Utente 434XXX
Salve assumo paroxetina da 9 mesi e da qualche mese sto scalando.. Ora assumo 11 gocce.. Oggi improvvisamente appena sveglia mi sono sentita la tachicardia,sudare freddo e confusa .sono sintomi di astinenza? Non era mai capitato tutto questo tempo che l ho assunto

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

La durata della cura è breve, quindi riducendo succede la cosa più banale di tutte, ovvero forse ad un certo punto non funziona più riducendo la dose.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 434XXX

È breve quasi 1 anno? Finquando li togliero sarà quasi 1 anno. Anche se l avessi assunto 2 anni x dire,quando avrei scalato e sarei arrivata a questo dosaggio sarebbe stato insufficente?

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La durata della cura riduce la probabilità di ricadute a breve termine, e 1 anno non è un tempo lungo in questo senso.
La riduzione è stata fatta nel corso dei mesi, quindi non è un problema di sintomi da sospensione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 434XXX

Anche se l avrei preso 2 anni,quando avrei sospeso l ansia sarebbe ritornata lo stesso.. A quanto ho capito questi farmaci a dose consigliata ti fanno sentire bene ma quando scali e arrivi x sospendere,l ansia ritorna lo stesso.. I farmaci opprimono il problema ma lo risolvono

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No, stiamo dicendo esattamente il contrario. Questo discorso privo di senso invece non si sa da dove lo abbia tratto.
Stiamo dicendo che hanno un effetto curativo che dipende dalla durata della cura.
La malattia tende ad avere un decorso recidivante, ma la cura, oltre a tenerla spenta mentre la si fa (che è già tanto), tende a fornire al cervello una certa resistenza alla ricaduta, dopo periodi di cura di una certa lunghezza, anche se dopo si smette.
La sindrome da sospensione è sempre possibile, ma questa che ci sta riferendo non è una sindrome da sospensione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 434XXX

Conosco gente che assume farmaci a vita.. Perché anche dopo un paio di anni che avevano assunto il farmaco e l anno sospeso,l ansia è ritornata quindi non sempre come dice lei: più tempo lo si assume più probabilità che curi c e ! Moltissima gente lo assume x anni e non hanno curato un bel niente!

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

",l ansia è ritornata quindi non sempre come dice lei: "

Io infatti NON ho detto così, è Lei che equivoca sempre le risposte perché è in vena polemica a vuoto.

Allora facciamo così, poiché evidentemente le cose le sa già Lei meglio di chiunque, e mostra ostilità verso chi è qui a impiegar tempo a risponderle, il consulto si chiude qui.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 434XXX

Avete detto che un effetto curativo in base alla durata della cura giusto? Lei mi parlava come un dato di fatto..E io le ho risposto che non è sempre cosi Xke a moltissima gente l ansia è ritornata anche dopo anni di cura.quindi cosa ho detto di male? Ho detto solo i casi di persone che conosco.. Xke tra i miei parenti c e chi ha assunto questi farmaci

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente

Io parlavo di un dato statistico, e non può essere altrimenti quando si raccolgono i dati.
Quindi che "non sempre" ci sia un effetto curativo è implicito nel dire che tende ad esserci.

Lei conosce "moltissima gente"...non so quanti, evidentemente ritiene di conoscerne molti di più di me, che faccio questo mestiere, e moltissimi di più di chi ha raccolto i dati, quindi saranno migliaia e migliaia di persone, non saprei.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 434XXX

Nessun paziente che è venuto da lei dopo anni di cura è ritornato da lei dopo poco dicendole che eri ritornata l ansia e attacchi di panico,forse più di prima?

[#11] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Certo, non vedo contraddizione con quello che ho detto prima.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 434XXX

Mi scusi ma la mia domanda era un altra..non le sono mai successi casi nel quale sono ritornati a stare male come prima a livello di ansia?

[#13] dopo  
Utente 434XXX

Ah si avete detto certo quindi vuol dire ke vi è capitato.Io sono andata dal nuovo neurologo e mi ha detto ke la paroxetina lo devo eliminare togliendo 1 goccia ogni 3 giorni e prendere 3 volte al giorno l ansiolitico lexotan e poi scalare anche quello e se nel caso ritornano i miei sintomi dell ansia poi vedere se optare per un altra cura che mi dia meno effetti collaterali sessuali. Ma non ha voluto passare da un farmaco all altro.lei che mi dice?

[#14] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'ansiolitico di solito non si usa in questo modo. Se i sintomi tornano, si ripristina la dose efficace precedente. L'ansiolitico può essere uno strumento per tamponare l'ansia in vari momenti e situazioni, ma reintrodurlo mentre si toglie una cura spesso significa che se poi ritornano i sintomi la persona si "attacca" all'ansiolitico piuttosto che tornare indietro sulla riduzione della cura.

Se invece si vuole optare per una cura con meno effetti collaterali, questo passaggio può essere fatto in maniera più diretta e semplice.

In conclusione, niente di sbagliato, ma mi sembra sia un passaggio con un esito statisticamente prevedibile, e se il motivo sono gli effetti sessuali è più logico semplicemente provare una molecola alternativa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#15] dopo  
Utente 434XXX

Ho capito. Ma siccome a me viene l ansia solo quando mangiare.. Ho tachicardia e nausea non ci sono altre soluzionibsenza dover prendere l antidepressivo?

[#16] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ma che significa che le viene l'ansia solo quando mangia ? Il medico le avrà fatto una diagnosi e in base a questo ha scelto la cura.
A che serve minimizzare e parzializzare il problema solo per dover poi dire alla fine che non le va bene "l'antidepressivo". Poi perché l'antidepressivo ? Sta parlando di una molecola specifica, e quindi se si trova male con questa cambiano le carte in tavola ? La diagnosi non esiste più, e la cura deve essere diversa ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#17] dopo  
Utente 434XXX

Mi scusi mi sono espressa male.volevo dire,durante il giorno non ho l ansia,avviene solo poco prima di mangiare e durante a volte accompagnata da nausea e altre volte inappetenza! Per questo le chiedevo se anziché prendere un antidepressivo x attacchi di panico, volevo chiederle se ci possa un farmaco a livello di ansia x lo stomaco xke alla fine si tratta di stomaco, guardo il cibo e mi viene la nausea e quando non ho la nausea è come se faccio fatica a inglutire.non so se mi sono spiegata

[#18] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Se la diagnosi è disturbo di panico, la terapia è basata su molecole di quella categoria, che poi comprende varie sottocategorie.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#19] dopo  
Utente 434XXX

E il levopraid non va bene? Da prendere prima di pranzo?

[#20] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Qui non si danno lindicazioni su prodotti da assumere. Al di là del poco senso della questione rispetto al discorso che si stava facendo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#21] dopo  
Utente 434XXX

OK provero..ma lei dica ke può andar bene?

[#22] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Forse ha voglia di scherzare o provocare. Qui nessuno le ha detto di provare niente, Lei ha un medico e deve far riferimento a lui, come sempre.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#23] dopo  
Utente 434XXX

No io l ho già preso il levopraid e mi ha aiutata un po.. Xke alla fine anche quello è un calmante.ovviamente chiedero al medico. Ma è vero che usato a dosaggi più alti cura l ansia e depressione? E quindi diventa un antidepressivo

[#24] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Ah quindi Lei prima prende le cose e poi chiederà al medico...

Io finirei qui la discussione, non si capisce se sta provocando o meno.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#25] dopo  
Utente 434XXX

Io non sto provocando nessuno! Ma possibile che ogni cosa che io dice,voi pensate a male! Io chiederò al medico prima di prenderlo.. La prima volta che l ho preso me lo ha presceotto lo psichiatra insieme all antidelressivo ,da solo non l ho mai assunto..Ma volevo un suo parere su questo farmaco. Sapere se è vero come scrivono su internet che a dosaggio alto cura depressione e ansia.?considerando che sia un sito x chiedere un consulto,lo sto facendo

[#26] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Chi lo scrive su internet ?

Possibile che dobbiamo, anziché rispondere ai consulti, commentare delle informazioni di chissà quale fonte, mentre invece la risposta l'ha già avuta.
Vuole sapere se il panico si cura con il levopraid, abbiamo detto di no.
Dopo di che prima prova a sapere se può prenderlo dal sito, poi insiste sul fatto che vada bene anche quello. Non è che debba convincere noi dalla cosa.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#27] dopo  
Utente 434XXX

Io alla fine non ho attacchi di panico ora ke sto scalando quindi se magari dopo la sospensione gli avrò, potro prendere qualcosa tipo ansiolitici al bisogno. Il levopraid mi servirà x l ansia dovuta dallo stomaco causando nausea e inappetenza.quindi x questi sintomi va bene il levopraid credo

[#28] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Appunto, questo è tutto un programma immaginario che si fa Lei, e che ricalca il tipo di autoterapie (sbagliate) che tende a fare chi ha questi disturbi, terapie al bisogno basate sui vari sintomi.

Come volevasi dimostrare, ribadisce cosa secondo lei "va bene", il che francamente è fuori da ogni richiesta di consulto ma soprattutto fuori da una sana interazione con il suo medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#29] dopo  
Utente 434XXX

E secondo lei bisognerebbe fare a vita cure di antidepressivi per stare bene? Io provero ad usare al bisogno questi ansiolitici,ovviamente sto suppondemdo,ma ascoltarei il medico.. E poi mi spiegate xke usate termini molto complessi quando rispondete ? Io non sono un medico come voi quindi se magari,spiegate i concetti in maniera più semplice forse capirei meglio

[#30] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Guardi, non deve spiegare a me come si curano questi disturbi. Se ha scritto per sapere quale è lo standard e i principi generali bene. I concetti sono stati spiegati, il punto è che Lei ha semplicemente deciso che non vuole un certo tipo di cura (soltanto perché una specifica molecola non la tollerava bene), e quindi cerca di trovare spiegazioni per giustificare il fatto che la cura debba essere un'altra. Il tutto per poi tornare a fare i ragionamenti di chi non si cura, ed è guidato dai sintomi e dall'ansia nello scegliere le medicine "a senso".
Non si capisce che c'entri che uno si debba curare a vita.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#31] dopo  
Utente 434XXX

Curare a vita intendo,che sospendendo la cura anche dopo anni,l ansia e attacchi di panico possono tornare a trovarci e quindi prendendoli a vita si è più sicuri che non vengono attacchi di panico. Detto ciò,io non potrei provare tutte le molecole x notare quale non mi da effetti collaterali sessuali ,xke sono farmaci pensanti nel quale inizialmente possono causare nausea ed ecc quindi non si possono cambiare 3000 farmaci. Anche xke l effetto sulla sfera sessuale è molto comune

[#32] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Certo, ma non è che solo perché è genericamente possibile una ricaduta si prendono le cure a vita da subito. Questo solo se la probabilità è elevata, la ricaduta è rischiosa in sé, etc.
Lei ragiona un po' per estremi: ne ha provata una, non le vuole provare "tutte", non c'è via di mezzo. 3000 da cambiare non ce ne sono, purtroppo ne abbiamo molti di meno.
Non sono tutti uguali, quindi non ha senso dare per scontato che diano tutti, in ugual modo, gli stessi effetti.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#33] dopo  
Utente 434XXX

Si lo so che non siamo tutti uguali. Ma se con un altra molecola lo fa uguale ad esempio,dovrei cambiare di nuovo?

[#34] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Beh, certamente sono prove, si fanno con questo spirito. Non si fanno proprio tutte fino all'ultima e senza un criterio, sarebbe piuttosto inutile. Ci sono poi anche modi per contrastare gli effetti collaterali aggiungendo altre medicine, cosa questa che personalmente lascio come secondo tipo di soluzione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#35] dopo  
Utente 434XXX

Sembra ke nessun psichiatra prescrive i farmaci x contrastare gli effetti sessuali.. Cmq Quei sintomi che vi avevo descritto dello scalaggio della paroxetina, ora non li ho piu.. Quindi non erano sintomi di ricaduta. Ora sto scalando 1 goccia ogni 3 giorni. Sono arrivata a 8

[#36] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non ho elementi per escludere né confermare che siano sintomi da ricaduta. Il punto è semplicemente aver chiaro che togliendo una cura può esserci una ricaduta. Una goccia ogni tre giorni non mi pare il ritmo che ha tenuto fino a ora. Non faccia operazioni da sola senza interpellare il medico, per poi perder di vista metà del problema.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#37] dopo  
Utente 434XXX

Infatti non sto facendo di testa mia.. Ma sono andata da un altro psichiatra e mi sto facendo seguire e mi ha detto di togliere una goccia ogni 3 giorni..e poi voi mi avete detto che quei sintomi che avevo erano sintomi di ritorno dell ansia xke la dose era minima e insufficiente o sbaglio?

[#38] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non si può sapere cosa siano, certamente ridurre nel corso di diversi mesi rimanendo comunque su una dose che non è zero non è una situazione che fa pensare all'astinenza...
Con questo andamento invece potrebbe.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#39] dopo  
Utente 434XXX

Non ho capito cosa vuole dire.. se sto scalando dovrò eliminare il farmaco ebnon rimaenrre su una dose

[#40] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Io stavo parlando di quello che ha fatto fino ad ora, non dello scalaggio con questo nuovo medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#41] dopo  
Utente 434XXX

Anche io sono spaventata di questo dosaggio veloce.. Infatti ho detto al medico potrei avere sintomi di astinenza? Ed ha detto di no,la paroxetina non ne da! Secondo me è una cazzata.. Lui mi ha anche aggiunto il lexotan l ansiolitico x evitare sintomi spiacevoli. Dite che ha fatto bene?

[#42] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non ci può esprimere in questi termini (ha fatto bene o meno). Niente vieta di calarlo con questo andamento. Ripeto: il problema non è un fenomeno comunque previsto e banalmente reversibile, come i sintomi da sospensione. Quello che è bene aver presente è che, a parte la sospensione, c'è un rischio di ricaduta che eventualmente andrà gestita senza troppi indugi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#43] dopo  
Utente 434XXX

Non avete risposto sul fatto dell ansiolitico. Cmq sia le ricadute nella vita ci si possono sempre avere.. Mia cugina ha assunto un antidepressivo per 6 mesi e per anni non ha avuto attacchi di panico quindi dipende da persona a persona.non ce una regola. Può essere che 10 mesi di cura mi siano bastati x non avere x anni attacchi di panico chi lo sa. Per ora me lo tolgo

[#44] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Più che esserci una statistica, non ci può essere.
Il suo medico sta semplicemente procedendo a sospendere un farmaco, non mi pare ci sia niente di strano.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#45] dopo  
Utente 434XXX

Si lo so.. Io parlavo sulle ricadute che mi avete detto.

[#46] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quelle non hanno nesso con lo scalaggio.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#47] dopo  
Utente 434XXX

In che senso? Non ho capito

[#48] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Le ricadute non c'entrano con lo scalaggio della paroxetina, veloce o lento.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#49] dopo  
Utente 434XXX

Si questo lo so.. Parlavo dei sintomi di astinenza x lo scalaggio veloce. Tipo vertigini, confusione mentale ed ecc

[#50] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Sì, ritorniamo al discorso originario. Quelli sono possibili e chiaramente con uno scalaggio più lento minori. Non è che sia sempre necessario o inevitabile trattarli, essendo sintomi da sospensione sono transitori.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#51] dopo  
Utente 434XXX

Ah durano poco speriamo.. Sono Anke preoccupata di non tornare come prima sessualmente

[#52] dopo  
Utente 434XXX

Dicesti che scalare possono ritornare i sintomi dell ansia quindi si ripresenta la ricaduta quindi conta anche lo scalaggio

[#53] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non si disse questo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#54] dopo  
Utente 434XXX

Certo,diceste che arrivati al dosaggio basso posso ripresentarsi i sintomi della malattia xke il dosaggio è insufficiente.. Quindi se si ripresentano i sintomi come dite voi,si ripresenta la ricaduta!

[#55] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Certo, si disse questo. E non c'entra lo scalaggio infatti.
Sta continuando a confondere le due cose, nonostante si sia parlato proprio di questa differenza per tutto il consulto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#56] dopo  
Utente 434XXX

Quindi se a dosaggio basso si ripresentano i sintomi vuol dire che il farmaco non ha curato nulla dell ansia.

[#57] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, questo è un discorso incomprensibile.
Lei parte dal presupposto che se fa una cura la malattia se ne va, altrimenti curarsi non serve a niente. Un discorso che non ha senso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#58] dopo  
Utente 434XXX

No io non ho detto che la malattia non potrà più ripresentarsi nel corso della mia vita.. Pero che almeno la cura avrebbe diminuito un po i sintomi, questo lo pretendo! Perche se dopo la cura devo stare peggio di prima,allora non è servito a nulla la cura! Ma è servito a star bene solo se lo prendo e non se non lo prendo!

[#59] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Io continuo a non capire che ragionamento segue. La cura ha diminuito i sintomi. I sintomi tornano quando la toglie.
Conclusione: la cura non è servita a nulla..ecco, non si capisce in che senso. Se uno prende una cura che lo fa star bene non serve a nulla perché i sintomi devono rimanere assenti anche dopo che la si è tolta. Ma per quale motivo partire con quest'idea.
E' pieno di cure che fanno star bene se uno le prende, e se non si prendono si sta male. Le malattie ricorrenti o croniche funzionano così, poi a volte c'è anche un effetto curativo nel lungo termine che perdura senza cura, ma dipende.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#60] dopo  
Utente 434XXX

Appunto quindi quello che lei mi sta dicendo e che quando lo si assume "curano" e si sta bene . quindi x stare bene si assumono a vita e si sta apposto giusto? Xke se quando li togli,ritornano i sintomi e quando lo assumi stai bene.. Vuol dire ke si prendono a vita e ti "cura" x sempre.. Come chi ha un tumore ad esempio

[#61] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non è detto. Esistono le cure che servono ancora, e quelle che non servono più, quelle da cui ci si aspetta che chiudano la malattia, quelle che la chiudono ma può tornare, quelle che la tengono spenta ma devono esser mantenute.

Nel caso dei tumori è la stessa cosa. Purtroppo raramente esistono terapie di mantenimento che possano garantire un equilibrio di un tumore che comunque rimane presente ma spento.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#62] dopo  
Utente 434XXX

Quello del tumore è un esempio.. Come può essere anche il diabete chi ha il diabete deve fare sempre la cura altrimenti peggiora,la stessa cosa x l ansia.. Ma il tuo primo concetto non l ho capito x niente.. Dovete spiegare in maniera più semplice..credo sempre che quando si assumono questi farmaci si sta bene,quando si sospendono si sta male!!

[#63] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ma anche se fosse così, non vedo perché dire che "non fanno niente". Sarebbe come dire che i farmaci del diabete non fanno niente.

Mi dia pure del Lei.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#64] dopo  
Utente 434XXX

Allora ritorniamo allo stesso discorso.. Fanno qualcosa solo se li assumi sempre cioè tutta la vita.. Se si vuole sospendere si sta di muovo male.. Quindi vivere a vita con questi farmaci

[#65] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non è detto, non è sempre così, è una delle possibilità.

Non capisco veramente come non riesca a capire un discorso a questo punto molto banale. Può darsi che per star bene si debba assumerli, può darsi di no.
Non è un problema tra la persona e i farmaci, ma tra la persona il disturbo. I farmaci se vuole le possono essere utili. Faccia Lei.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#66] dopo  
Utente 434XXX

Si certo Possono essermi utili contro l ansia.. Ad addormentarmi il cervello e altre parti del corpo.. E il problema sessuala nel quale parliamoci chiari.. Tutti gli ssri e snri hanno questo come primo effetto collaterale!! Ed è molto comune..ed è più probabile che accada!

[#67] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Perché usa termini tipo "addormentarmi il cervello" ?
Perché si scalda su un effetto collaterale che nessuno nega, di altro stiamo parlando.

Inoltre: se soffre di un disturbo di panico, o d'ansia in generale, non ci sono solo gli ssri.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#68] dopo  
Utente 434XXX

Addormenta vuol dire che sono sedativi ti accultano le emozioni! Non hai più paure inutili perché lo addormentano. Quindi x ansia e panico in generale non ci sono solo gli ssri e cos altro c e ?

[#69] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non è vero. Non è certo questo l'effetto tipico né quello ricercato. Magari su di Lei hanno avuto questo effetto.
In generale è una sciocchezza.

Cos'altro c'è lo sa qualsiasi medico che operi in tale settore. Immagino anche il medico che la segue. E' vero che in genere sono la prima scelta, ma non l'unica.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#70] dopo  
Utente 434XXX

A me voleva darmi un altro sempre ssri.. Quindi mi dica lei di quale categoria,io lo propongo al medico e vedo cosa mi dice se è adatto o no.. Lei è qui x dare delle direttive, me le dica..

[#71] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, decide il medico e lo propone lui, altrimenti il rapporto non ha senso. Qui poi non si possono indicare a casaccio dei medicinali.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#72] dopo  
Utente 434XXX

Ma se il mio medico è dedicente che non me lo dice perché non lo dice lei cosi mi aiuta? Forse perche voi avete la percentuale su determinati farmaci.. Infatti ogni medico ha i suoi farmaci che prescrive

[#73] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Infatti ogni medico ha i suoi farmaci che prescrive"

Non in che mondo vive, quello dell'ignoranza e degli insulti evidentemente. E poi abbia pazienza, se ritiene gli altri stupidi e disonesti, ,perché gli si rivolge ?

Il consulto è chiuso, era evidente che sarebbe finito in questo modo, a Lei interessava far polemica, offende il collega che la sta seguendo e in più diffama l'intera categoria con luoghi comuni anche abbastanza ingenui.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#74] dopo  
Utente 434XXX

Era un esempio sul mio medico .non ho insultato lei! Allora x lei significherebbe insultare tutti i medici?? Ma cosa sta dicendo. Xke non è vero che ognuno prescrive i suoi farmaci? Io noto che il mio medico curante ad esempio prescrive un farmaco x una patologia, un altro medico ne prescrive un altro.. Ognuno ha i suoi farmaci. Ci sono anche medici ke non conoscono tutti i nomi dei farmaci ma magari conoscono una molecola con un altro nome. È cosi

[#75] dopo  
Utente 434XXX

Salve. Durante lo scalaggio di paroxetina a dosaggio basso si può avere come sintomo tristezza e inappetenza?

[#76] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il consulto è chiuso a causa degli insulti che ha fatto in precedenza.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#77] dopo  
Utente 434XXX

Ma perché vi comportate cosi :( io non ho insultato nessuno dico le cose come dato di fatto;!