Ho un dubbio

Buongiorno Dottori, volevo chiedere un vostro parere: in pratica la psicologa del consultorio che mi da solo indicazioni ma non fa psicoterapia mi ha detto che i miei sensi di colpa ossessivi sono causati da una mia mancanza di aggressività, tendo sempre a passare sopra tutto e questo mi ha fatto implodere. Volevo sapere se la cosa è in qualche modo risolvibile da soli o è necessario una psicoterapia e se è difficile come processo di guarigione. Il fatto è che somatizzo molto il tutto e quindi vivere è da qualche mese diventato per me molto difficile quindi vorrei un po' capire se c'è speranza di star meglio in un periodo non troppo lungo. Aggiungo che sto anche seguendo una terapia farmacologica con antidepressivi ma al momento non ha dato grandi risultati, sicuramente sono migliorato ma non guarito. Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti.
Cordiali saluti
[#1]
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta 7,2k 220 110
gentile utente se una psicopatologia è conclamata e diagnosticata uscirne da soli è impresa ardua e pericolosa (il rischio è che si attuino strategie che peggiorano anzichè migliorare)
quindi una psicoterapia è indicata.
saluti

Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#2]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Gentile Utente,

quale tipo di indicazioni Le ha fornito la psicologa? Le ha consigliato una psicoterapia? Quanti colloqui ha fatto? Da quanto tempo assume la terapia farmacologica?

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#3]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottor De Vincentiis la ringrazio per il consiglio, non farò di testa mia per non rischiare.
Gentile Dottoressa Pileci, la psicologa mi ha consigliato una psicoterapia cognitivo-comportamentale, sono in lista d'attesa per la psicoterapia presso CSM ma non mi sanno dire quanto l'attesa sarà ancora lunga, assumo la terapia farmacologica da circa 2 mesi e mezzo con miglioramenti ma a periodi alterni l'ansia e i sintomi peggiorano nonostante la cura. Con la psicologa ho avuto circa una decina di colloqui dove siamo risaliti alla causa del mio malessere e siamo giunti alla conclusione che avendo un carattere molto insicuro, timoroso e pacifico non sono riuscito a fronteggiare adeguatamente i problemi della vita incontrati fino ad oggi, tenendomi tutto dentro fino a implodere e scatenare l'ansia con i vari sintomi. Mi ha detto che ci sarà da fare un lavoro di correzione sulla mia percezione del mondo, insegnarmi a veicolare la rabbia e non tenerla tutta dentro però mi ha fatto capire che non sarà un percorso breve e questo un po' mi spaventa. Non tanto perchè sarà un percorso lungo ma più che altro perchè sono già da circa 5 mesi praticamente impossibilitato a svolgere le normali attività, sto rimanendo indietro con il corso di studi universitario e nel futuro immediato non vedo ancora la possibilità di riprendere gli studi. Di conseguenza ci sto rimettendo soldi, tempo e anche relazioni perchè passo molto tempo a casa.
[#4]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,6k 493 45
Per quanto riguarda l'attesa, perchè non prova a rivolgersi ai centri privati convenzionati o ai consultori? Magari l'attesa prevede tempi minori...
Imparare a modulare le proprie emozioni è possibile, non concordo sui tempi necessariamente lunghi, perchè molto dipende da Lei e dalla psicoterapia: una volta compreso il metodo, non è detto che la psicoterapia cognitivo-comportamentale debba essere necessariamente lunga.
Di solito capita che il pz, prima di iniziare una psicoterapia, faccia dei tentativi per cercare di risolvere il problema, ma in realtà sono tentativi fallimentari che possono addirittura peggiorare la situazione (es non uscire più con i Suoi amici).

Cordiali saluti,
[#5]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottoressa, effettivamente io sto cercando da tempo di trovare soluzioni da solo ma hanno effetto nulla o temporaneo, per esempio avevo iniziato a fare sport quotidianamente (sono sempre stato una persona attiva), i primi tempi mi sentivo meglio ma poi è diventato routine e gli effetti benefici sono svaniti, stessa cosa per altre attività...
Gli amici ogni tanto li vedo però non essendo in forma è difficile stare con loro perchè è difficoltoso sia stare tante ore fuori casa sia stare dietro a tutti i discorsi, ecc...non si ha la lucidità di quando si stà bene ed è abbastanza fastidioso.
Ho provato anche a cercare soluzioni ragionandoci per bene ma non trovo nessuna via d'uscita o quando penso di averla trovata mi accorgo che non funziona.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio