Utente 401XXX
Buongiorno, da circa nove giorni sto assumendo Nervaxon, due compresse al giorno a colazione ed a pranzo.
Me lo ha prescritto il medico di base, dopo avergli detto che soffro di ansia ed ho la tendenza ad avere pensieri ricorrenti. Faccio anche psicoterapia, e secondo il mio psicologo non ho una vera e propria depressione ma più che altro un umore a volte depresso perché con il doc, ovviamente, non sempre si può stare allegri. Siccome ho sentito opinioni contrastanti, questo farmaco ha una sua efficacia oppure è come se stessi assumendo acqua? Teoricamente dovrebbe avere lo stesso meccanismo di azione degli SSri, dai quali si differenzia sia per l'inferiore entità dell'efficacia che dalla diversità degli effetti collaterali, è corretto? Ho letto sul bugiardino che la dose ottimale è di 900 mg quindi tre pastiglie, eventualmente dopo quanto tempo potrei passare a tre? Ci vuole un periodo di introduzione del farmaco o potrei già aumentare? Devo prima aspettare per vedere se 2 bastano? Se si, quanto tempo?
Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Non mi risulta che questo farmaco sia utile nel doc, se ha questa diagnosi. E' utile nella depressione.
Perché quindi questa scelta ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 401XXX

Buongiorno dottore.
A dire la verità ho detto al medico di base che soffro di ansia ed ho pensieri ricorrenti e per questo mi capita di frequente di essere sottotono, sul doc lavoro col terapeuta.

Ho letto che il nervaxon agisce come gli SSRi (con una differente intensità) non è vero?
Se porta ad un aumento di serotonina, questa non va ad incidere anche sul doc?

Grazie mille per la risposta

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Quindi comunque la diagnosi di doc c'è, e questo implica la presenza di pensieri ricorrenti e l'ansia, quindi non mi paiono due problemi distinti.
Ripeto, sì, il meccanismo d'azione è comune ad altri farmaci già esistenti, però questo specifico per adesso è indicato nelle depressioni, mentre nel doc non è risultato efficace per adesso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 401XXX

Grazie dottore per la risposta.
Secondo lei aver utilizzato un farmaco diverso da quello indicato può compromettere l'azione di quest'ultimo ritardandone,ad esempio, l'effetto o rendone necessaria una dose più alta, oppure i due sono comunque indipendenti?
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No, Non si preoccupi di questo
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it