitamente il dosaggio terapeutico è superiore a 10mg che è da considerarsi una dose minima standard per il trattamento dei suoi disturbi.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente
Gentili dottori
mi permetto di chiedervi ancora qualche consiglio.
lo specialista sta valutando la possibilità di prescrivermi l'agomelatina, proprio per regolare i ritmi circadiani e ridurre cipralex a mezza compressa (evitando l'effetto ingrassante e la sregolatezza del sonno)

Ho le transaminasi in ordine ma una leggera alterazione delle proteine gamma (elettroforesi) che il medico di base ha attribuito ad un leggero stress epatico.

Il mio stile di vita non è proprio dei migliori, l'alimentazione è un pò disordinata e sto affrontando una cura a base di pennicillina per una Mst.
Pensate che la sostituzione con Agomelatina possa crearmi disturbi al fegato? Quanto è probabile un innalzamento delle transaminasi?
Quali vantaggi dovrebbe avere l'Agomelatina rispetto al Cipralex?

Mi sono mostrato dubbioso sul cambio di questo farmaco a causa di quanto detto sopra ed il medico ha acconsentito a continuare per ora con Cipralex.

Vi ringrazio per la vostra professionalità


[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Gentile utente,


Il dosaggio di farmaco attuale può non essere sufficiente per una riduzione sintomatologica efficace.

Prima di considerare il cambio farmaco, l'attuale dosaggio andrebbe portato ad un dosaggio efficace.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
Utente
Gentile dott. Ruggiero

innanzitutto grazie delle sue celeri risposte.
Il punto è che con l'attuale dosaggio di escitalopram (1 compressa al dì) la sintomatologia inerente gli attacchi di panico è del tutto scomparsa e l'ansia è molto rara e si presenta solo in situazioni particolari.
Gli unici due effetti collaterali fastidiosi sono quelli dell'appetito e della cattiva qualità del sonno (risvegli frequenti, scarsa profondità, risveglio precoce e sonno diurno).
Prima di escitalopram non avevo questi disturbi (ma ovviamente altri ben peggiori), ragion per cui la neurologa mi ha parlato dell'agomelatina, trovando tuttavia la mia perplessità a causa della probabile influenza sulla funzionalità epatica.
Pensa che il sonno cattivo sia ancora un sintomo dei disturbi d'ansia o di disturbi depressivi?
Sono anche molto preoccupato perchè mangio troppo, mentre prima di escitalopram e con i disturbi ansioso-depressivi ero sottopeso e non avevo voglia di mangiare.
Il mio umore è comunque molto buono. Ho solo un pò di sonno durante il giorno e prima di coricarmi sono spesso costretto ad assumere Tavor per evitare di "guardare il soffitto" per ore.

Grazie ancora