Deniban e indicazioni terapeutiche

Gentili Dottori,
causa recente depressione e DAG con il quale convivo da anni sto assumendo Bupropione 150 mg.
Assumo da sei mesi anche Litio 83 mg che però non mi ha dato il minimo giovamento e infine Cymbalta 30 mg per garantirmi un apporto serotoninergico - premetto che ho assunto in passato escitalopram e Zoloft a dose massima senza avere il minimo beneficio neppure per il DAG.
Il bupropione mi ha dato un forte effetto antidepressivo che non mi aveva dato il Cymbalta 60 mg e l'anafranil a 75 mg e ha migliorato quasi del tutto la mia ansia.
Premetto che sono anni che convivo con una grave forma di ipersonnia di cui non sono mai riuscito a venire a capo: Il bupropione però, ha portato per la prima volta in assoluto, un blando ma significativo effetto anche su questo grave sintomo (non avevo mai preso dopaminergici in passato)

Nell'ultimo colloquio con lo psichiatra speravo di aumentare la dose di buproprione a 300 mg - farmaco che tra l'altro ho tollerato benissimo- nella speranza che completasse il lavoro o che comunque portasse ad ulteriori miglioramenti, ma mi è stato prescritto il Deniban.
Lo specialista mi ha detto che per lui è un farmaco "bussola" che lo orienterà verso la cura più indicata per me, a seconda di come reagirò a questo trattamento.
Siccome fatico a capire questo ragionamento, vorrei aggiungere una cosa: siccome io sono convinto che l'ipersonnia dipenda in realtà da una depressione atipica che va avanti da tanti anni - ne ho scoperto l'esistenza da poco e mai mi sono riconosciuto in una patologia come in questa e l'ipersonnia è proprio uno dei suoi sintomi- ho visto che in realtà il deniban è usato proprio per trattare questa patologia.


Io chiesi al medico se avesse potuto prescrivermi la moclobemide proprio perché convinto che fosse depressione atipica, ma lo specialista pur ammettendo che le possibilità che fosse così erano concrete, non ne aveva la certezza e non se la sentì di prescrivermi un farmaco così delicato.
Ora mi chiedo perché darmi il Deniban senza citarmi il fatto che è indicato proprio per questa patologia?
In che modo potrebbe orientarlo verso una cura personalizzata?
Se la mia ipersonnia fosse un sintomo della depressione atipica questo farmaco potrebbe essere quello risolutivo?
Infine ho letto sul bugiardino che l'associazione con litio è sconsigliata; potrei avere qualche delucidazione in merito?
Sono molto indeciso se assumerlo o meno, anche perché in netta ripresa e con poca voglia di sorbirmi altri farmaci e relativi fastidi.


Scusate il disturbo e cordiali saluti.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41k 1,000 63
Gli aspetti che pone vanno chiariti direttamente con il prescrittore piuttosto che tentare di comprendere la motivazione di una indicazione terapeutica che evidentemente è stata valutata dal suo medico.


Dr. F. S. Ruggiero


http://www.francescoruggiero.it

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,
con tutto il rispetto dovutole, ma se non ha voglia di rispondere non lo faccia proprio; così facendo preclude a un altro specialista di darmi una risposta. Preferisco non ricevere alcuna risposta che leggere un commento pretestuoso al solo fine di non fornire nessun aiuto pur rispondendo al consulto, fermo restando che sull'associazione Deniban-Litio già avrebbe potuto rispondermi senza alcun problema, ma il consulto probabilmente non l'ha nemmeno letto, se non nelle prime righe.
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41k 1,000 63