Utente 361XXX
Salve,

Sono una donna che soffre di disturbo borderline e spettro bipolare.
Sto assumendo la lamotrigina da 25 mg come cambiamento di cura da depakin chrono a rilascio prolungato 300 mg, che dovrò aumentare gradualmente.
Depakin mi ha aiutato tantissimo con gli scatti di rabbia, mio principale problema ma lo psichiatra voleva sostituirmelo perchè dice sia un farmaco vecchio e pesante con effetti collaterali che lo rendono inadatto alle donne in età fertile. Premetto che io non voglio figli e infatti con Depakin usavo il cerotto anticoncezionale Inoltre soffro di reflusso e la Lamotrigina per il dottore può essere meno infiammante del Depakin.
Il mio disturbo dell'umore è anomalo: non ho i parametri per rasentare una depressione maggiore o uno stato ipomaniacale. Principalmente persiste sempre una sorta di eccitazione che si tramuta in ansia- attacchi di panico e crisi di rabbia quando mi sento trascurata.
Con Depakin tenevo tutto sotto controllo anche se il mio umore era molto basso, tendente alla depressione e all'isolamento.
Con Lamotrigina ho insonnia ma quello che mi spaventa sono soprattutto gli scatti d'ira incontrollati: stavo per tirare uno spintone a una persona perchè mi era troppo vicina per mancanza di spazio e credevo ci provasse, ho risposto malissimo al mio ragazzo e ieri stavo per spaccare la portiera a calci perchè lui non voleva portarmi al pronto soccorso perchè avevo un attacco di panico.
Io non posso continuare così ma lo psichiatra mi ha detto è un effetto iniziale, potrebbe essere che il farmaco non è adatto ai miei problemi?
Mi spavento perchè nei momenti di rabbia non sono io, è come se venisse fuori un'altra persona , non mi riconosco e non erano frutto di un'agitazione lunga, nel pomeriggio ero tranquilla, ma poi basta qualcosa di non prevedibile, una piccolezza che leggo come una mancanza di rispetto ( e a volte non lo è) ed esplodo. Mi vergogno a farmi vedere dai familiari del mio ragazzo perchè ho preso a calci l'auto. E' possibile che ciò sia indice del mio disturbo dell'umore e che non tutti gli stabilizzatori vanno bene?
Un cordiale saluto

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La lamotrigina in genere si porta alla dose efficace piano, per evitare reazioni allergiche, quindi ci mette di più a funzionare. 25 mg è una dose iniziale, le dosi efficaci sono superiori, presumo che sia sempre in fase di aumento.

Alcuni ormoni influenzano il metabolismo della lamotrigina, e cioè ne riducono il livello nel sangue rispetto a quello teorico, per cui di fatto l'irritabilità potrebbe dipendere dal fatto che è ancora "scoperta", per la dose e per questo effetto metabolico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 361XXX

si, sono ancora in fase iniziale. 25 mg e metà depakin da 300. dovrei togliere il depakin e assumere lamictal a 50 per almeno un mese e poi passare a 100. Purtroppo mi sembra troppo lento come percorso, cioè sto sacrificando lavoro e vita affettiva e invece col Depakin stavo bene. Secondo lei sarebbe una follia tornare - chiaramente sotto controllo di uno specialista - al vecchio farmaco e per evitare rischi di salute fare controlli ovaie e del sangue spesso?
Il depakin mi dava una leggera depressione, un abbassamento del tono dell'umore ma mi diceva lo psichiatra spesso per chi è up può sembrare depressione quando invece è umore stabilizzato.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Il percorso mi pare sensato, salvo il fatto che gli aumenti in genere si fanno con gradualità di 12,5 mg di incremento alla settimana, non tutto insieme da 50 a 100.

Al momento la riuscita dell'opzione lamictal è ancora non valutabile.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it