Utente
Buonasera a tutti i medici e grazie in anticipo per l'attenzione.
Sono un uomo di 41 anni e da molto tempo soffro di depressione e ansia forte.

sono stato da vari specialisti, psicologi e psichiatri con relative prescrizioni di farmaci e ora da un paio di mesi ho iniziato di nuovo, una psicoterapeuta che vedo settimanalmente e uno psichiatra che mi segue per la cura dei farmaci.

In tanti anni ho assunto diverse benzodiazepine e non mi hanno mai fatto male, anzi mi portano solo sollievo.

per quanto riguarda l'antidepressivo ho preso per anni zoloft a vari dosaggi, anche 200mg e mi faceva bene, mi aiutava anche a scalare le benzodiazepine.

un anno fa dal medico di famiglia mi è stato sostituito con eutimil...mi trovavo benissimo! ero rinato.
Verso il mese di giugno scorso interruppi bruscamente eutimil, e ricominciarono vari problemi.
lo psichiatra che ora mi sta seguendo, la prima volta mi ha prescritto carbamazepina.

è stato un incubo dopo due giorni.
tremori, paura, ansia, agitazione.

così dopo un mese di tentativi mi prescrisse brintellix gocce.
il risultato disastroso fu lo stesso in poco tempo con agitazione, ansia e irrequietezza.

decidemmo di tornare allo zoloft, che ho preso per anni e conoscevo bene.
il risultato fu uguale dopo un certo periodo.

di mia iniziativa, dato che il medico era fuori sede e non reperibile, tornai all'eutimil 20 mg.
indovinate un po?
stessi effetti collaterali.

vi lascio immaginare il mio stato d'animo e il mio sconforto...possibile che tutto ad un tratto tutti gli antidepressivi mi portano questi effetti collaterali?
zoloft l'ho preso per anni e mon mi ha mai fatto nulla di male, brintellix non lo conoscevo ancora, eutimil da un anno a quando l'ho interrotto era miracoloso.

la mia domanda è: cercando un po su internet, prima di tornare dallo psichiatra, ho letto di una certa sindrome serotoninergica e quali sono gli effetti.
come è possibile che mi stia capitando ultimamente con tutti gli antidepressivi che fin'ora mi facevano solo bene?

scusate per il lungo post, ma volevo essere chiaro.
grazie

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Non vedo che c'entri quella sindrome.
Non si capisce bene perché ad un certo punto vengano cambiate le cure, se una aveva funzionato. Si sostiuisce con eutimil, e comunque è simile. Ma poi perché carbamazepina che è proprio diversa, per diagnosi diverse ?
Alla ripresa fa riferimento a sintomi dei primi giorni, perché in tal caso la cosa è abbastanza normale, che si peggiori inizialmente. Diverse è se intende settimane, e non giorni.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2] dopo  
Utente
salve e grazie per la risposta Dottore.
carbamazepina mi era stata prescritta per diminuire le benzodiazepine,per poi eliminarle pian piano nel tempo.
Le ripeto,sia zoloft che eutimil non mi avevano mai fatto male.Eutimil la sospesi perchè mi dava problemi a livello sessuale.Poi volevo dare un taglio anche alle benzodiazepine e mi fu prescritto questa carbamazepina.
preciso che alla ripresa degli antidepressivi, sia brintellix,zoloft e poi eutimil li ho presi per un paio di mesi ciascuno.
gli effetti collaterali dovevano sparire intanto,invece me li sono sempre portati appresso.
preciso anche che con le dosi più basse 0,50 zoloft e mezza compressa di eutimil,quindi 10 mg,questi effetti negativi non mi vengono,ma la quantità non basta al mio scopo per farmistare meglio.
poi le ripeto,in passato ho preso dosi molto più alte sia di zoloft che di eutimil e non mi è mai successo nulla di male.
mi permetto di insistere,dato che ormai mi conosco,so la reazione a questi farmaci dato il mio vissuto e le mie esperienze.

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Ma la sindrome serotoninergica è ben altra cosa da ciò che descrive con l’uso dei farmaci.

Se questi le dovessero dare fastidio ci sono molti altri antidepressivi.

È più probabile che la diagnosi attuale non sia corrispondente all’uso di antidepressivi.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#4] dopo  
Utente
E come mai provando 3 diversi antidepressivi, di cui 2 ero sicurissimo usandoli da anni, ora mi provocano questi disturbi?

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Il metabolismo, e quindi anche l'azione catabolica sui farmaci, cambia in base all'età.
Nel frattempo può anche essere variata la diagnosi, per cui questi trattamenti non sono più adatti.

Lei descrive fatti ma vanno studiati anche le introduzioni varie dei farmaci, le titolazioni e tutto il resto.

Quindi, dovrebbe parlarne con il suo psichiatra per capire quali possano essere state le condizioni responsabili di ciò.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#6] dopo  
Utente
Ok vi ringrazio, ma non capisco come il metabolismo possa cambiare così rapidamente nell'arco di tre mesi da quando ho sospeso eutimil e ho iniziato con brintellix poi zoloft e infine eutimil.
Tra 2 giorni ho il consulto col mio psichiatria e gli parlerò.
Grazie ancora

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gli effetti collaterali ci possono essere semplicemente perché tutti quelli che prende ne danno di simili, poi non so a quali si riferisca.

Ma non è che la carbamazepina è stata introdotta, da sola, perché la diagnosi è cambiata ? Questo spiegherebbe meglio il complesso delle cose.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"