Utente 915XXX
Buon giorno ! Il titolo che ho dato a questo consulto e ‘ molto vago e generico ,in quanto con questo post vorrei capire alcune cose sulla dipendenza da alcool e eventuali sintomi da sospensione ! Dirò di me brevemente e poi farò delle domande alle quali spero vogliate rispondermi ... allora io sono stato da sempre astemio fino a un anno fa !! da circa un anno ho cominciato a bere piccole quantità di alcool ( vino ai pasti ) e birrette ... prima ero solo un consumatore di coca cola e acqua ( astemio ) . Ora devo dire che l’ Aspetto gradevole del bere un bicchiere di vino mangiando poi si traduce in problemi fisici di varia natura , soprattutto gastrici ) ma anche generali . consapevole e cosciente che l’alcool ha un effetto ansiolitico io credo che abbia iniziato a bere proprio x questo e nn tanto x avere effetti euforizzanti ... comunque vorrei tornare ad essere astemio e quindi a voi chiedo “ consigli comportamentali “ : basta ed e ‘ sufficiente la volontà ? Le domande che volevo porvi sono essenzialmente queste :1 dopo quanto tempo e sulla base di quali presupposti si può dire che una persona e ‘ dipendente dall ‘ alcool ? 2 esistono sintomi da sospensione ? Se si , come tamponarli ? Grazie . Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
"Astemio" è una condizione per cui l'odore e l'assunzione di alcool sono fastidiosi.

probabilmente lei ha questi disturbi perché è effettivamente astemio e non tollera bene l'alcool.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La dipendenza da alcol si diagnostica su base clinica, cioè in base alla valutazione dei comportamenti che eventualmente evidenzino una incapacità di gestire l'alcol così come la persona vorrebbe fare.

Per cambiare abitudine non è necessariamente indicato un intervento medico. Se si tratta di una situazione in cui è necessario interrompere bruscamente l'assunzione, allora si deve tener conto che se la persona è assuefatta (beve abitualmente una certa quantità ogni giorno) , può sviluppare astinenza, e quindi va predisposta una terapia perché ciò non accada.

La dose delle medicine eventualmente va calcolata al momento e aggiustata nei giorni seguenti (per l'astinenza).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#3] dopo  
Utente 915XXX

grazie delle risposte! al dottor Ruggiero rispondo che forse ha ragione...al dottor Pacini chiedo se da una visita clinica può essere utile ( cioè se lo psichiatra è in grado di diagnosticare dipendenza de visu col paziente), ma riformulo le richieste precedenti: !)ci sono sintomi da sospensione o no all'immediata sospensione dall'alcool ?
2 ) cosa si intende per assefuazione? 3) quale sarebbe la terapia? saluti

[#4] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Ha descritto piccole assunzioni di alcolici per cui non si può pensare ad una dipendenza o a problemi di astinenza.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Assuefazione o tolleranza significa non sentire più l'effetto per un fenomeno farmacologico. Ciò implica che alla sospensione si sviluppino sintomi d'astinenza, di intensità variabile e transitori. L'astinenza non è sempre rischiosa, per l'alcol lo è a seconda dell'intensità dell'astinenza stessa.
La terapia utilizza farmaci che sostituiscono l'alcol evitando l'astinenza, e poi sono scalati gradualmente.

Se invece parliamo di alcolismo, è un discorso diverso, e la terapia mira a ristabilire il controllo sull'impulso a bere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it