Utente 472XXX
Non so se la consulenza la posso avere nella sezione psichiatria, nel caso dovrei essere reindirizzato.
Espongo in breve.
Ho 35 anni, omosessuale dichiarato. La libido non è mai stata forte, a volte assente probabilmente. Anche se la sensazione di un anima femminile è presente fin dalla prima infanzia. Ho rarissimi rapporti occazionali, per lo più solo orali per alcune difficoltà.
Terminato un rapporto il primo desiderio è quello di una doccia di pulire, sfregarmi molto forte, rilavare i denti piu volte, arieggiare casa come a "ripulirmi" da qualcosa che in qualche modo piace/non piace, ripulirmi da qualcosa che involontariamente per me è qualcosa di "sporco".
L'unica relazione duratura che ho avuto è terminata proprio perchè il mio compagno dopo un anno di quasi mancanza di sesso nonostante i suoi desideri si è stufato dicendo che lui era qualcosa che io mi sarei fatto bastare ma in realtà non mi piaceva. Il legame affettivo per me era totale, ma probabilmente il rapporto che si stava creando era piu simile a quello di un fratello almeno per me e forse era quello che io cercavo.
Non so. ho dei problemi a farmi piacere i rapporti sessuali. Questo è un problema per cercare qualsiasi relazione.
Dovrei farmi aiutare, o ci sono persone che per loro natura sono cosi.?

Soffro di ansia da 5 anni (ansia sul lavoro), ma questo esula l'argomento..o forse l'ansia nasce da una scarsa realizzazione personale.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Le motivazioni potrebbero essere svariate.

Anche la presenza di ansia richiederebbe una maggiore attenzione.

Può essere utile una valutazione psichiatrica per un inquadramento appropriato.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 472XXX

La presenza di ansia è già presa in considerazione. Da 5 anni (l'isorgenza dei fenomeni ansiosi) ho una cura farmacologica (Xananx e citalopram) e un incontro psichiatrico mensile. L'ansia è tutta sul lavoro vera e propria ossessione presente sia al lavoro che fuori dal lavoro, come se non staccassi mai. Terribile, ma i miglioramenti sono lievi. Forse i farmaci mi permettono di mantenere un lavoro senza i quali forse mollerei.

I problemi di natura sessuale ( se possono essere considerati problemi ) per me rappresentano un vero e proprio tabu. Non credo riuscirei a parlarne di persona. Il sesso esula molto dai miei discorsi forse viene evitato. Non so se in quel caso c è una figura specifica a cui riferirsi (sessuologo o altro) o se sarebbe necessario provare con enorme difficolta allo psichiatra