Utente cancellato
Gentile Dottore,
La contatto per merito di mia madre.
Ha 81 anni e da alcuni mesi soffre di demenza senile.
Ha comportamenti strani: confonde il giorno con la notte, è sempre disorientata dal punto di vista temporale; in certi giorni ha tanta di quella energia che sembra tornare quella di 10 anni fa, in altri non ha voglia di alzarsi dal letto neanche per pochi minuti. Chiede dei parenti defunti come se fossero ancora in vita, non ricorda a volte neanche dove sia il bagno o pensa che la casa non sia la sua. Diventa difficile starle appresso perché è imprevedibile nei comportamenti. L'altra notte si è alzata alle 2 del mattino come se fossero le 4 del pomeriggio. Si è messa il grembiule e voleva far da mangiare. Vorremmo attenuare il più possibile i sintomi: come dovremmo comportarci?

Assume il Sereupin da 20 mg da parecchi anni. Crede sia opportuna la sua assunzione arrivati a questo punto? Ho recentemente letto che nella demenza senile gli antidepressivi possono essere sconsigliati.
Ha assunto per breve periodo il serenase; ma anche qua sembrava le desse vantaggi da un lato e svantaggi dall'altro. Anche qua si è preferito interrompere.
Lei assume una pastiglia di Tavor la sera prima di dormire.

A suo avviso, cosa potrebbe darle giovamento? Sarebbe opportuno considerare l'ipotesi di mollarlo del tutto?
Purtroppo soffre, a giorni, anche di depressione.

Vorremmo solo diminuire il più possibile i sintomi e farla essere più lucida di quanto è stata negli ultimi tempi. Se alcuni farmaci debbono essere eliminati (il Sereupin, ad esempio) è giusto considerarne l'ipotesi.

Saluti.
Spero in una sua risposta esauriente.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La valutazione su sospensione e variazione di farmaci richiede una valutazione specialistica diretta che nel caso di sua madre risulta essere il geriatra.

Vanno inoltre considerati gli aspetti diagnostici differenziali per la demenza di qualsiasi tipo in modo che possa esserne stabilità l’eventuale progressione ed i trattamenti possibili.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
508786

dal 2018
Capisco. Posso chiederle solo cosa pensa dell'assunzione dell'antidepressivo?
È indicato in queste situazioni?

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Sua madre lo assumeva già per cui va valutata la permanenza anche al dosaggio massimo oppure variarlo in funzione dell’età e dei sintomi.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it