Utente 112XXX
Salve,
da circa 25 anni faccio uso di benzodiazepine e da alcuni anni, in particolare di Tavor (adesso ne sto prendendo dalle 2 alle 3 compresse da 2,5 al giorno).
Vorrei cominciare a ridurre per poi eliminare, a causa di spiacevoli disturbi di memoria riscontrati negli ultimi mesi.
Il mio psichiatra mi consiglia di farlo sostituendo il Tavor con Largactil, ma a me la cosa non piace.
Ho letto che il clonazepam può essere utilizzato durante la disintossicazione. (Tra l'altro, quand'ho momenti di panico, una decina di gocce di rivotril le uso). Potete suggerirmi con quali modalità?

Grazie

Stefania

[#1]  
Dr. Giuseppe Quaranta

32% attività
8% attualità
16% socialità
PISA (PI)
SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE (TA)
BENEVENTO (BN)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Gentile Stefania,

25 anni di uso di benzodiazepine sono un tempo molto lungo, che rendono difficoltoso lo scalaggio e la sospensione delle benzodiazepine, ma lì dove possibile bisogna farlo, perché le benzodiazepine assunte cronicamente non sono una cura ma una seconda "malattia".
La sostituzione con il Largactil ® non ha nessun fondamento, perché quest'ultimo farmaco appartiene a una classe famracologica diversa. Mentre l'opportunità di utilizzare il clonazepam è più razionale. Ovviamente, deve stabilire il suo curante modalità e tempi.
buon pomeriggio
cordiali saluti
Dr. Giuseppe Quaranta
giuseppe.quarant@gmail.com

[#2] dopo  
Utente 112XXX

Buon pomeriggio,

il mio psichiatra mi suggeriva la sostituzione con neurolettici, in quanto, a suo dire, meno incisivi sulla memoria, il cui deterioramento è il principale motivo per cui ho deciso di abbandonare le benzodiazepine.

Proprio stamani gli chiedevo di provare invece ad usare il clonazepam e la risposta è stata "Tentar non nuoce".

No, credo che non nuoccia.

Naturalmente gli chiederò di stabilire modalità e tempi, anche se credo di aver bisogno, soprattutto per un motivo psicologico (avendo un disturbo ossessivo, la mia prima ossessione è quella che mi si scateni un'ossessione in seguito a riduzione e sospensione) di molto tempo per abituare corpo e mente all'addio, che dubito comunque riuscirà mai ad essere definitivo, a queste sostanze.

Diciamo che una boccetta di calmante con me la porterò sempre.

La ringrazio per la solerte risposta.

Stefania.

[#3]  
Dr. Giuseppe Quaranta

32% attività
8% attualità
16% socialità
PISA (PI)
SAN MARZANO DI SAN GIUSEPPE (TA)
BENEVENTO (BN)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2015
*in quanto, a suo dire, meno incisivi sulla memoria

i neurolettici meno incisivi sulla memoria? e il largactil nella fattispecie? no, direi proprio di no. In ogni caso non è questo il punto. Il punto è che non si può sostituire una benzodiazepina con un neurolettico, non è questa una strategia utile o fattibile nello scalaggio/sospensione.

Cari saluti
Dr. Giuseppe Quaranta
giuseppe.quarant@gmail.com