Utente 351XXX
Gentili dottori, da circa due settimane sto assumendo Cipralex per problemi legati all'ansia, tra qualche giorno raggiungerò quota 10 gocce come indicato dallo psichiatra, la cosa che non capisco è come mai a giorni i sintomi sembrano migliorare mentre altri peggiorare. Comunque, volevo chiedere, la causa scatenante influisce in qualche modo sulla guarigione oppure no? nel senso, nel mio caso è venuto fuori parlando con la psicologa che la causa potrebbe essere una serie di eventi stressanti che hanno mandato in tilt il cervello e potenziata da timori avuti in passato in seguito a traumi adolescenziali, tuttavia io questi traumi pensavo di averli superati già da un pezzo, volevo quindi chiedere è possibile tornare ad una situazione di benessere come prima di tutti questi eventi stressanti per poi superare il trauma con l'aiuto psicologico in un secondo momento o per la guarigione completa (per guarigione completa intendo dei sintomi, nel mio caso paure infondate, difficoltà di concentrazione, sbandamenti) è fondamentale la psicoterapia? Premetto che prima di questo periodaccio avevo qualche piccolo problema ma riuscivo a gestirlo senza tanti problemi. Il fatto è che ora la mia psicologa è in vacanza e quindi per un mese circa sarò scoperto ma speravo nella terapia farmacologica per riprendere i miei studi. E' possibile? Di solito dopo quanto tempo si vedono i primi miglioramenti col solo farmaco? e la guarigione completa?
scusate se ho posto così tante domande ma non avendo al momento un supporto esterno non sapevo a chi chiedere (ironia della sorte anche lo psichiatra è in vacanza)
saluti

[#1]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
La terapia farmacologica da i primi effetti dopo circa 4 settimane dal raggiungimento dei 10 mg. Una volta raggiunta la remissione sintomatologica, una terapia di mantenimento su indicazione dello psichiatra, contribuirà, assieme alla psicoterapia a garantire una remissione prolungata.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2] dopo  
Utente 351XXX

La ringrazio per la risposta, in genere quanto ci vuole per la remissione sintomatologica? so che cambia da persona a persona quindi volevo sapere nella media dopo quanto accade. I 10 mg dovrei raggiungerli domenica prossima quindi contando 4 settimane dovrei star meglio dalla prima settimana di Agosto, secondo lei c'è la possibilità che per l'inizio della scuola ovvero settembre sia di nuovo in forma? sempre in linea teorica, non conoscendo il mio caso so che non è possibile rispondere con estrema certezza
saluti

[#3]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
La risposta clinica deve essere valutata strada facendo dallo specialista per comprendere se vi sia la necessità di aumentare il dosaggio del farmaco. Generalmente in un arco di tre mesi si riesce a raggiungere la remissione sintomatologica. É chiaro che questi tempi sono del tutto orientativo. Se lei rientra nella media ci sono buone possibilità di avere consistenti miglioramenti entro settembre.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#4] dopo  
Utente 351XXX

Le chiedo solo un'ultimissima cosa, la psicoterapia può aiutare a gestire anche da solo in futuro eventi stressanti come quello che hanno fatto scatenare tutto ciò senza ricadere in questa ansia così forte? E non c'è il rischio che la psicoterapia peggiori i sintomi ansiogeni riportando alla luce vissuti magari dimenticati o superati?

[#5]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
1. Si
2. No
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#6] dopo  
Utente 351XXX

Giuro che con questa domanda finisco, con la psicoterapia si possono superare anche problemi andati avanti per anni? in quale tempistica sempre indicativamente? (ho subito vari episodi di bullismo per svariati anni che minavano la mia autostima), aggiungo che negli ultimi tempi stavo bene, la mia autostima era di nuovo alta e non subisco di questi episodi da molto tempo

[#7]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Questo tipo di domande andrebbero poste al terapeuta che dovrebbe avere un idea della durata del tipo di psicoterapia che applica, in relazione alle problematiche trattate.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#8] dopo  
Utente 351XXX

La ringrazio, allora aspetto che la cura farmacologica faccia effetto e poi vedrò di iniziare la psicoterapia quando starò un po' meglio, in futuro se dovessi avere altri dubbi posso contattarla tramite questo consulto? purtroppo il mio psichiatra sarà in vacanza fino ai primi di agosto e non so a chi altro chiedere

[#9]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Il consulto resta sempre aperto.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#10] dopo  
Utente 351XXX

Gentile Dottore mi scusi se a distanza di così poche ore torno a scriverle ma ogni giorno mi sento sempre più scoraggiato, aumentando la dose di cipralex oltre l'aumento dell'ansia provato gli scorsi giorni ho notato che ho anche sempre meno voglia di fare cose, come se avessi paura di uscire di casa, passo praticamente tutta la giornata tra tv e pc...può essere un effetto collaterale ? il farmaco aiuta anche in questo senso e cioè fa tornare la voglia di fare?