x

x

Psicologo Sessuologo

Salve, sto andando da uno psicologo da tre settimane per un problema che non riguarda la sfera sessuale.
Nella mia vita però c'è anche questo problema, non l'ho mai affrontato e ora che vado in terapia mi è tornato in mente questo problema che ho lasciato un po in parte nel corso degli anni pur avendolo sempre.
Volevo semplicemente chiedervi se il mio psicologo può aiutarmi anche in questo. Oppure mi devo affidare ad un sessuologo? Mi chiedevo se qualsiasi psicologo può affrontare problemi nell'ambito della sessuologia oppure ci si rivolge a uno con una formazione diversa. Non vorrei aver sbagliato nella scelta, magari dovevo rivolgermi subito ad un esperto anche di questo così potevo parlare di tutto.
Grazie.
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,7k 495 46
Va bene lo psicologo specializzato in psicoterapia.

Cordiali saluti

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie molte, ma se lo psicologo non fosse esperto o specializzato o perfezionato in sessuologia?
Oppure comunque posso andare tranquillo e parlarne?
[#3]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19,7k 495 46
Lo psicologo si occupa del comportamento dell'essere umano, la sessualità credo rientri...
Perché non chiede anche allo psicologo che già La segue?
Come mai tanti dubbi?
[#4]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 14,9k 337 214
Lo psicologo psicoterapeuta è abilitato a occuparsi dei problemi sessuali dei propri pazienti. Deve essere però psicoterapeuta, cosa che può verificare attraverso il sito dell'Ordine degli Psicologi a cui il professionista è iscritto.

Quindi potrà parlargli tranquillamente del suo problema.

Dr. G. Santonocito, Psicologo | Specialista in Psicoterapia Breve Strategica
Consulti online e in presenza
www.giuseppesantonocito.com

[#5]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 683
Gentile Utente,
Vuole dirci di cosa si tratta?
Le fa piacere parlarne?

Provi a consultare le letture che può trovare nel mio sito personale www.valeriarandone.it , e nel mio blog https://www.medicitalia.it/valeriarandone/

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#6]
dopo
Utente
Utente
Ho vari feticismi che molto probabilmente forse sono parafilie, penso solo a questo e mai al rapporto sessuale.
Dottoressa Randone ho letto alcune risposte che lei a dato a vari consulti e mi sembra di capire che lei dice che non c'è possibilità di cura. Come faccio a curarmi ed a evitare di pensare a certe cose che non danno per niente piacere alla donna e non c'entrano niente con la penetrazione?
C'è possibilità di avere una vita sessuale normale?
Qualsiasi psicoterapeuta può aiutarmi o devo andare da qualcuno che si occupa solo di questo? voi dite di no mi sembra di capire.
Non mi basta accettarmi ma almeno far si che il sesso possa rientrare in una cosa che possa eccitarmi con una donna e avere una vita normale.
[#7]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 683
Stiamo parlando del sesso degli angeli!

Le mie risposte sono generiche, senza il paziente - non Utente- senza un diagnosi clinica, senza la disamina della sua vita psichica, sessuale e senza la conoscenza della sua struttura di personalità.

Queste sono soltanto alcune delle cose da analizzare in seduta.

Scelga lei, va bene uno psicoterapeuta o uno psicologo/psicoterapeuta perfezionato in sessuologia.

[#8]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 14,9k 337 214
Ogni psicoterapeuta è abilitato e preparato per trattare problematiche sessuali.

Tuttavia le parafilie, almeno per la mia esperienza, è più facile accettarle e imparare a conviverci nel modo più equilibrato possibile, che eliminarle del tutto.

[#9]
dopo
Utente
Utente
Dr.ssa Valeria Randone, Lo so e ha ragione.
Spero solo che ci siano stati casi di soggetti che soffrono di feticismi e/o parafilie che dopo anni di queste pratiche possano comunque incominciare a fare rapporti sessuali normali e provarne piacere. Perchè leggendo in giro non ho trovato riscontri positivi
[#10]
dopo
Utente
Utente
Dr. Giuseppe Santonocito potrei conviverci, ma ho paura che possa tenere solo queste parafilie come eccitamento. Mi piacerebbe fare rapporti sessuali normali, ma com'è questo possibile se queste parafilie rimarranno sempre?
[#11]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 14,9k 337 214
Purtroppo non possiamo darle alcuna certezza da qui. Solo pareri generali e orientativi, cosa che abbiamo fatto.

Ma se è un parere specifico su di lei che desidera, dovrebbe interpellare un collega di persona. Non si focalizzi troppo sull'andare a colpo sicuro. Si orienti verso un professionista che le ispira fiducia, dopo aver raccolto informazioni e fatto qualche telefonata. Poi sarà sempre in tempo a cambiare se non dovesse trovarsi bene.

[#12]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta, ma non capisco se lei mi sta dicendo che il "imparare a conviverci" è uguale a "non riuscirà mai a provare orgasmo con la penetrazione con una donna" e dovra imparare a conviverci con questo problema.
Non potrei convivere con questo fatto, putroppo mi sono accorto troppo tardi e vorrei capire se ci sono stati casi in passato di gente che ha imparato ha provare piacere senza le varie parafilie.
Mi piacciono le donne, ma devono fare certe cose che sono veramente strane per loro, per far provare piacere a me. Niente a che vedere col sesso.
Questa cosa mi preoccupa
[#13]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 14,9k 337 214
È evidente che la preoccupa, ma come già detto non possiamo darle certezze a distanza. Se vuole un parere più preciso il consulto di persona è imprescindibile.

Fare questo primo passo l'aiuterà innanzitutto a rendere meno ombrosa e inconfessabile la questione e quindi ad aumentare, se ci sono, le possibilità di poter far qualcosa per cambiarla. La psiche umana ha ampi margini di variabilità, anche fra le persone. Il fatto che una cosa sia difficile non significa che sia impossibile.

[#14]
dopo
Utente
Utente
Grazie ancora dottore. Ho paura di non vivere una vita di affetto reciproco per questa cosa. E' per quello che ho chiesto se ci sono casi di gente che è guarita dalla parafilia, o se non guarita comunque ha imparato a fare sesso normalissimo classico con una ragazza facendo una normale vita di coppia, grazie alla terapia ricevuta.
Però nessuno mi risponde, quindi penso al peggio cioè che nessuno riesce a guarire.
Aspetto una risposta su questo se riuscite.

Detto questo, questo fatto si aggiunge anche ad un problema che non c'entra con la sfera sessuale, è per quello che sto andando dallo psicologo, non penso sia la causa dato che ho questi feticismi da sempre. Spero di non sovraffolare troppi problemi col rischio di non risolvere niente.
[#15]
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta 14,9k 337 214
Se ha uno psicologo che la segue è a lui che deve rivolgere i suoi dubbi. Deve convincersi che le aspettative che sta riponendo in un semplice consulto online, a distanza, sono poco realistiche.

Nessun professionista si sbilancerà a dirle da qui "sì, il suo caso è certamente risolvibile" oppure "no, non c'è speranza", per motivi che dovrebbero essere ovvi.

Quindi: ne parli con il suo psicologo.

[#16]
dopo
Utente
Utente
Non parlo del mio caso, ma se ci sono stati casi in passato tra voi colleghi che lei sappia di persone che hanno parafilie o feticismi, che hanno imparato ad avere rapporti sessuali soddisfacenti e normali e che non gli hanno più condizionato la vita. Solo questo.
Grazie comunque per il tempo che mi ha dato.
[#18]
dopo
Utente
Utente
Letture interessanti. La penultima lettura che mi ha linkato descrive il mio essere, ma non leggo nessun tipo di cura ma soltanto che bisogna parlarne con uno psicologo come avete già scritto.
Sinceramente quella lettura mi ha fatto star male ancora di più, perchè mi sembra di non leggere margine di miglioramento e di non poter vivere una vita normale di affetto e di coppia.
Spero di risolvere.

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio