Utente 503XXX
Salve Dottori,

ho la sensazione di star passando le fasi del lutto. Due anni fa mi è stato diagnosticato un disturbo del neurosviluppo, quindi una patologia da gestire con farmaci, presumibilmente finchè sarò in grado di assumerne. Potrei anche avere un disturbo bipolare non so di che tipo, altra patologia cronica e potenzialmente degenerativa. Diciamo che non me lo dicono ma è quasi sicuro: mi hanno dato uno stabilizzatore dell'umore!

Ho sentito molto parlare del lutto nelle disabilità fisiche acquisite, ma mai in quelle psichiche. Voi ne siete al corrente, ossia, ci pensate quando fate una diagnosi ad un paziente? Oppure devo essere io a preoccuparmi di ricordarlo al mio medico?

Trattandosi di patologie che coinvolgono massicciamente anche aspetti somatici, dovrei coinvolgere di più anche il mio medico di famiglia?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Non è ben chiaro il discorso che sta facendo rispetto a ciò che riferisce può essere più chiaro?


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 503XXX

Scusi. Provo a spiegarmi meglio.

a) Mi è stato diagnosticato un disturbo del neurosviluppo e quasi sicuramente un disturbo bipolare, due patologie per definizione croniche da gestire per tutta la vita con farmaci. Possibile che io stia attraversando le fasi del lutto?

b) Voi ne tenete conto quando fate queste diagnosi oppure no? Vi formano in questo senso o mi devo aspettare che il mio psichiatra cada dal pero?

c) Essendo due patologie croniche, devo parlarne al mio medico di famiglia che, presumibilmente, non sa assolutamente niente nè dell'una nè dell'altra?

Diciamo che non so veramente cosa fare perchè nessuno mi ha detto niente.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
La diagnosi è di due anni fa quindi non sta attraversando nessuna fase del lutto, piuttosto potrebbe avere sintomi di malattia.

Quindi non vedo perché il suo psichiatra dovrebbe cadere dal pero su una questione che non è in discussione.

Il suo medico di famiglia doveva essere già informato anche attraverso le prescrizioni che ha ricevuto nel corso di questi anni.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
Utente 503XXX

Quindi niente lutto ma sintomi. Niente da dire allo psichiatra, niente da dire al medico. Capito. Grazie.