Utente 548XXX
Buongiorno, gentilmente vorrei porre una domanda a cui tanti professionisti del settore non mi hanno saputo dare una risposta convincente.
Quali sono i motivi per cui il cipralex o meglio un antidepressivo in generale possono causare un effetto indesiderato in questo causa mialgia e artralgia?
Qual è il meccanismo d'azione del farmaco che porta a sperimentare questi sintomi?
Es: è risaputo che le statine usate per controllare l'ipercolesterolemia provoca mialgie diffuse.
Grazie a chi di voi professionisti risponderà.

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Il farmaco non provoca mialgie diffuse.
Statisticamente sono possibili alcuni effetti collaterali per l’azione sui canali del calcio presenti nelle cellule muscolari ma tali effetti non sono comuni.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 548XXX

La ringrazio dottore per la pronta risposta. Certamente penso che la reazione sia puramente soggettiva. Non a tutti provoca gli stessi effetti. Nello specifico a me da quando assumo cipralex 10 mg per un periodo di forte stress psicologico dopo qualche mese mi sono sopraggiunti degli strani indolenzimenti muscolari che di fatto sono cronici in quanto continuano a perdurare. Dopo tanti mesi ho fatto RM lombare e femorale che hanno escluso cause organiche. Leggendo sul bugiardino negli effetti indesiderati del cipralex può interessare 1 persona su 10 la mialgia e l'artralgia.

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sono meccanismi legati al semplice fatto che il tessuto nervoso media percezioni e anche la funzione muscolare. Ma nello specifico cosa le interessava sapere, altrimenti entriamo in questioni che poi non può capire in quanto presuppongono nozioni varie.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 548XXX

Gentile dottore, quello che mi interessava sapere è il meccanismo d'azione degli SSRI per poter capire se ci può essere una correlazione con questi indolenzimenti muscolari sorti dopo mesi di terapia con cipralex 10 mg. Inizialmente avevo una cefalea persistente dopo si attenuo' e subentrarono i fastidi muscolari. Escluse cause organiche cosa potrebbe essere? Fibromialgia? E la causa? I famosi trigger point non sono nemmeno dolenti alla digitopressione. Appunto perciò mi focalizzo sul farmaco che ancora assumo. Vorrei capire...
. grazie dottore

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Forse però il tutto dipende dalla sua diagnosi di fondo. Perché se è di quelle in cui l'attenzione ai sintomi si sposta, non sarebbe strano.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 548XXX

Da quello che percepisco lei pensa che la causa è sempre lo stress psicologico diagnosticato 2 anni fa che mi portò ad iniziare la terapia con cipralex.
I sintomi quindi possono spostarsi ma la causa rimane sempre quella.
L'unico mio dubbio resta il fatto che questi dolori sono sorti dopo mesi di.cura con SSRI. In teoria dovevo essere coperto.
Comunque. Lei mi consiglia qualcosa a riguardo per risolvere?
Grazie

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non è che la causa è lo stress, non mi pare di aver usato questa espressione. Lei ha una diagnosi, questa diagnosi si esprime con sintomi vari: possono consistere anche in sintomi corporei, ma anche nell'attenzione al corpo, con produzione di sintomi nel senso di essere preoccupati o concentrati su parti del corpo o percezioni, senza che vi siano effettive limitazioni funzionali.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 548XXX

Si dottore è vero mi sono espresso male.
La diagnosi fatta 2 anni fa è stata di ansia generalizzata e depressione del tono dell'umore.
Ma il cipralex non dovrebbe funzionare per questi sintomatologia che presento?
È da 2 anni che la porto avanti...

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Potrebbe funzionare, ma non è che si attendono due anni per saperlo. Se dopo 1-3 mesi non ci sono miglioramenti, queste cure si rivedono, nella dose o nella scelta della molecola.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 548XXX

Gentile dottore, innanzitutto la ringrazio le tempestive risposte.
In questi due anni di terapia ho provato più molecole e dosaggi... ho aumentato il cipralex a 20 mg aggiungendo anche l'amisulrpride che dopo 4 mesi si scatenarono dei forti mal di testa e ho dovuto sospendere per passare alla paroxetina... stessa identica cosa. Adesso sto un po' meglio. Il.cipralex mi ha attenuato solo il senso di nausea e riposo meglio la notte. Solo.che i.dolori.non passano come anche prima.con.la paroxetina.

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ci sono due categorie di problemi in cui il sintomo "prominente" è quello somatico. Una consiste nel fatto che insieme a sintomi ansiosi e depressivi ci sono anche sintomi corporei. L'altro è quando l'attenzione, o la modalità di espressione del disagio, sceglie la via somatica. Non nel senso che si "producono" o si "inventano" sintomi, ma nel senso che ci si esprime in termini corporei, o si privilegia l'aspetto corporeo nel descrivere il proprio disagio, facendolo risaltare come se fosse l'interferenza maggiore.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 548XXX

Capisco benissimo dottore... sono d'accordo con lei.
Rimane un po' in me il dubbio perché penso che la causa scatenante di questo mio stato emotivo sia in via di risoluzione.
In ogni caso approfitto per porgerle un'ultima domanda...
In questi casi quale sarebbe il miglior approccio terapeutico?
Sto facendo sport e ancora assumo 10 mg di cipralex.
Lei mi consiglia qualcosa più indicativo secondo la sua esperienza professionale?
Grazie tante

[#13]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La causa scatenante è un concetto abbastanza inutile. E' quella cosa che innesca, sostituibile, e che può poi essere anche risolta.
Secondo me andrebbe riconsiderata la scelta della molecola, se già è a dose piena da mesi, e la diagnosi definita meglio per chiarire quali opzioni ci sono.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it