Utente 152XXX
Salve gent. Dottori,
chiedo scusa, soffro di depressione endogena media cronica e vorrei chiedervi se il nuovo antidepressivo che dovrà uscire è differente dagli attuali solo per il fatto che dovrebbe avere efficacia quasi immediata o perchè potrebbe essere efficacie laddove gli attuali farmaci ne hanno avuta "non abbastanza"?
Io sono stato in cura con diversi antidepressivi ma non sono stati mai "abbastanza", il penultimo è stato il cipralex, l'attuale la duloxetina che rispetto al cipralex mi da più risultati ma con importanti effetti collaterali soprattutto a livello sessuale/orgasmico/eiaculazione/libido e anche minzione;
leggo che la nuova molecola dovrebbe avere anche abbastanza meno effetti negativi a livello di libido, eiaculazione ecc. ma, mi chiedo: se la duloextina che va ad agire sulla seretonina e noradrenalina mi da questi importanti effetti collaterali, allora il vortioxetine che andrebbe ad agire oltre che sulla seretonina e la noradrenalina anche sulla dopamina e forse altri neurotrasmettitori .......... non dovrebbe allora causarmi ancor più effetti collaterali a livello sessuale?

Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Attualmente il farmaco non è disponibile sul mercato italiano e le valutazioni dello stesso saranno presentate al momento dell'uscita.

La pratica clinica ha qualche differenza con la letteratura.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 152XXX

Salve dr. Ruggiero,
si, capisco che la parte clinica ha delle differenze con la letteratura e in Italia non è ancora uscito ma mi sembra che in altri Paesi è già da un bel pò che è in commercio, quindi magari pensavo che qualche risposta avrei potuto averla;
ad ogni modo, si sa (anche in linea di massima) quando questo nuovo farmaco sarà disponibile anche in Italia?
Quanto ci vuole ad approvarlo se in altri Paesi è disponibile già da anni?
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Le decisioni dipendono dal Ministero e non è possibile sapere quando sarà disponibile, già doveva essere presente dall'inizio dell'anno.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 152XXX

Mi scusi dottore, ma la domanda sorge spontanea: ma non c'è nessuna "associazione di psichiatri" che "spinga" affinchè il Ministero si dia una mossa? Negli USA è da anni che c'è, l'EU l'ha già approvato, cosa aspetta allora il ministero italiano a metterlo in commercio?

Ad ogni modo, ho letto su alcuni forum americani che con questo farmaco molti hanno lamentato tanta nausea e tanto prurito come effetti indesiderati,
riguardo invece l'effetto antidepressivo, alcuni dicono che si aspettavano di meglio mentre altri che avevano già provato altri antidepressivi affermano di avere avuto più benefici rispetto ai precedenti farmaci.

La psichiatra mi ha detto che appena disponibile me lo farà provare ma se prima ero "in ansiosa attesa" perchè credevo desse una svolta alla mia condizione, adesso, dopo aver letto degli importanti effetti collaterali e che alcuni non hanno avuto i benefici che si aspettavano ................. inizio a temere che anche questa vortioxetina forse anch'essa non sarà "abbastanza efficace" per la mia depressione e ciò, ahimè, mi deprime ancor di più.
Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
I controlli e la messa in commercio dei farmaci è indipendente dal controllo dei medici in quanto i farmaci devono passare diverse fasi anche in Italia per poter giungere in commercio.
Deve essere anche stabilita la classe di entrata e le diagnosi.

Non mi è chiaro perché attendere un farmaco e non curarsi con quelli attualmente disponibili.
Del resto non sono state provate altre classi farmacologiche che forse la sua psichiatra potrebbe provare.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
Utente 152XXX

Mi scusi dottore, intende dire che forse sarebbe il caso mi prescrivessero (almeno per vedere l'effetto) delle molecole che vadano ad agire più sulla dopamina piuttosto che sulla seretonina?
In rete ho letto di alcuni (non ricordo se medici) che affermavano con molta convinzione che la depressione dipende più dalla dopamina e che gli antidepressivi che vanno a incidere su di essa danno molti più benefici.
Ribadisco comunque che con la duloxetina ho più benefici rispetto agli ssri ma con importanti effetti indesiderati a livello sessuale eiaculatorio per cui non credo sia così sbagliato aspettare un farmaco che sulla carta si dice sia almeno altrettanto efficace (o forse di più) ma che (sempre in teoria) da abbastanza meno effetti indesiderati (a livello sessuale ........... perchè il tanto prurito e la tanta nausea che in molti ha causato la vortioxetina.............)
Cordiali saluti

[#7]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003