Utente 566XXX
Salve dottori penso di aver sempre sofferto di doc già da piccola perché da piccola la mia mente mi faceva vedere io senza capelli e stavo malissimo poi crescendo la mia mente mi diceva di far male i miei nipoti e mia mamma mi faceva aver pensieri assurdi poi ogni volta che esco devo controllare mille volte le luci, il gas e altre cose e se non lo controllo mi viene l'ansia e per togliermi l'ansia controllo poi mi ha fatto credere di avere un tumore al collo e andavo sempre a controllare poi 4mesi fa l'inferno una ragazza si dichiaro lesbica e da lì mi sono fatta delle domande ma se lho sono anch'io? E da lì panico comincio a fare test a vedere su internet quando uscivo vedere ogni ragazza e mi domandavo se mi potesse piacere se ero eccitata la mia mente mi faceva vedere immagini ecc io mi sono sempre prese cotte per ragazzi e anche ora ho una cotta per un ragazzo ma non mi sono mai fatta avanti perché ho una bassissima autostima e credo di non essere mai abbastanza e sono molto timida con i maschi, ho sempre sognato una famiglia un figlio e un marito prima di avere questo pensiero era un periodo che lho volevo realmente non c'è lha facevo più a stare da sola voglio un ragazzo pk sono oramai due anni che non ho amiche e non esco. Non mi eccita una ragazza anzi mi fa schifo pensare a una ragazza mi sono sempre masturbata con corpi maschili e ho sempre raggiunto il piacere e anche ora sono stata questi 2 settimane tranquilla pensavo al ragazzo che mi piace poi di nuovo ma sono realmente estero? E da lì ricomincio poi uscendo mi sono liberata perché ho capito che se dico che sono lesbica e un pensiero che non mi appartiene e invece se dico se sono eterossesuale mi viene da dentro, ho parlato con mia mamma e mi ha detto che queste paure me le faccio venire io e ed molto vero perché quando penso a questa cosa e come do piu spazio al pensiero che non a quello che sento e mi sale l'ansia e vado nel panico sto prendendo la decisione di andare da qualcuno perché io voglio la mia vita stavo diciamo un po più tranquilla ho avuto un infanzia difficile

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

E' una forma comune di ossessione, per cui il medico non avrà problema a comprendere di cosa sta parlando, dopo di che ovviamente la diagnosi definitiva e completa si fa al termine della valutazione psichiatrica.
Non ha mai fatto trattamento in passato per questi sintomi, anche con contenuti diversi ovviamente ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 566XXX

Salve dottore no non ho mai fatto ma penso che ora andrò da qualcuno perché non c'è l'ha faccio più ormai e come la mia mente comanda e non sono più io se per questa settimana sto ancora così vado perché quando esco sto bene perché non è la prima volta che mi fa anche con i bambinii fa credere che io le odio che non è vero perché io amo i bambini o anche con mi madre o sulla religione e una cosa bruttissima perché perdi il controllo e poi anche in passato ho sofferto di attacchi di ansia e panico

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, mi pare una scelta saggia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 566XXX

Prima lo riuscivo a gestire ma ora non più perché mi fa credere che a me non mi piacciono i maschi bene o male riesco a capire quali sono i messaggi che non fanno parte di me e quelli si ma quando viene forte non le riesco più a distinguere. Sono stata 2 settimane benissimo era come prima di avere questa ossessione

[#5] dopo  
Utente 566XXX

Ci sono momenti che sono normale e momenti che la mia mente prende il controllo ma dopo quando esco sono normale

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sì, tutto questo è la ripetizione di caratteristiche del suo disturbo, tende a farlo come per cercare una spiegazione.
Invece il punto è di curarlo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 566XXX

Salve dotter quindi secondo lei è un disturbo ossessivo compulsivo

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ad una prima impressione questo parrebbe, però la cosa importante è sempre fare una valutazione a tutto tondo, perché non è detto che sia l'unico aspetto o l'unico fattore da considerare poi quando si va a decidere la cura.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#9] dopo  
Utente 566XXX

Sono stata tranquilla queste due settimane ora mi è tornato ma quando penso di essere lesbica mi viene da vomitare non riesco a mangiare più se sto a casa mi viene paura che mi vengono invece se sto fuori sto tranquilla

[#10]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Anziché curarsi sta facendo due delle cose tipiche di chi ha le ossessioni: quando si sta meglio aspettare, quando si sta peggio riferire i sintomi in maniera molto allarmata, in tutto questo sta omettendo di curarsi però.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11] dopo  
Utente 566XXX

È vero perché quando sto bene dico non mi serve ma quando mi viene l'attacco di panico e perdo il controllo voglio subito una mano ma sto prendendo seriamente di andare da qualcuno ma come la mia mente dice di no e poi ho molta vergogna di parlare qualcuno poi se dico domani vado da qualcuno si toglie

[#12]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Appunto, sta temporeggiando, ma questo meccanismo del ritardare è parte integrante del disturbo, è come se aspettasse che passi o di farlo passare capendo qualcosa nel pensiero, e alla fine non va dal medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#13] dopo  
Utente 566XXX

. Salve dottore penso di aver ceduto di nuovo al doc anche questa volta Ho sempre ammirato e sono sempre stata gelosa delle mie amiche perché loro sono belle e hanno i ragazzi poi la mia mente mi fa vedere immagine di me a 30 di scopriremo lesbica e io mi aggitto ho paura di esserlo poi la mia mente mi ha detto non voglio essere lesbica per gli altri?questa domanda è sorta perché stavo leggendo l'articolo che faceva la differenza tra
omosessualità e doc e nel doc mi sono vista me stessa su la lettura del doc E mi faccio sempre questa domanda ma ogni volta rispondo di no perché ho più paura di esserlo e su qualsiasi cosa la mia mente me lo fa credere anche quando mi sono fatta la domanda di essere lesbica? Dopo un po di volte la mia mente si convinceva io ho più paura a esserlo non mi interessa di dirlo ho molto più paura di esserlo perché voglio un ragazzo un marito una famiglia anche se mi immagino con una ragazza non ci riesco la mia mente mi fa vedere che c'è lho dico ai miei genitori e vado nel panico perché io so di non essere lesbica perché non mi appartiene quelle volte di lucidità e mi ascolto io sento di essere etero perché se lho dico mi viene da dentro e sono felicissima ma quando la mia mente mi dice di no entro nel panico e non do più ascolto più me stessa e io ci credo
Ma secondo lei si può stare così male per questa cosa rabbia, angoscia, tristezza
Ancora non vado da nessuno perché ho paura mi vergogno di dirlo perché poi ho paura e se lo specialità mi dice di essere lesbica?

[#14]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Come vede, già dall'inizio si ripete il meccanismo che la fa ritardare. Infatti con una scusa alla fine temporeggia (vergogna di dire queste cose allo psichiatra, che le sente tutti i giorni...). Lo specialista deve dirle il suo orientamento, capisce che la cosa non ha di per sé senso, presumo di sì. Il punto è che è lì a cercare di resistere e a dire "ci sono ricaduta". Ha un disturbo, non resiste né cede, ne è affetto. Sta evitando di curarsi, invece ha senso farlo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it