Utente 398XXX
i reparti psichiatrici degli ospedali pubblici sono completamente videosorvegliati in tutti i locali? ossia anche nelle camere e nei bagni, senza che ci sia un minimo di privacy in un reparto che impone doccia quotidiana? il reparto che mi è capitato di visionare aveva il sensore nero su ogni parete, solo in atrio si vedeva chiaramente la telecamera nel sensore nero.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Non saprei in verità, i reparti chiusi sono videosorvegliati sicuramente nelle camere, non saprei nei bagni.
E' inevitabile che ci sia un controllo del genere dati i rischi comportamentali di vario tipo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 398XXX

il motivo lo capisco perfettamente anch'io, ma la privacy almeno in bagno rimane tale. capisco anche che i bagni in un reparto psichiatrico non debbano avere finestra, ma almeno la ventola sì. specie dove non c'è finestra, la ventola che male farebbe? considerato che i reparti psichiatrici costringono a fare il bagno tutti i giorni, farselo sotto la telecamere è un trattamento tipo quello che si vede nei film dei nazisti delle docce in pubblico imposte alle donne.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, purtroppo in bagno succedono diverse cose, o succedono in bagno proprio perché in altri luoghi si è facilmente visti.
Le persone in reparto si tagliano, cercano di impiccarsi, vomitano, aggrediscono, compiono atti sessuali, buttano via le medicine etc.

Ci sono le telecamere come conseguenza del fatto che se ci sono le persone protestano per la privacy, se non ci sono le persone protestano per la sicurezza.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it