Utente
Gentili dottori,
Ho 23 anni e soffro di depressione a periodi intermittenti.
Sono anche ipocondriaca (molto).

Un anno e mezzo fa ho avuto un brutto episodio con dolori fisici, attacchi d’ansia e forte depressione.
Il tutto è sparito con terapia a base di Paroxetina.

Tutti i medici che ho visto, tra cui lo psichiatra, mi hanno diagnosticato un disturbo somatoforme.

Un anno fa una reumatologa, dopo una visita MOLTO superficiale, mi ha diagnosticato la fibromialgia (mi ha toccata in 4-5 punti, non di più).
Questa parola mi ha cambiato la vita in peggio, nel senso che mi sono sentita malata e ho iniziato a comportarmi come tale.

Ho sentito il parere di un’altra psichiatra ieri che, sentendomi parlare così ossessivamente di dolori vari e preoccupazione sproporzionata per essi, ha confermato il disturbo somatoforme e non la fibromialgia dal momento che io cammino anche 10 km al giorno, non accuso stanchezza persistente, non ho dolore alla testa, nemmeno crampi addominali, non ho nemmeno questa fibro fog di cui si parla tanto.
Anzi sono piena di vita e faccio tantissime cose!
I dolori vengono fuori solo nei periodi di depressione, sono migranti (anche a distanza di pochi minuti o secondi cambiano sede) e non compromettono la mia vita: più che altro, a comprometterla è l’importanza che ci dó io.
Con la Paroxetina era sparito tutto.

Secondo il vostro parere, alla luce della mia descrizione, si può ritenere che alla base ci sia un disturbo somatoforme piuttosto che questa benedetta FM?

[#1]  
Dr. Giovanni Portuesi

28% attività
20% attualità
16% socialità
PINEROLO (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Non capisco perchè tanto "dolore" a proposito della diagnosi di Fibromialgia. La Fibromialgia viene diagnosticata dal reumatologo, è una entità nosografica con aspetti controversi, tra cui quelli psichiatrici, ma oramai con un percorso diagnostico definito. Il reumatologo quesi sempre si avvale della consulenza dello psichiatra. Probabilmente i punti dolorosi toccati dalla sua dottoressa sono i cosidetti " trigger points" dei punti caratteristici della Fibromialgia che risultano dolorosi alla pressione in presenza di questa sindrome.
Lei mi dice che la paroxetina è stata di beneficio in passato. Siccome la sintomatologia dolorosa della sindrome fibromialgica in molti casi è alleviata dagli antidepressivi, io mi farei curare in un centro per la terapia della fibromialgia ( so che ve ne sono a Cuneo ed a Orbassano) con la collaborazione di uno psichiatra.
La diagnosi di Fibromialgia è più specifica rispetto a quella di disturbo somatoforme, per cui userei la prima.
Dr Giovanni Portuesi

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore,
Si può guarire da questa condizione?

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#4] dopo  
Utente
Ho ricominciato ieri la terapia con Paroxetina su consiglio della mia psichiatra, la quale ritiene che i miei disturbi e dolori non siano compatibili con i nuovi criteri diagnostici della FM ma con un disturbo dell’umore

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Da ieri fino alle prossime cinque settimane deve assumere la terapia e poi rifare il controllo e vedere come è andata, senza elucubrazioni infruttuose poiché già ha perso abbastanza tempo senza curarsi.
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#6] dopo  
Utente
Certo dottore,
Ma secondo lei, quindi, è più probabile un disturbo depressivo o una FM?

[#7]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003