Utente 248XXX
Gentili dottori, ho 47 anni e soffro da alcuni mesi di un'alternanza del desiderio sessuale, il quale, scompare per molte settimane, per poi ricomparire per alcuni giorni e andar via nuovamente. Preciso che sino ad ora non ho mai avuto problemi simili, anzi, sono sempre stato molto attivo da questo punto di vista. ho una compagna da 17 anni con la quale vivo (o meglio vivevo) un rapporto ottimo dal punto di vista sessuale. In questa faccenda lei è stata molto comprensiva, quindi non posso che apprezzare anche le sue doti umane. Niente conflitti di coppia, quindi. Faccio un lavoro che mi soddisfa, non mi stressa e non mi genera ansia, non ho particolari problemi familiari o economici. Naturalmente ho eseguito tutti gli accertamenti clinici di rito che, sembrerebbero, escludere patologie organiche o ormonali. Il fatto è che con il passare dei mesi, via via, questo calo di desiderio mi ha generato ansia, così il medico curante mi ha prescritto lo xanax da 1 mg che assumo 3 volte al dì. Lo stesso curante mi ha detto che esiste un farmaco antidepressivo denominato TRITTICO che, oltre a combattere efficacemente l'ansia, non ha effetti collaterali e, soprattutto, a differenza degli altri composti dello stesso tipo, non influenza negativamente la libido, casomai (a suo dire) la migliora. E' vero tutto ciò a proposito del TRITTICO ? un'altra domanda: può essere lo Xanax responsabile di questo mio calo della libido o entrarci in qualche maniera, procurando quest'alternanza che genera, a sua volta, una sorta di circolo vizioso dal quale diventa difficile uscire ? Grazie infinite per l'attenzione che vorrete prestare a questo mio consulto e per la esaustività e completezza con la quale sono sicuro, mi risponderete. Saluti.

[#1]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

il trittico non ha indicazioni per quanto concerne un aumento del desiderio sessuale.

Inoltre il mio consiglio è di effettuare una consulenza psichiatrica al fine di diagnosticare adeguatamente tale stato ansioso e valutare se il calo del desiderio è a sè stante o parte di altri correlati psicopatologici.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#2]  
Dr. Piergiorgio Biondani

24% attività
20% attualità
8% socialità
BUSSOLENGO (VR)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2020
Gentile utente,
per quanto riguarda la mia esperienza,posso dirle,in linea generale,di non aver mai notato variazioni rilevanti della libido in rapporto all'assunzione dei due farmaci che lei cita.
Ritengo quindi che le motivazioni della attuale situazione siano da ricercarsi altrove.Spesso in situazioni simili non è facile giungere ad una causa univoca,vuoi psichica che fisica,ma spesso si tratta di combinazioni fra le due.Le consiglierei pertanto di non perdersi d'animo e proseguire il suo iter diagnostico con l'assistenza di un valido specialista di sua fiducia.
Cordiali saluti,
Piergiorgio Biondani..
Dr. piergiorgio biondani

[#3] dopo  
Utente 248XXX

Gentili dottori Biondani e Bardolino, premesso che ho gia effettuato un lungo iter diagnostico che esclude cause fisiche, mi confermate o meno che il TRITTICO, perlomeno, A DIFFERENZA DI ALTRI FARMACI ANTIDEPRESSIVI, PUR ESSENDO molto efficace contro l'ansia e NON INFLUENZA NEGATIVAMENTE LA LIBIDO ? GRAZIE E SCUSATE NUOVAMENTE IL DISTURBO.

[#4] dopo  
Utente 248XXX

sPERO SIATE COSì GENTILI DA RISPONDERE A QUESTA MIA NUOVA RICHIESTA DI CONSULTO, NELLO SCUSARMI PER IL DISTURBO gRAZIE DI CUORE.

[#5]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

ripeto: poichè il trittico NON ha indicazioni in tal senso, nessuno può affermare che tale farmaco faccia aumentare il desiderio sessuale.

Al contrario, è possibile affermare che tutti i farmaci di tale classe (genericamente definita classe delgi antidepressivi) possono (sottolineo: possono) avere interferenze con la sfera sessuale anche (ma non solo) per quanto concerne un calo del desiderio sessuale.

Per tali motivi è necessariamente fondamentale che il professionista responsabile della gestione e del trattamento in corso sappia (in base alle proprie competenze, alla propria esperienza, alle caratteristiche cliniche e personali del paziente) modulare gli interventi farmacologici in modo da tenere in considerazione anche la sfera sessuale.
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com