x

x

Riduzione entact

Buongiorno,

prendo 10mg di Entact da 1 anno e mezzo per un disturbo d'ansia generale che ho da 3-4 anni. Avevo già preso per un anno circa lo stesso farmaco, che era stato diminuito e smesso dal mio psichiatra troppo velocemente (a detta sua visto che poi me lo ha prescritto di nuovo dopo circa 5-6 mesi e anche a detta della psicologa che mi seguiva). Ora mi trovo all'estero, vivo fuori dall'Italia e rientrerò tra qualche mese e sostanzialmente ho fatto quello che voi mi direte che non andava fatto. Vista la sfiducia nella categoria e l'impossibilità di avere un medico specialista dove mi trovo ora ho avuto la scellerata idea di passare gradualmente dai miei 10mg a 5mg seguendo la tabella che il mio psichiatra mi aveva dato la prima volta (1 settimana a giorni alterni (10mg-5mg) e una settimana 2 volte 5mg e una volta 10mg per poi passare a 5mg. Ho appena cominciato a prenderne 5mg continuatamente e ovviamente mi sta tornando la paura di ricaderci, la mattina non sono brillante come sono sempre stato nell'ultimo anno e sintomi da interruzione che leggo anche in questo blog, vertigine, apatia..
Ora, dopo la ramanzina che giustamente mi farete, cosa mi consigliate?Tornare a 10mg subito per poi consultare uno psichiatra tra un paio di mesi quando tornerò?Continuare con 5mg?
Grazie mille delle risposte
[#1]
Dr. Vassilis Martiadis Psichiatra, Psicoterapeuta 7,1k 159 114
Visto che comprende l'imprudenza commessa, comprenderà che prudentemente non é possibile fornire prescrizioni a distanza, perché illegale e de ontologicamente scorretto. Dovrà raccorderai con lo specialista di fiducia per decidere come proseguire. Una nuova valutazione consentirà di comprendere se esiste la necessità di riprendere il dosaggio precedente o se é possibile proseguire in tal modo.
Cordiali saluti

Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2]
Dr. Michele Patat Psichiatra, Psicoterapeuta 640 11
Gentile utente,
talvolta la sospensione di una terapia può provocare disagi a causa della rapidità con cui avviene. Altre volte invece viene sospesa dopo un lungo periodo di benessere che lascia supporre una completa guarigione.
Purtroppo questo può essere verificato solo osservando ciò che succede dopo la sospensione, in quanto non esistono indicatori specifici (al di fuori di quelli statistici).
Non conoscendola non è possibile affermare se la sua situazione rientri nel primo o nel secondo caso, tuttavia la reiterazione di ciò che è successo mi farebbe pensare alla seconda ipotesi.
In questo caso sarebbe più opportuno proseguire con la terapia prescritta (10 mg) fino a quando potrà consultare il suo psichiatra (magari anche solo telefonicamente).
Cordiali saluti,

Dr. Michele Patat
https://www.medicitalia.it/michelepatat

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio