Utente 382XXX
Buonasera dottori,
Vi scrivo in quanto mi piacerebbe conoscere la Vostra opinione in merito alla condizione in cui mi trovo da quasi un anno. Tutto cominciò circa un anno fa appunto con un primo episodio (il più 'significativo') di quelli che potrebbero sembrare una serie di attacchi di panico: tornando da Milano in treno ho avvertito inizialmente un senso di confusione e tensione in testa, che è andato peggiorando col tempo (circa mezz'ora), fino ad avere tremolio diffuso in tutto il corpo, anche alla testa, vertigini, vampate di calore, e un senso di ansia forse provocato (forse) dagli stessi sintomi che mi facevano sentire sul punto di svenire da un momento all'altro. Appena ho potuto, lo stesso giorno, mi sono recata al pronto soccorso, dove mi hanno fatto un elettrocardiogramma oltre a controlli di pressione e battito cardiaco. Tutto nella norma han detto. Dopo tale episodio sono stata bene per alcuni mesi, finché non ho iniziato ad avere altri simili esperienze ma di minore intensità, soprattutto di notte. Ultimamente mi capita che mi vengano anche quando meno me lo aspetto... In vacanza ad esempio, quando in teoria lo stress dovrebbe essere al minimo (per questo mi preoccupo e credo che il problema non sia solo emotivo). I sintomi più frequenti ultimente sono pesantezza alla testa, tachicardia, senso di oppressione, fischio alle orecchie. So che un consulto a distanza non é sufficiente, ma a cosa potrebbe essere dovuto tutto questo?
RingraziandoVi anticipatamente per la Vostra risposta Vi auguro una buona serata.

[#1]  
Dr. Mario Savino

40% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Il Disturbo da Attacchi di Panico è un disturbo del sistema nervoso e non una condizione "emotiva". Certo, può risentire degli stress ma questo avviene anche per diabete, ipertensione, gastrite, etc etc etc.
Evitare lo stress non ci protegge necessariamente dai sintomi, ad esempio questi sono non di rado assenti sotto pressione o in condizioni di emergenza per poi manifestarsi una volta superato il periodo di tensione.
Se Lei soffre di DAP soffre di un disturbo comunque curabile ma occorre diagnosticarlo con certezza e trattarlo correttamente, si rivolga quindi ad uno Specialista Psichiatra, se poi occorrono ulteriori accertamenti o un supporto psicoterapico sarà lo psichiatra a deciderlo.
Un caro saluto

MS

Mario Savino
medico
Specialista in Psichiatria

[#2]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
La condizione appare aspecifica per considerare i sintomi esclusivamente di natura psichiatrica.

Andrebbero preventivamente valutate le condizioni che possono essere responsabili di tali sintomi con l'ausilio del suo medico di famiglia.

La sola valutazione cardiologica del pronto soccorso non è sufficiente ed è opportuna una visita in elezione.

https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#3] dopo  
Utente 382XXX

Vi ringrazio molto per le vostre risposte. Ne approfitto per chiedervi un'ultima cosa: sempre al pronto soccorso mi hanno consigliato di prendere gocce di Bromazepam Sandoz (circa 7-8 gocce) per calmare questi sintomi. Dovrei continuare a prenderle mentre aspetto di fare visite più specifiche? Gli episodi ormai si ripetono frequentemente, circa una o più volte nel giro di due giorni.

[#4]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003