Sogni vividi, violenti e perversi con zoloft

Buongiorno,
Sono in terapia con zoloft 100mg per depressione e ossessioni che rientrano nell'ambito del DOC secondo la mia psicoterapeuta (di queste ultime, non ne ho ancora parlato col medico).

Da quando ho aumentato il dosaggio, dai 50mg ai 100 ho cominciato a dormire in modo strano.
Faccio sogni vividissimi in dormiveglia, talvolta sono catene di pensieri automatici e visivi, come un film e sono del tutto identici per intensità ai veri sogni che faccio mentre dormo, tanto che la maggior parte delle volte, dormendo in modo discontinuo, non riesco a capire fino a che punto ho dormito e quando invece ero quasi sveglio ma continuavo a "sognare".

Il contenuto talvolta è neutro o "avventuroso" ma molto spesso è anche violento o perverso.
Ne ricordo due di cui risparmio i dettagli ma i temi erano degni di qualche film horror splatter.
In effetti ciò incide anche sulle mie ossessioni perché mi domando quanto fare sogni del genere possa essere indice dell'essere uno psicopatico (mi rendo conto che già il fatto di svegliarmi turbato è segno della totale egodistonia della cosa, ma sono comunque esperienze perturbanti, che mi lasciano abbastanza inquieto per tutto il giorno, sia per il contenuto che per l'intensità assolutamente realistica).


La mia domanda è: possono questi sogni e questo ritmo sonno veglia così discontinuo essere causati dallo zoloft?
Aggiungo che prendo anche prednisone da 12, 5 mg al giorno e che I sogni si sono accentuati e sono diventati cruenti in un periodo di stress dovuto a una grande mole di studio che sto affrontando.

Credete che debba parlarne col medico o è un effetto temporaneo / non indice di nessuna problematica?
La questione è che mi sveglio molto agitato (non di soprassalto, non sono incubi, il sogno continua pur vedendo cose orribili) e con un gran mal di testa.
Se riuscissi a dormire serenamente in questo momento il mio umore sarebbe al top, quindi lo trovo abbastanza invalidante come problema.


RingraziandoVi anticipatamente porgo cordiali saluti
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 35k 861 226
"non riesco a capire fino a che punto ho dormito e quando invece ero quasi sveglio ma continuavo a "sognare""

E a che serve saperlo ? Mi sa che è un'attenzione ossessiva al fenomeno, o addirittura è una definizione ossessiva del fenomeno.

"mi domando quanto fare sogni del genere possa essere indice dell'essere uno psicopatico"

Idem come sopra, è un problema che denota ossessività. Non importa dire che svegliarsi turbato è segno di egodistonia, sta cercando di trovare ragioni per dire a se stesso che non è uno psicopatico, queste sono le rassicurazioni che alimentano il pensiero.

Lo zoloft 100 mg è in genere sottodosato per un doc. Riferisca al medico i sintomi ma anche il persistere di queste ossessioni.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottor Pacini, la ringrazio per la rapida risposta. In effetti non avevo mai pensato a quanto il cercare rassicurazioni anche in sé stessi alimenti lo stesso pensiero ossessivo. Ho sempre notato quanto certe dinamiche mentali possano essere considerate compulsioni ma non avevo mai fatto caso a queste auto rassicurazioni. La ringrazio a tal proposito. Il problema relativo ai sogni è che dormo proprio male, c'è una certa ansia pure sul "dormire il giusto numero di ore" ma effettivamente in queste ultime settimane mi sveglio come non avessi dormito, stanco, con il mal di testa e senza energie, da ciò ne consegue un utilizzo spropositato di caffeina che di per sé mi aumenta i sintomi ansiosi (questo l'ho notato da sempre e infatti cerco di evitarla, ma talvolta cedo al bisogno momentaneo). Diciamo che ho notato che quando dormo bene e sono riposato pure le ossessioni perdono peso, non ci penso più, sono più ancorato al presente e vivo con molta serenità, quando dormo poco pure l'ansia aumenta a dismisura. Soffro di problemi del sonno da quando ero bambino e quindi l'ossessione per le "giuste ore di sonno" la fa da padrone come Lei giustamente mi ha fatto presente.

Parlerò col medico alla prima occasione per capire se iniziare un percorso che possa aiutarmi per i problemi del sonno e soprattutto stabilire se e quanto lo zoloft stia influendo.

Mi conceda un'ultima domanda: ho letto che lo zoloft può indurre ipotiroidismo e io da più giovane ne soffrivo, nelle ultime analisi fatte 3 giorni fa avevo il tsh a 6,17 (limite massimo 4,00) e devo ancora effettuare l'esame di ft3 ed ft4, è possibile che sintomi ansiosi e disturbi del sonno siano dovuti ad un ipotiroidismo anche subclinico magari causato proprio dallo zoloft come c'è scritto sul bugiardino?

RingraziandoLa nuovamente la saluto
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 35k 861 226
Non è un suo effetto tipico, quello sulla tiroide. Un tsh aumentato può significare varie cose, se si sa già di soffrire di "ipo" è un conto, potrebbe corrispondere o meno ad un ipotiroidismo conclamato (ormoni bassi) oppure no. Lasci giudicare il medico.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio