Utente 272XXX
Salve a tutti.
A causa di una forte ansia generalizzata che si protrae da anni (e non curata) ho deciso di rivolgermi ad uno psichiatra che mi ha prescritto Sereupin 20mg.
Ho iniziato la terapia da 2 mesi ormai e circa 20 giorni fa, visto i pochi risultati raggiunti, il medico mi ha consigliato di aumentare a 30 mg. Dopo i primi giorni di totale benessere nell'ultima settimana sembra di nuovo peggiorato tutto. I sintomi dell'ansia sono quasi del tutto scomparsi (anche se stamattina per la prima volta accuso di nuovo tachicardia) ma mi sento molto nervoso e irrequieto, mi sveglio spesso la notte e ho durante tutta la giornata forti contrazioni muscolari dalle spalle alla testa e cefalee. Pensate sia il caso di continuare questa cura o eventualmente di aumentare il dosaggio a 40mg?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

il modo in cui descrive la situazione richiama uno stato ansioso, per cui non è molto chiaro cosa intenda quando dice che i sintomi d'ansia sono quasi del tutto scomparsi.
Gli aumenti richiedono un mese per essere valutabili, così come le prime dosi, ed è possibile un peggioramento iniziale, così come per l'inizio.

Consigli su cosa fare, se continuare o meno, qui non se ne possono dare. Queste decisioni vanno gestite col proprio medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 272XXX

Grazie per la celere risposta.
In effetti pure queste potrebbero essere manifestazioni ansiose, anche se diverse da quelle che avevo prima dell'inizio della terapia tant'è che nelle ultime settimane avevo eliminato totalmente lo xanax. I risvegli notturni e le cefalee sono però comparsi con la terapia perchè non ne ho mai sofferto. E' possibile che ci siano ricadute nel corso della terapia? Ogni volta che ho introdotto o aumentato il farmaco sono stato bene per qualche giorno per poi soffrire di questi sintomi dopo 1 settimana. Secondo la vostra esperienza è possibile che si tratti di malesseri transitori anche se sono già passati quasi due mesi dall'assunzione del farmaco?

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'effetto che si ricerca con questa terapia non è immediato, per cui il miglioramento iniziale non ha valore, e il peggioramento dopo i primi giorni rientra nel decorso atteso prima della comparsa dell'effetto terapeutico, con effetti che in parte possono essere collaterali.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 272XXX

L'aumento da 20 a 30mg è avvenuto il 19 Gennaio (ad oggi quindi sono passati circa 22 giorni) il miglioramento si è realizzato nella settimana immeditamente successiva mentre il pegioramento dai primi di febbraio. Sto ri-aumentando la dose di xanax giornaliera che avevo scalato (in ogni caso non supero lo 0,5 di xanax R al giorno, raramente arrivo a 0,75) e ho ripreso a fumare circa 5-6 sigarette al giorno (se può essere utile come informazione).
Lei consiglia quindi di mantenere questo dosaggio per almeno un'altra decina di giorni cosi da far decorrere il mese dall'aumento?

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No, consigli sul da farsi sempre e solo dal proprio medico, mai tramite il sito. Quello che è stato detto è semplicemente che l'effetto ricercato compare sempre con la latenza di un mese, e che come mossa terapeutica torna con la situazione descritta.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 272XXX

Salve, le scrivo di nuovo.
Son passati più di due mesi dall'inizio della cura e 5 settimane dall'aumento del dosaggio da 20mg a 30mg di Sereupin. Non registro miglioramenti significativi... ho molta ansia sopratutto al risveglio e sento crescere in me apatia e insensibilità. Naturalmente mi consulterò col mio medico, ma vorrei sapere se secondo voi è trascorso un periodo di tempo sufficiente per potermi fare optare per un cambiamento di farmaco o eventualmente un aumento di dosaggio.

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sì, è trascorso un periodo sufficiente per pensare di rivedere la cura.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 272XXX

Gentile dottore, la aggiorno sulla mia situazione.
Giorno 25 febbraio, d'accordo col medico, abbiamo concordato un aumento del dosaggio da 30 a 40mg di sereupin.
Dopo i primi 10 giorni di benessere (associato forse ad un pò troppa sonnolenza...) da oggi sto di nuovo male. Ho forte tachicardia.
Tra 10 giorni se non dovesse migliorare la situazione dovrò iniziare lo scalaggio e la sostituzione con lo zoloft....

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

10 giorni sono pochi per vedere l'effetto dell'aumento
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 272XXX

Ok è passato un mese dall'aumento a 40mg. Sono stato molto bene per circa 20 giorni, dopo ho subito un calo e sembra che la situazione stia di nuovo precipitando ritornando alla fase iniziale.
Ho tolto del tutto lo xanax, ma mi rendo conto che tornano le ossessione, le contrazioni muscolari e la tachicardia.
Lo zoloft è un farmaco altrettanto buono per i miei disturbi? Col medico stiamo pensando ad una sostituzione

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Segua pure le indicazioni del suo medico, mi pare stia facendo un ragionamento più che sensato.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it