Attivo dal 2010 al 2013
Salve, volevo un consulto sul tipo di reazione avuta dal mio convivente dopo che io stessa gli ho confessato poco tempo fa un "piccolo" tradimento, anche se sempre tradimento è!
Non mi ha aggredito, non ha pianto ma si è chiuso, non parla di questo con gli amici, con i parenti ed io sono dovuta andare via di casa perchè non vuole vedermi.Essendo orgoglioso ha deciso di incontrarsi con l'altro...è normale non perdonarmi,almeno per ora, non sentirmi ma al tempo stesso vendicarsi dell' altro, come per farsi giustizia?Come dovrei comportarmi?

[#1]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CATANIA (CT)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile lettrice,
i tradimenti piccoli, grandi, presunti o reali, attaccano fortemente i nuclei correlati autostima ed al narcisismo degli esseri umani.
Ci vuole tempo, pazienza e voglia, per perdonare, chiarire, rimattersi in gioco all'interno dello stesso legame e, forse dopo...dimenticare.
Il tempo ed il buon senso vi aiuterà.
Auguri.




www.valeriarandone.it
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#2] dopo  
Attivo dal 2010 al 2013
Grazie per il consulto,
Sono d' accordo con Lei nel dire che il tempo migliorerà le cose, lui non mi ha chiuso tutte le porte ma dice che ora non riesce a perdonarmi. Mi auguro che torni presto e che insieme ricominciamo una nuova pagina.

[#3]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CATANIA (CT)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Auguri anche da parte mia.
Un suggerimento , si chieda tra sè e sè, cose l'ha spinta al tradimento, anche se piccolo, cosa ha cercato in altro dal suo legame, magari scopre cosa dovrebbe mettere a fuoco e, poi a punto, all'interno del suo rapporto di coppia.
Il tradimento, da crisi, diventa risorsa, se ben adoperato.
Auguri ancora.



www.valeriarandone.it
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#4]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
SIGNA (FI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile ragazza, si chieda anche cosa l'ha spinta a confessare il "piccolo tradimento" al suo convivente.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it

[#5] dopo  
Attivo dal 2010 al 2013
Sono sempre stata molto aperta con lui,cercando di dirgli tutto e non sono riuscita a tenermi questo peso,anche se sò che può essere stato un gesto egoistico scaricando il tutto su di lui.
Anche se è stato un piccolo tradimento dentro me è pesato come un macigno...e solo allora ho realizzato di aver rovinato una storia!
Grazie anche a Lei per il consulto

[#6]  
Dr. Giuseppe Santonocito

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
SIGNA (FI)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Fin da bambini ci dicono che "bisogna sempre dire la verità". A volte prendiamo quest'imperativo alla lettera, e lo generalizziamo a tutto quanto.

Ma il fatto di essere "molto aperti" sui tradimenti commessi, non serve a redimerci. Non fosse altro che per il fatto che il tradimento, tanto, lo si è già consumato. Non si possono riportare indietro le lancette dell'orologio. Cercare di riparare con la sincerità serve solo a peggiorare la situazione.

La mia opinione è che quando si scende a compromessi con se stessi, concedendosi di tradire chi ci sta accanto, bisognerebbe fermarsi lì e resistere allo stimolo di rivelare l'accaduto. Altrimenti è un aggiungere egoismo a egoismo.

In conclusione, io credo che a questo punto possa solo sperare che il suo convivente se ne faccia una ragione e la perdoni. E se dovesse esserci una seconda volta, ora ha informazioni in più per decidere come comportarsi.

La prego di notare che non la sto giudicando. I tradimenti succedono ogni giorno, gli esseri umani non sono macchine programmate per funzionare in maniera rigida e infallibile. D'altra parte, ciò che le ho detto potrà sembrare duro, ma in effetti, se ci pensa, vedrà che le cose stanno proprio in questo modo.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
Specialista in psicoterapia breve strategica
www.giuseppesantonocito.it