Utente 489XXX
Salve,
Scrivo per chiedere un parere su un dubbio che occupa gran parte delle mie giornate...
È possibile avere un' "alterazione visiva" di quanto visto, nel senso che anzichè vedere un oggetto posto davanti ai nostri occhi - come normalmente avviene grazie alla vista - vedere, magari per via del lavoro errato del cervello, noi (da una prospettiva innaturale) che guardiamo l'oggetto?
Specifico che non mi riferisco ad allucinazioni o simili, intendo se questo possa accadere veramente.

Capisco la domanda "particolare" però, se possibile, vorrei un chiarimento.

Ringrazio per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Enzo D'Ambrosio

36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Salve,
il disturbo non rientra nella patologia oculistica, lo sposto in un altra sezione.
Lei comprende che un consulto online può essere solo indicativo non diagnostico e che pertanto le sue domande non possono che trovare risposta solamente dopo che uno Specialista l'abbia attentamente ascoltata e visitata. Se successivamente necessita di chiarimenti saremo a disposizione.

Mi faccia sapere eventuali novità.

Cordiali Saluti
Dr. Enzo D'Ambrosio - Centro Mediterraneo Uveiti
Centro Oftalmico D'Ambrosio - Taranto
www.centroftalmicodambrosio.eu - cercaci su Fb!

[#2] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Intende dire che ha fenomeni di depersonalizzazione che vuole attribuire ad un disturbo visivo?

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#3] dopo  
Utente 489XXX

Ringrazio entrambi per l'attenzione dimostrata.
Gent. mo Dr. F. S. Ruggiero non mi riferisco a fenomeni di depersonalizzazione o derealizzazione, bensì non capisco se ci possa essere come un "blocco" della vista immediato, senza esserne consapevoli, che vada a distorcere la percezione visiva. In questo modo, anzichè vedere qualcosa, "immaginiamo" una situazion diversa in cui noi siamo, come potrei dire, "spettatori" (?) della scena dove noi osserviamo quel qualcosa.
Riassumendo, non capisco se, per via di processi mentali a me sconosciuti, un'immagine mentale distorta, nella quale "ci vediamo" (sa, come quando ci si può vedere in determinati atteggiamenti ecc. Però create dal cervello e non viste con gli occhi) possa trattarsi di un'alterazione visiva non desiderata: invece che vedere, abbiamo un'immagine mentale che mostra noi mentre vediamo.
Spero di essermi spiegato bene...

La ringrazio ancora per l'attenzione.

[#4] dopo  
Utente 489XXX

Salve dottore,
Quindi, quanto descrivo, è possibile? O è più probabile che sia frutto di continue rimuginazioni?

Mi scuso per il disturbo.