Utente 439XXX
Salve sono un ragazzo di 26 anni e sono circa 15 anni che a periodi più o meno lunghi mi sento in uno strano stato d'ansia. Ho sempre trovato da solo delle "soluzioni" a questi problemi, ad esempio vedevo un cancello e mi faceva stare male e io mi dicevo se tocco 3 volte qualcosa sto bene. E poi effettivamente mi sentivo meglio.. e così passavano gli anni..
Tuttavia l'estate scorsa ho iniziato a fare dei pensieri sempre più fastidiosi, che mi rendevano molto ansioso e che quelle soluzioni non riuscivano a calmare.. ho iniziato a cercare su internet e mi sono convinto di essere schizofrenico, anche perché mio fratello lo è.. così la mia fidanzata, l'unica persona con cui mi sono confidato, mi ha consigliato di vedere uno psicologo.. il quale sentendo la mia storia mi ha detto che soffro di disturbo ossessivo compulsivo. Ci sono stato 4 o 5 volte ma non ho visto grossi cambiamenti.. ed ero sempre più convinto di essere schizofrenico.. mi sono rivolto ad uno psichiatra, il quale mi ha confermato la diagnosi di doc a carattere dubitativo. Io però sono sempre convinto di essere schizofrenico, così mi sembra di vedere cose , come della pioggia in lontananza e allora ho paura di vedere persone o cose che non esistono.
Mi sento molto agitato per questa cosa.. secondo voi sono schizofrenico?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

I contenuti delle sue paure non sono ovviamente da discutere per dire che siano fondati o infondati.
Il punto è: vista la diagnosi, ha seguito delle cure ?
a) lo psicologo da cui è andato qualche volta che tecnica ha applicato durante le sedute o da farle svolgere a casa ?
b) lo psichiatra le ha proposto una cura farmacologica immagino, quale ? La sta seguendo ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 439XXX

Grazie per la pronta risposta, ma perché non sono da discutere le mie paure?
Lo psicologo si è limitato ad ascoltarmi; mentre lo psichiatra mi ha dato il diazepam, ma non ho una grossa tolleranza ai medicinali.. quindi ora non sto prendendo più nulla. Vorrei solo sapere se secondo lei posso essere schizofrenico. Grazie

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Perché se discute le sue paure significa che allora è importante dare a queste paure una risposta. E se è importante vuol dire che sono sensate, e quindi se sono sensate serve una risposta. E così ciclicamente senza fine. O passando da una paura ad un'altra.
Si riconoscono da come sono poste le domande di tipo ossessivo, menomale perché se si entra nella discussione poi peggiorano.

Il suo sintomo è la preoccupazione, e questo va curato.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it