Utente 477XXX
Gentili dottori,
scrivo in quanto da diverso tempo soffro di depressione, oltre che gravi difficoltà a gestire la rabbia (che mi hanno portato anche a picchiarmi, distruggere oggetti e alzare le mani sul mio compagno). Non ho sofferto di ansia fin'ora, a parte qualche isolato episodio. In passato, a seguito di una caduta dalle scale, ebbi uno svenimento al quale seguirono numerosi attacchi di panico. Il mio medico mi prescrisse Xanax, da me interrotto perchè dormivo tutto il giorno e avevo una grande confusione mentale, e successivamente Lyposom Forte con il quale sono stata molto meglio. Ad oggi soffro delle suddette crisi di rabbia e di depressione. Per la precisione prima si trattava di crisi di rabbia isolate, ora la rabbia è diminuita, ma mi sento di umore depresso, con pensieri negativi ricorrenti. Fra l'altro ho dolori muscolari/articolari al collo, alle spalle e alle mandibole che non riesco a risolvere nonostante le cure ortopediche e la fisioterapia, il ché mi porta ad assumere FANS, come Oki e Brufen 600, prescritte da medico curante e ortepedico. Inoltre ho irregolarità del ciclo mestruale e bruciore intimo ricorrente, nonostante le cure. Immagino non ci sia alcun collegamento ma il fatto è che la mia salute mi preoccupa molto (forse troppo) in questo periodo. Mi sento "malata". Il mio medico mi ha consigliato di utilizzare l'iperico (4 opercoli al giorno per un totale di 375 mg, da assumere due al mattino due alla sera) in associazione con mellissa e passiflora, dell'Aboca. Assumo iperico da due settimane e il tono dell'umore è migliorato, ma soffro di tachicardia, extrasistole, senso di soffocamento. Il cardiologo con il quale mi sono consultata al momento solo telefonicamente mi ha rassicurata, dicendo che si tratta di banali extrasistoli che tutti hanno e spesso non hanno natura patalogica. E di sottopormi ad un holter cardiaco solo qualora il disturbo perduri nel tempo. A parte questo, ho anche stanchezza, ipersonnia, senzo di stordimento, difficoltà a concetrarmi e a formulare pensieri articolati, dimentico le parole nel discorso. Mi recherò da uno specialista al più presto, ma nel frattempo, stante la situazione, mi consigliate di interrompere l'uso dell'iperico? Sono effetti collaterali dello stesso quelli sopra descritti? O semplice ansia/paura? In ogni caso come è opportuno che io mi comporti? Perchè se da un lato il mio umore è migliorato, dall'altro non vorrei avere problemi fisici seri (ad esempio cardiaci, come la tachicardia ad esempio) o anche meno seri. Inoltre è possibile assumere iperico con Oki o Brufen? E con il Candidax? Vorrei un vostro consiglio in merito alla assunzione dell'iperico e se possibile il vostro pensiero circa la sintomatologia da me descritta. Grazie Maria

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
L'iperico ha un effetto antidepressivo discreto, ma non agisce sull'ansia. I sintomi che lei riferisce molto probabilmente non sono effetti collaterali del farmaco ma provengono dall'ansia sua propria. La cura necessiterebbe di una messa a punto da parte di uno specialista.
Auguri.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-