Utente 528XXX
Salve, mia sorella soffre da circa un anno di depressione maggiore, assume psicofarmaci, se non erro brintellix e ansiolitici.
Da circa una settimana lo psichiatra le ha prescritto dei sonniferi.
Ieri mi ha detto una cosa che mi ha realmente scioccata, che ora si sente più tranquilla perché se ne sente la necessità può uccidersi sul serio con i sonniferi.
Questo è realmente possibile?
Come dovrei attuare.
Non penso minimamente a parlare con mia madre per non scioccarla.
E non vorrei parlare con il medico per paura di ferire mia sorella, che conoscendola, sfoscerebbe in atti molto più gravi se sapesse di essere stata tradita.
Io lavoro tutto il giorno, praticamente tutti i giorni. Ho pensato che potrei buttare i sonniferi e parlarne con lei.
Come devo comportarmi?
Potrebbe davvero farsi seriamente del male con queste pillole?
Vi prego confido in un vostro consiglio.
Molte grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Quelli che lei chiama "sonniferi" sono altrettanto pericolosi degli ansiolitici e dell'antidepressivo che sua sorella sta già assumendo. Il problema è a monte. Se lei ha di questi sospetti e timori deve informarne lo specialista curante.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-