Utente
Buongiorno, premetto che sono una persona molto ansiosa e ho già superato qualche piccola nevrosi che mi dava qualche difficoltà, per esempio una leggera agorafobia e un po’ di ansia sociale, mi sono sforzato e ora queste cose non le patisco più.
Detto questo, è successo tutto da quando è finito il liceo, mi sono trovato senza nulla da fare e senza amici, é stato brutto.
Oggi é un po’ diverso perché mi sono sforzato di trovare degli amici, di fare sport e ne ho avuto dei giovamenti, anche perché mi piace vivere, ridere e star bene, pur patendo esami, interrogazioni, esami medici ho sempre pensato ad altro e queste cose sono saltate fuori proprio da qualche anno che non so più che cosa fare della mia vita.
Parlando di ansia vera, é iniziata 10 anni fa quando in conservatorio ho incontrato un’insegnante che mi ha umiliato per diverso tempo e bloccato completamente nella mia grande passione per il piano fino a farmela abbandonare.
Questo ha pesato molto sulla mia autostima pur essendo bravo.
Dopo questo episodio non ho più avuto situazioni così pesanti anche se é stata dura finire la scuola.
Quello per cui vi scrivo é che da circa un mesetto ho iniziato a dipingere, ho deciso di non farlo più perché non mi da belle emozioni, anzi mi innervosisce un po’ perché non voglio sbagliare e mi tendo un po’ i nervi, preferisco la musica che ho ripreso da una settimana con gioia del mio nuovo insegnante, il problema è che la mia ragazza mi ha fatto notare che nelle nuvole o in qualsiasi oggetto puoi vederci un’espressione, bastano due puntini e anche una scatoletta può sembrare che abbia gli occhi anche se non é così chiaramente, quello che mi spaventa è che ho iniziato un po’ forzatamente anche per paura a guardare tutte le cose in questo modo e ho molta paura che questa cosa mi faccia impazzire anche perché attualmente mi sta dando moltissima ansia perché ho paura di non percepire più come prima il mondo, comincio a pensare a questa cosa è ogni volta mi ci ritrovo, per fortuna non in tutto, però succede spesso, ho letto su Internet che non è considerata una malattia però potrebbe essere magari un sintomo di qualcosa, magari una psicosi o simili...come faccio a sbarazzarmene?
Ho molta paura di non riuscire a tornare come prima, Potrebbe essere colpa della pittura che esercitandomi con le luci e ombre ho sviluppato un po’ di più l’occhio per le cose o l’ansia che si scatena magari perché ho ripreso a suonare e rivivo un po’ quella situazione anche se amo la musica?
O una semplice canalizzazione dell’ansia che si aggrappa stavolta a questa cosa?
Spero di non avere qualcosa di grave, perché un mobile per me rimane un mobile chiaramente, però se inizio a pensare a questa cosa ci ricasco e ci vedo qualcosa per forza...mi sento un po’ in trappola, spero di avervi fatto capire, attendo risposta grazie

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Da come descrive le varie situazioni e il tipo di preoccupazione, si potrebbe pensare ad un problema di tipo ossessivo.
Se già sa di avere questo tipo di predisposizione, magari già diagnosticata in passato, è il caso di farsi rivalutare adesso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
Diciamo che la paura é quella di impazzire, come era tempo fa quella di morire, so che è un fatto ansioso perché il vero matto non sa nemmeno di esserlo, sente le cose così e basta invece io ho moltissima paura di ciò...sono un po’ ipocondriaco, la mia domanda era se una cosa del genere potrebbe essere collegata a un inizio di qualcosa di molto più grave, probabilmente mi sono fissato di ciò e basta...almeno ci spero ...

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"la mia domanda era se una cosa del genere potrebbe essere collegata a un inizio di qualcosa di molto più grave,"

Questa appunto è la domanda ipocondriaca, non va tratta come fosse una domanda normale. Altrimenti, con la rassicurazione, tende a riprodursi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"