Perché non riesco più a diventare euforico con l alcol

Salve, sono un ragazzo di 28 anni, che ultimamente consuma alcol regolarmente. Vi espongo il problema: praticamente, ormai posso bere finché voglio, ma non riesco più ad avvertire quelle sensazioni di benessere tipiche di questa sostanza, cioè, l'allegria, l'euforia, la disinibizione, la mancanza di paura, resto normale, esattamente come sono. Mi chiedo perché, nonostante ciò, mi ubriaco, nel senso che seppur non provando più le sensazioni inebrianti, dopo aver bevuto vari bicchieri, mi metto a barcollare, avverto nausea, voglia di vomitare, perdita della memoria. Mi chiedo, com'e possibile che mi sento male, senza sentire gli effetti inebrianti dell'alcol, perché se è vero che ho bevuto troppo, prima dovrei sentirmi anche euforico, che corrisponde al livello degli effetti precedenti causati dell'alcol, invece questo non succede più come capitava una volta, ormai mi metto a bere, senza sentire più sensazioni rilassanti al cervello e dopo aver bevuto un bel pò di bicchieri, mi ubriaco, ma senza avere effetti particolarmente ansiolitici sul mio cervello, nel senso che sono sbronzo, ho tutti i tipici sintomi di quando si alza troppo il gomito, ma a livello cerebrale sono quasi uguale a quando non sono ubriaco, ovvero non sento benefici sull'ansia, sulla slatentizzazione dell'euforia e sull'ebrezza in generale. In pratica divento un ubriaco a livello fisico, perché come ripeto, barcolla, parlo male, ho difficoltà a ricordare, ma psicologicamente e sull'ansia ha poco effetto. La mia domanda è proprio questa, com'e possibile che dopo aver bevuto molto mi ubriaco, presentando tutti i classici sintomi fisici, ma a livello cerebrale l'alcol non agisce, nel senso non riuscendo più a rendermi euforico, felice, meno ansioso nel rapporto con gli altri, come invece una volta capitava? Mi sembra una cosa molto strana. Ho sentito dire che può dipendere anche da alti livelli di stress il motivo per cui l'alcol non riesca a fare effetto, oppure anche dell'umore iniziale, però ovviamente gli esperti siete voi, quindi non mi intrometto di dare opinioni in una materia a me ignota. Vorrei solo capire se esiste una ragione scientifica alla mia domanda, visto che io non riesco a trovare una risposta. Vi ringrazio in anticipo. Cordiali saluti.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.2k 1k 63
Può esserne diventato dipendente.


L'uso dell'alcool im questo modo è da considerarsi come un fenomeno patologico.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Utente
Utente
Egregio dottore, la ringrazio per aver risposto. Volevo domandare per quale motivo posso bere grandi quantità di alcol senza avvertire alcun cambiamento a livello psicologico, nel senso, sensazioni inebrianti, come la tipica euforia derivata dal consumo di questa sostanza, eppure improvvisamente dopo comincio a sentirmi male, ho la nausea, cammino male, ho amnesia, insomma tutti i segnali dell'aver bevuto in eccesso. Intendo dire, se riesco a reggere così bene l'alcol, senza avvertire sensazioni rilassanti sul cervello, che è la prima fase di un'ubriacatura, quindi è come mi sentissi bene, perché invece dopo mi sento male, cioè passo direttamente allo step finale, senza andare a gradi. Perché io mi dico, se reggo bene l'alcol, senza sentirmi brillo o allegro, vuol dire che non sono ubriaco, però dopo aver bevuto molto avverto i segnali da intossicazione della sostanza, ma saltando la fase precedente degli effetti psicologici. Com'è possibile? Secondo me, finché non si avvertono i segnali sul cervello vuol dire che non si è ubriachi, per cui, in teoria se non ci si sente alticci, si riesce a reggere, non ci si dovrebbe ubriacare. Invece, come mai, dopo aver bevuto molto, il corpo avvisa che si sta esagerando, reagendo con l'invio dei segnali di malessere, per far smettere di bere, in quanto si sta raggiungendo un'intossicazione, pur riuscendo a reggere, come già ripetuto più volte, nel senso che non avverto le avvisaglie di una sbronza. Perché, finché reggo, dovrebbe essere che non sono ubriaco, per cui il corpo non dovrebbe sentirsi male, invece questo avviene. Spero di essere stato chiaro, mi rendo conto che probabilmente non sono riuscito a farmi intendere in modo ottimale, spero comunque in una vostra risposta che possa delucidarmi e che esista una motivazione scientifica a questo fenomeno. Vi ringrazio. Cordiali saluti.