Utente 249XXX
Gentilissimi, essendomi (finalmente) deciso ad intraprendere una cura x un doc a cui si è aggiunta ansia e depressione, mi è stato indicato l'Entact. Purtroppo ho deciso di iniziare - mio malgrado - perché ormai intendo liberarmi e credo non vi siano alternative per cercare quantomeno di tamponare in parte questa situazione (premesso che credo che non credo nella pillola della felicità e che tutti i guai restano, ma forse potrei affrontarli meglio). X abituarmi mi è stato indicato di iniziare con mezza compressa x 1 settimana e poi passare ad una compressa, cioè 10mg... detto ciò, volevo un piccolo chiarimento sugli effetti collaterali: so che non dovrei leggere, ma ci sono alcune considerazioni che - se fatte - spero possano servire a me come magari ad altri che cercano chiarimenti: ci sono 2 punti che mi hanno un po' turbato: 1) la perdita di capelli - mi chiedo - coinciderebbe con una calvizie, cioè li perderei definitivamente? 2) poi una seconda cosa che mi "disgusta" al solo pensiero: produzione di latte anche in uomini, davvero sarebbe possibile? Mi traumatizza l'idea, mi fa nauseare... 3) Ultima considerazione su aspetto sessuale: al netto della libido - di cui mi interessa in parte ora come ora - notavo che per fortuna non vi sono riportati tra effetti problemi come balaniti, cose che invece sono riportate x altri ssri. Ciò significa che con questo farmaco davvero non rischio balaniti, so che la domanda può sembrare contraddittoria, ma spesso gli effetti collaterali degli ssri da come ho letto sono "simili" tra loro (questo punto mi mette molta ansia vista la mia "storia" fatta di fimosi non serrata e relativa balanite, mi è rimasto un trauma ) ? e ad esempio - ultima aggiunta - eventuali dolori in fase di erezione terminerebbero con l'interruzione della cura? Il mio timore sono i danni "perenni", in pratica. Spero di non essere stato troppo lungo, ma non potevo non leggere gli effetti collaterali, per quanto sia intenzionato realmente ad iniziare. Grazie e mi scuso se sono particolarmente puntiglioso, ma è meglio conoscere la verità piuttosto che illudersi che non vi sia scritto nulla, anche perchè dopo potrebbe essere ancora più traumatizzante

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Quindi secondo Lei la soluzione è pescare tra i cento effetti possibili quelli che la colpiscono di più, poi magari immaginarseli in versione gravissima, e poi ricevere chiarimenti su questioni che ha posto Lei sulla base di sue letture, ovvero semplicemente la lista e descrizione sommaria degli effetti stessi.
Questo somiglia molto ad un approccio ossessivo ad un foglietto, che è lì per essere un elenco dei possibili effetti, se possibile descritti per frequenza e caratteristiche, ma non sempre.
Tecnicamente sono domande sul futuro, ovvero che dobbiamo prevede di preciso nel caso singolo ?

Il suo medico le ha già indicato la prescrizione.

Avendo il disturbo per cui giustamente ha deciso di curarsi, è inevitabile che si ponga problemi di questo tipo, ma questa modalitù è sintomatica appunto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 249XXX

Salve, so che la sua non è una polemica e sono anche consapevole in grandissima parte di quel che dice. Posso xonfermarle intanto di aver iniziato la terapia, aggiungo però solo una cosa: non avessi letto nulla - al netto della mia 'fissazione' - so che sarei impazzito di punto in bianco qualora avessi riscontrato anomalie. Ora come ora x esempio posso solo dirle che l'unica 'fissa' è questa cosa del latte che mi fa davvero un senso di disgusto clamoroso, se mi succedesse non so come reagirei... mi viene alla mente una mostruosità.... so che ho lavorato su varie ipotesi, ma in fondo prevenire non è meglio che curare? Pensi che l'ho letto e nn so come reagirei, si figuri se non lo avessi fatto e di punto in bianco mi fosse accaduto qualcosa di anomalo. Poi è chiaro che sono giunto ad un punto in cui ho pesato i pro e i contro e mi sono deciso dopo tempo - mi creda - di iniziare. Cmq - so di fare una clamorosa virata e tornare al punto di prima - ma già il fatto di non leggere balanite mi rincuora, suppongo e spero sia così. So che mi contestera' questa ultima considerazione, ma è inutile spiegarle che mi è rimasto un trauma e quindi penso possa capire quanto ci tenga, al netto della componente del doc. Cmq se non risulta un problema, potrei aggiornarla in futuro in questo post, ovviamente non sarò assillante, ci mancherebbe, so che almeno x il primo mese nn devo aspettarmi nulla o quasi. Grazie e so che le sue considerazioni non sono polemiche, però purtroppo è inutile dirle che non è una scelta fatta a cuor leggero,ci ho meditato e lottato x anni, con purtroppo peggioramenti...

[#3] dopo  
Utente 249XXX

Ultima cosa al volo che ho dimenticato di dire al dottore, assumo ogni 15gg vitamina d dibase 25000 ui, posso chiedere stesso a lei - poi non la disturbo - se posso continuare a farlo o non sono abbinabili? Grazie e mi scusi se ho dimenticato di aggiungerlo prima, ma non ci avevo pensato

[#4] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Lei deve farsi guidare dal medico. Per il resto il foglietto non contiene informazioni false, e quindi significa che praticamente qualsiasi farmaco si impiega esistendo poi tutta una serie di possibili effetti, suddivisi tra effetti collaterali e controindicazioni.

Purtroppo sulle indicazioni di cosa assumere o meno non possiamo qui dare indicazioni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Utente 249XXX

Dottore mi scusi un'ultima cosa...possibile che dopo 8 giorni e appena 40 mg totali (visto che ero ancora in fase di metà capsula) sia venuta fuori una midriasi all'occhio destro? stamattina al risveglio ho notato la pupilla destra un po' più grande...rispetto all'altra credo lo sia sempre, anche se francamente non ci ho mai fatto caso. non so se c'entra - ho l'astigmatismo ipermetropico e un po' di miopia solo all'occhio destro se non erro (in questo momento non ricordo, di sicuro la miopia è solo ad un occhio). Poi so che può essere un occhio un po' più grande dell'altro. In ogni caso sono un po' traumatizzato, dovrei andare a farmi controllare dall'oculista? non so che dire. Ora francamente mi sembra tutto ok, tranne x il fatto che mi sembra uno un po' più grande dell'altro. Grazie e mi scusi. Nel caso, Interrompendo o cambiando farmaco si risolve da solo o è un qualcosa che resta in eterno ? Ora come ora non intendo continuare, non ce la faccio, non sono disposto ad ammalarmi di mille altre cose, invece di curarmi mi crea solo paure e altri guai.

[#6] dopo  
Utente 249XXX

In sostanza vorrei capire se con l'interruzione si risolve una eventuale midriasi. Spero che qualcuno possa rispondermi, ve ne sarei grato. Spero non mi diciate nulla sulla scelta di non proseguire, mi preme capire questa faccenda. Grazie e mi scuso, ma sono molto preoccupato

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Francamente mi pare stia facendo della auto-valutazioni confusionarie, sia nelle premesse, che nel dettaglio, che soprattutto nelle implicazioni sulla terapie.
Deve riferire e farsi guidare dal medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 249XXX

ok, mi scusi, cercherò di parlarne de visu col medico. posso solo dirle che ho notato x certo oggi che con la luce dello specchio accesa si rimpiccioliscono le pupille e se chiudo tornano com'erano. Ho letto che questa è una condizione fisiologica. Al netto di questo, l'unica cosa che mi preoccupa è che la pupilla destra mi appare un po' più grande dell'altra e cmq x correttezza però aggiungo che se si ingrandisce lo fa ad intermittenza, cioè il fatto che la destra sia grande non è una cosa fissa. Le chiedo solo un'ultima considerazione se posso, altrimenti mi scuso, giuro che non scrivo più anche perchè so che a distanza non si può valutare più di tanto. Questo fatto che non è grande in modo fisso e - se lo è - lo è ad intermittenza potrebbe essere un segno che non vi è nulla di strano? Grazie e mi scusi se ho disturbato in questi giorni, non scriverò più per correttezza.

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Nessuno però le aveva chiesto di dettagliare, Lei lo fa in quanto preoccupato della cosa in una maniera caratteristica.
E' chiaro che poi rientra tra quelle cose che tipicamente vanno viste.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it