Utente 387XXX
Buongiorno, pochi giorni fa sono stata visitata dalla mia psichiatra che mi ha cambiato il risperdal fiala 25 ml col xeplon fiala da fare una volta al mese perché avevo la prolattina alta (60.1) max 29.2. Qllo ke vi chiedo e' qsto vi risulta ke il xeplon faccia meno fame del risperdal col quale sono ingrassata 13 kg? E il dostinex fa ingrassare? Per ultimo: secondo il Vostro illustre parere da qsto disturbo posso guarire e vivere senza farmaci? Ho iniziato da poco psicoterapia e la mia impressione e' ke questa stia già dando dei risultati positivi. Cordialissimi saluti

[#1]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Il paliperidone, principio attivo dello xeplion, ha tra gli effetti collaterali l'aumento dell'appetito, come il risperidone. Se desidera mantenere il peso o dimagrire l'unica opzione è farsi prescrivere una dieta appropriata (che non faccia sentire la fame) e aumentare l'attività fisica (anche camminare va bene, non occorrono sport o palestre).
Il dostinex non fa aumentare di peso, serve a ridurre i livelli di prolattina.
La psicoterapia che ha iniziato è un'ottima cosa, aiuta a controllare i disturbi, a riconoscere i segnali di interpretazioni errate di situazioni e comportamenti. In casi favorevoli i sintomi possono anche scomparire per anni, ma si possono ripresentare in situazioni di stress, cambiamenti e così via, per questo noi psichiatri preferiamo parlare di remissione più che di guarigione.
L'attenzione dovrebbe essere concentrata sul vivere meglio possibile, più che con o senza farmaci, comunque per questo si deve affidare a chi la conosce direttamente.
Riuscire a sentirsi bene per periodi lunghi, riconoscere eventuali ricadute e trattarle in tempo in modo da risolverle rapidamente dovrebbero essere gli obiettivi della terapia.
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Utente 387XXX

Gentilissima D.ssa Scapellato, grazie per la celerità nella sua risposta precisa e puntuale. Da ciò ke mi ha scritto mi e' sorta una domanda spontanea ke con i medici con cui sono stata in contatto nn sono mai riuscita a chiarire: a luglio 2012 sono stata operata a Milano per microdiscectomia cervicale, prima del' intervento assumevo 60 mg di Targin e 150 gc al di di Minias per placare il dolore farmaci ke ho sospeso bruscamente dopo l'intervento, dopo qualke gg dall'intervento ho cominciato a delirare convinta ke mio marito mi volesse ammazzare e ke mia madre mi odiasse e mi volesse fare interdire, il 12 agosto ricovero con tso per sei settimane dimissioni volontarie contro il parere dei medici. Nell'ottobre del 2014 sono stata operata di nuovo per lo stesso problema anke stavolta smessi bruscamente in ospedale oppiacei 500 mg al di Palexia e 150 gc di Minias a novembre nuovo ricovero in regime di tso prolungato. Lei mi ha parlato di stress, di cambiamenti...secondo lei i due scompensi psicotici sono stati causati dall'interruzione brusca dei farmaci sopracitati o è stato il cambiamento dell'ambiente o ancora l'anestesia? Senza qsti fattori avrei potuto avere comunque tali scompensi? Da ultimo potrei in base alla sua esperienza fare domanda per ottenere l'assegno di invalidità? Qsta malattia mi ha sconvolto la vita convinta ke la gente ke conosco parli male di me mi sono isolata, nn ho più potuto lavorare e ho una vita sociale pari a zero. La ringrazio se ancora una volta vorrà gentilmente rispondermi. Cordialissimi saluti.

[#3]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Per quanto riguarda gli scompensi psicotici non è possibile rispondere a distanza, probabilmente l'insieme dei fattori, ambiente, intervento, sospensione di una benzodiazepina a dosaggio dieci volte il normale in una personalità predisposta hanno prodotto dei disturbi.
Per la domanda di invalidità la può presentare, corredata dalle cartelle di ricovero e dalle relazioni mediche. L'assegno, se lo otterrà, è piccolo, ma con un'invalidità parziale può iscriversi alle liste di collocamento speciali, per un inserimento al lavoro. Le probabilità di trovare lavoro non sono molte, ma conviene tentare. Per quanto riguarda la vita sociale può provare con calma a risalire la china, andare dal parrucchiere o in palestra (per esempio) è difficile all'inizio, ma chiudersi in casa è la cosa peggiore. Se ha l'impressione che parlino male di lei adesso può affrontare il problema con la terapeuta, potete lavorare insieme e vedrà che questo farà la differenza.
Franca Scapellato

[#4] dopo  
Utente 387XXX

Gentilissima d.ssa Scapellato, mille grazie per i suoi preziosissimi consigli, farò come mi ha suggerito Lei e il 3 settembre inizierò un corso di acquagin perché essendo
Stata operata la ginnastica nn riesco a farla a causa di una brachialgia persistente sx nonostante i farmaci. Ho letto il suo curriculum così ho saputo ke ha lavorato presso una commissione asl per gli invalidi civili, per qsto se vorrà cortesemente rispondermi Le vorrei chiedere un ultima cosa: sono stata operata due volte di microdiscectomia cervicale tratto c5-c6, c6-7, con innesto di due cage più una vera e propria protesi, soffro di asma allergica 2 puff al di di seretide discus 50/500, di rinite allergica aerius 1 cp al di, per depressione ricorrente 3 cp al di di fluoxerene da 20 mg cad. Ritiene ke con qsto quadro sommato al disturbo delirante possa darmi diritto all'assegno di invalidità. La ringrazio per la sua cortese disponibilità e Le porgo i miei più cordiali saluti.