Utente 351XXX
Buongiorno. Sono in cura da uno psichiatra che mi ha diagnosticato ansia generalizzata, attacchi di panico e fobie.
Sto prendendo 15 milligrammi di cipralex al mattino e da domani inizierò con anche 50 milligrammi di deniban al mattino e altri 50 milligrammi di deniban nel tardo pomeriggio, ai quali affianco 0,50 milligrammi di xanax alle ore 8, 0,25 milligrammi alle 13 e altri 0,25 milligrammi alle 18.
Sto prendendo il cipralex da 20 giorni. Volevo sapere se per questa diagnosi l'abbinamento con deniban amisulpride può dare maggiore giovamento. E poi, siccome il medico mi ha parlato di levosulpride durante la visita, ma quando ho acquistato il farmaco ho letto amisulpride, è la stessa cosa? L'effetto dovrebbe essere il medesimo?
Grazie.

[#1]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Le é stato prescritto levosulpiride o amisulpride? Si tratta di due farmaci diversi. Il deniban é amisulpride.
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2]  
Dr. Michele Patat

28% attività
8% attualità
12% socialità
MONZA (MB)
MERATE (LC)
COLICO (LC)
CESANO MADERNO (MB)
CAPIAGO INTIMIANO (CO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
l'abbinamento di cipralex e deniban è possibile ed in genere viene utilizzato quando non si hanno risposte sufficienti con una singola terapia.
Xanax invece, pur compatibile con entrambi, andrebbe assunto per brevi periodi in quanto potrebbe generare assuefazione e dipendenza.
Amisulpride e levosulpride sono molecole di derivazione simile ma non sono la stessa cosa.
Probabilmente si tratta di una svista nel momento in cui ha parlato con il suo curante.
Cordiali saluti,
Dr. Michele Patat
https://www.medicitalia.it/michelepatat

[#3] dopo  
Utente 351XXX

Salve.
Come prescrizione mi è stato dato amisulpride, ma lo psichiatra mi aveva parlato di levosulpride durante la visita. Mi aveva anche chiesto se in passato avevo già preso questo tipo di farmaco ed io ho risposto di si, che anni fa avevo fatto già una cura con dello seroxat con un altro psichiatra che poi aveva abbinato il deniban per un certo periodo.
Probabilmente mi ha parlato di levosulpride ma alla fine mi ha prescritto amisulpride, potrebbe essere questa la soluzione.

[#4] dopo  
Utente 351XXX

Salve. Il medico mi ha prescritto amisulpride e non levosulpiride da affiancare al cipralex. Lui aveva parlato di entrambi i farmaci ma ha inteso darmi il deniban.
Gli eventuali effetti di quest'ultimo sono come i tempi di attesa del cipralex (4-6 settimane) avvengono in più breve tempo?

[#5]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
In genere richiede minore tempo.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#6] dopo  
Utente 351XXX

Grazie mille Dr. Martiadis.
Buona serata.

[#7] dopo  
Utente 351XXX

Buongiorno,
- sto notando dei lievi miglioramenti, ma come faccio a capire se tali miglioramenti sono da accreditare al cipralex, al deniban, agli ansiolitici o all'insieme della cura?
- In base ai lievi miglioramenti, lo specialista (che vedro' venerdi') potrebbe continuare la terapia con queste dosi e vedere se con questi 15 milligrammi di cipralex ottengo altri miglioramenti nei prossimi giorni, oppure puo' decidere di aumentare il farmaco a 20 milligrammi (magari perche' lievi miglioramenti si possono accreditare alla dose che, se aumentata, puo' dare piu' miglioramenti)?
- ho notato che ho spesso la diarrea (forse e' un effetto collaterale dei farmaci, non so). Posso prendere dei fermenti lattici?
Grazie per le vostre preziose risposte.

[#8]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
1. Comprendere questo è compito dello specialista
2. Quello che potrà fare lo specialista dipende dalla valutazione che effettuerà. Lo saprà venerdì, non ha senso porsi adesso la domanda.
3. La diarrea va riferita allo specialista che valuterà se si tratta di fenomeno correlato alla terapia o indipendente. Di conseguenza stabilirà il da farsi.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it