x

x

Sensazione si ubriachezza eutimil-deniban

Buonasera, scrivo per sapere alcune delucidazioni su un problema che ho da un paio di mesi. In questo periodo sto soffrendo di un disturbo che si manifesta con una sensazione di ubriachezza (mi sento come intontito o comunque come avessi bevuto un po'). Inizialmente questa sensazione si accompagnava ad episodi di vomito (occasionale) e nausea. Essendo un tipo piuttosto ansioso, ho consultato diversi dottori: sono andato prima dal mio medico di base che mi ha detto di stare tranquillo, lo stesso mi ha detto il mio oncologo (2 anni fa ho avuto un linfoma), poi, non contento, sono andato dall'oculista (visita negativa) e poi dall'otorino, la cui visita è risultata ugualmente negativa. Su consiglio di quest'ultimo sono andato il 2 febbraio scorso da un neurologo (specializzato anche in neuropsicofarmacologia) che dopo avermi rassicurato sul fatto di non avere malattie gravi (avevo paura di averne visto che leggo molto su internet), dopo una attenta visita, ha riscontrato un forte disturbo d'ansia. Aggiungo che, oltre a questo disturbo spesso, ho anche fastidio dietro il collo (cervicale o tensione?). Il neurologo mi ha prescritto una cura con una pasticca al giorno di Deniban e mezza pasticca di Eutimil, da aumentare dopo una settimana ad una pasticca. La posologia del Deniban, invece, è stata di una pasticca per una settimana, e mezza pasticca fino a completamento della confezione. All'occorrenza mi è stato prescritto anche il Tavor, da prendere solo in casi di emergenza (non l'ho mai preso). Dopo un mese di terapia mi sono sentito meglio. in questa ultima settimana però, dopo aver terminato il deniban, ho notato che i sintomi sono ritornati, pur in maniera minore rispetto a prima. Il neurologo dice che questo è un periodo di transizione e che quindi è una cosa normale. Mi ha detto di continuare con Eutimil e, nel caso, al prossimo controllo si valuterà se ridurlo/aumentarlo oppure rifare un ciclo di Deniban. Vorrei sapere il vostro parere. Aggiungo che sono anche in cura presso una psicologa. Grazie.

Ps: ho anche effettuato alcune analisi complete per i miei controlli oncologici (tutte nella norma.
Emocromo perfetto, glicemia ok, azotemia ok, creatininemia ok, bilirubina totale ok, bilirubina diretta 0.3 (il massimo è 0.25), bilirubina indiretta 0.9 (il massimo è 0.7), protidogramma ok, LDH ok, Gamma-glutamil-trasferasi ygt ok, ves 30 (il massimo è 20), fibrinogeno ok, got ok, gtp ok, beta 2 microglobulina ok.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37,1k 888 56
[#2]
dopo
Utente
Utente
Se è possibile che i sintomi possano tornare anche se in maniera più lieve e se la cura può essere considerata adeguata. Grazie.
[#3]
dopo
Utente
Utente
Non si può sapere nulla? Segnalo che spesso questi sintomi sono accompagnati da doloristrutturare dietro al collo.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Vi aggiorno, sebbene non abbia avuto risposte. I primi di aprile tornerò dal neurologo per un controllo preventivato (ci eravamo ripromessi di rivederci a distanza di due mesi dall'inizio delle terapie). Volevo dire che i sintomi in generale sono migliorati, rendendomi la situazione sopportabile e gestibile. L'unico problema è che non sono passati e perciò mi rimane ancora questo senso di ubriachezza/sensazione di essermi appena svegliato/sinusite, con numerosi doloretti dietro al collo (mi scrocchia tutto quando lo ruoto). Quanto tempo ci vorrà secondo voi perché il sintomo possa scomparire del tutto? Grazie.