Utente 344XXX
Salve, io adesso ho molta paura ad allontanarmi da casa perché nel caso di un attacco di panico non so cosa fare. Solitamente sono corso all'ospedale.
Ma se fossi ad esempio in autostrada, lontano da casa e mi viene un attacco di panico cosa posso fare?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Non è la via giusta. Per bloccare gli attacchi esistono delle cure semplici, solitamente funzionano nell'arco di un mese.
Non ha mai riferito a nessuno questo problema, al suo medico ad esempio ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 344XXX

Che tipo di cure? Ne ho solo parlato con lo psicologo

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Deve sottoporsi ad una visita psichiatrica per poter stabilire quali terapie possano essere fatte per risolvere questa problematica.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#4] dopo  
Utente 344XXX

Ok però potrebbe gentilmente rispondere al mio quesito iniziale? In caso di attacco di panico lontano da casa e da un ospedale cosa posso fare?

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non ha ben compreso. Se l'attacco di panico fosse gestibile, non costituirebbe un elemento che condiziona le persone come sta succedendo a Lei (e in generale a chi ne soffre).
Al momento si sta concentrando sulla singola manifestazione (ogni attacco preso a sé, e quando si sviluppa) anziché curare il disturbo. Chi si cura il panico non ha più il problema di cosa fare in caso di attacco di panico, che è il punto a partire dal quale cercare una soluzione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 344XXX

Ok ma nel frattempo di parlarne con lo psicologo che mi segue e siccome domani devo andare in autostrada chiedevo cosa fare nel caso mi succedesse.devo chiamare una ambulanza o attendere che passi? Ci sono rischi per la vita? Solo questo chiedo

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Forse non ci siamo capiti allora. Ragiona nei termini di una persona che deve prevenire il panico e le sue conseguenze. Non è un modo costruttivo di ragionare, non ne esce per questa via.
Parla come se ci fossero antidoti contro il singolo attacco, cosa che a questo punto avrebbe già saputo.
Le cure del panico sono farmacologiche, si informi da un medico. Lo psicologo non può indicarle né gestirle.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 344XXX

Il mio psicologo lavora dentro ad una struttura dove c'è anche uno psichiatra.
Però rispondere alla mia domanda mi aiuterebbe molto ad avere coraggio per domani. Per favore mi dica cosa devo fare se mi viene un attacco domani per favore

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No, è una domanda che non ha risposta, altrimenti sarebbe la prima a trovarla. Ma chi soffre di panico perde di vista il più semplice dei concetti, perché si fissa di dover far qualcosa contro l'attacco, e finisce per farla una serie di cose, che costituiscono il cosiddetto "evitamento", oppure precauzioni di vario tipo su cosa fare in caso di attacco, che limitano o condizionano la vita, e alla fine portano anch'esse all'evitamento.
La terapia del panico non si fonda su antidoti per bloccare gli attacchi quando vengono. Non funziona così.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 344XXX

Ok ma cosa fare in caso di un attacco nel caso sia lontano da casa, senza medicine? Aspettare che passi o chiamare il 118?

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Continua a ripetere la stessa domanda, non sembra leggere le risposte.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 344XXX

Le ho lette ma non capisco perché non è possibile rispondere ad uns domanda così semplice

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No, non le ha lette. Quello che le manca è di far curare questo disturbo.
Lei stessa ha menzionato quel che accade: a volte passa, altre volte, se è forte, si finisce per chiamare o far chiamare soccorso.
Questo infatti è ciò che accade.
La terapia del disturbo di panico è un'altra cosa, e non si basa sul trattamento dell'attacco in corso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it