Non provo più piacere

salve dottore sono stato circonciso a 14 anni,perdendo completamente la sensibilità sul glande.Sono continuamente angustiato da questa cosa che mi porto ormai da anni,portandomi alla disperazione e sofferenza più totale,stò male praticamente ogni giorno,specie quando ho rapporti con mia moglie.non provo più piacere! non essendoci più la sensibilità.ero giunto quasi al punto di ritagliarmi la cutitura,ma mi sono fermato anche se non nascondo,che ogni tanto raffiora nella mia mente la disperazione di farlo.sembra che chi circoncidono li lascino al loro destino, e non hai per niente una vita normale,anche se è più pulito,o ho dei benefici,a me sinceramente non interessa.ho intenzione di farmi ricostruire quella parte tagliata,cosa posso fare aiutatemi per favore.grazie
[#1]
Dr.ssa Roberta Cacioppo Psicologo, Psicoterapeuta 340 11 2
Gentile utente,
indubbiamente la circoncisione può portare delle conseguenze importanti a livello fisico e di capacità di provare piacere sessuale, ma il suo tono mi sembra a questo punto veramente esasperato.

Potrebbe pensare di rivolgersi a un sessuologo, con cui affrontare nello specifico le conseguenze psicologiche che la circoncisione ha avuto su di lei in tutti questi anni.

Cordialmente,

Roberta Cacioppo - Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa clinica -
www.psicoterapia-milano.it
www.sessuologia-milano.it

[#2]
dopo
Attivo dal 2009 al 2010
Ex utente
ci tengo molto ringraziarla per avermi risposto:..Non sò se questo è il termine giusto "esasperazione".La mia e solo una disperata soluzione per riavere o riaquistare la sensibilità che avevo prima.Una volta che ti tolgono quella parte chiamata prepuzio,non diventa altro che un lembo di carne che solo a vederlo, mi sento male e mi arrabbio tantissimo, tanto che mi tiro quella pelle per quello che mi e rimasto verso il glande, con la speranza che ricopre il glande.credo che questa cosa egregia dottoressa, mi stia ammalando, se non riuscirò a trovare qualche bravo dottore ,che mi ridoni quello che mi hanno portatovia.grazie ancora.