Utente cancellato

Salve.
Il genitore psichiatra di una persona a me cara sono anni che cerca di convincere il proprio figlio che è malato di diverse malattie mentali. Non enuncia solo le malattie ma cerca di spiegarle con teorie assurde.

Dice inoltre che il figlio ha anche malattie del corpo che non esistono, ha inventato anche dei fatti a sfondo sessuale che alla prova dei fatti si sono rivelati non veri.

Nel tempo ha avuto una escalation scrivendo un certificato di queste presunte malattie, minacciando il tso ed accusando suoi colleghi o anche semplici conoscenti che non la pensano al suo stesso modo di far parte del “sistema”.

Lo scopo di questo malsano tentativo di persuasione nasce da una scelta di vita non condivisa del proprio figlio.

Ora premesso che:
- questa persona non ha una sola delle malattie citate (parere espresso sia amici che dal gente del campo e cioè psicologi e altri psichiatri);
- e quindi questa persona è una persona normale con i pregi e difetti di tutti;

La situazione è questa:
Il figlio vive la propria vita, ma nella speranza imperterrita di recuperare un rapporto con il genitore si espone quotidianamente ai tentativi di persuasione del genitore psichiatra e ogni volta ci rimane molto male per usare un eufemismo.

Vorrei sapere se è possibile fare qualcosa.

Si può fare una segnalazione all’albo degli Psichiatri per abuso della professione ?

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Qui l'aspetto professionale c'entra poco. Se la persona sta delirando, si cerca di interessare le autorità sanitarie, a cui si può segnalare la situazione. Questo può avvenire anche tramite vie legali, o da parte di figure legali o forze dell'ordine.

L'ordine professionale non c'entra per due motivi. Se un medico è malato psichiatricamente questo non significa che debba essere radiato. In secondo luogo non si occupa di prendere provvedimenti sanitari contro i suoi appartenenti.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Nel frattempo lei ha curato i disturbi psichiatrici che lamentava nelle precedenti richieste di consulto?

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#3] dopo  
138736

dal 2017

Grazie per le risposte.

In cosa consisterebbe questa segnalazione alle autorità sanitarie ? E cosa potrebbero fare ?

Ora io non sono del campo ma avendo questa situazione da qualche anno ho fatto qualche ricerca. Ho fatto quindi delle ipotesi. Ripeto so perfettamente di non essere del campo quindi so che quanto scrivo debba essere preso con le pinze. Però prendetele per buone senza entrare nelle questioni. So che tutto è da contestualizzare e quindi voi dall'altro lato della tastiera non potete sapere assolutamente se le cose stanno così.

Il genitore, a mio avviso, potrebbe soffrire di disturbo paranoide di personalità. Nel qual caso si potrebbe fare qualcosa?

Per quanto riguarda i deliri non so se il genitore è arrivato a questo punto. Di certo la naturalezza con la quale parla delle sue teorie ti fa pensare al delirio. E di certo usa informazioni parziali di ogni malattia e le compone ad arte per arrivare ad arte alle sue diagnosi. Certo è che arrivata a dare questo certificato di malattia a mia madre. Ma non credo che si possa parlare di delirio.

Ha avuto sicuramente due episodi, in cui ha veramente dato di matto ma sono stati due episodi singoli a distanza di tempo. Non sto qui a raccontarli perché altrimenti appunto si entrerebbe in merito alle questioni. 

Possono però essere segnalati per far prendere dei provvedimenti?

E se sì cosa può essere fatto ?

[#4] dopo  
138736

dal 2017

Dr. Francesco Saverio Ruggiero non è questa la sede per parlare di quelli che erano i miei problemi all'epoca.
Stiamo parlando di un consulto richiesto più di sei anni fa.

Riassumendo si sicuramente era un periodo brutto e si sicuramente ero stressato. Diciamo che si è risolto tutto con la famiglia che mi è stata vicina, con l'impegno sul lavoro e piano piano con la ripresa di tutte le mie attività. Sono diversi anni che pratico costantemente un attività sportiva.

Quando si tratta magari di portare a casa il risultato ho un poco la paura di vincere ma la gestisco bene e la supero bene.
Sicuramente anche a detti dei miei amici, ho dei tratti di ansia che sicuramente nel periodo di richiesta di quel consulto era particolarmente salita alle stelle. Ma questo è.

Sicuramente oggi sono preoccupato di questa situazione e credo a ragion veduta. Ripeto però non entriamo nel merito della questioni. Credo che proprio in psichiatria sia la materia che più di tutte ha bisogno per voi di visite dal vivo eccetera per farsi il quadro della situazione. Quindi vi chiedo al momento di prenderle per buone e farmi capire se è possibile fare qualcosa.

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Per quanto mi riguarda manca solo che scriva i nomi degli interessati ed ha completato il quadro.

Le beghe familiari non costituiscono di per se motivo di segnalazione all'Ordine per abuso di professione o altro.

Qualsiasi altra considerazione va discussa nelle sedi giuridiche appropriate senza dover per forza riportare tutto alla malattia "psichiatrica" o ad altre motivazioni insulse,

Inoltre, lei chiede pareri a tutti senza che effettivamente la signora sia stata mai visitata da nessuno, per cui racconta la sua versione dei fatti senza possibilità di replica.

Se pensa che la signora la diffami la denunci.

Per quanto attiene alla sua "ansia", il solo fatto che la "famiglia" l'abbia guarita fa intendere chiaramente che non si è curato in modo adeguato.
Ciò potrebbe anche far considerare uno scivolamento dei suoi sintomi in queste situazioni stressanti di tipo esclusivamente familiare.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

"Allora da quel che posso capire la madre soffre di disturbo
paranoide di personalità."

Non so da cosa lo possa capire, non tirerei lì delle diagnosi che cambiano poco la questione.

Se uno riceve molestie da una persona si può rivolgere a chi crede. Mi pare solo bizzarro che pensi all'ordine professionale.

Se uno che fa l'avvocato le dà fastidio si rivolge all'ordine degli avvocati ? Se fa l'ingegnere a quello degli ingegneri ?
Lei non sta parlando di segnalazioni sulla condotta professionale, ma di un problema tra due persone, alludendo al fatto che i comportamenti di una di queste possano essere frutto di un disturbo di qualche tipo.

Inutile entrare nel merito dei singoli, fatti.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it