Conflitto coppia

Gentili dottori, mi trovo qui a scrivervi perché ho dei problemi di coppia.sto con un ragazzo di trentasette anni da. Un anno e cinque mesi. Io ne ho 29. Abbiamo. Una vita sessuale nulla perché ho da luglio un' infezione ,forse herpes,ed abbiamo sospeso i rapporti. non usavamo il preservativo perché lui ha Delle difficoltà a mantenere l' erezione. Due settimane fa abbiamo litigato perché lui sosteneva che avevo un cattivo odore e su mio incoraggiamento siamo andati a comprare un profumo in un negozio. Poi abbiamo passato la serata insieme ma io ero offesa,gli ho tenuto il muso e non siamo stati bene. Abbiamo parlato di questo evento l'indomani ,lui mi ha detto che puzzavo per il mio bene e per il suo e che come mio compagno vuole sentirsi libero di dirmi anche quello che può offendermi,mi ha accusato di mancanza di comunicazione perché avevo mantenuto il silenzio ed ero triste dopo il suo appunto sul mio cattivo odore,è che lui non vuole stare con una persona e farla soffrire.Effettivamente il mio cappotto non aveva un buon odore ma a me è dispiaciuto che lui abbia messo al primo posto questo inconveniente e non abbia pensato di passare del tempo con me serenamente, dal momento che il.nostro è un rapporto a distanza e di tempo insieme ne abbiamo poco.per me è un periodo stressante devo lavorare e studiare per il concorso della mia vita e dedicare del tempo a lui mi è difficile.ora a distanza di tempo lui è triste, depresso,mi contatta sempre meno,mi dice che pensa all' episodio del cappotto come spia di una nostra incompatibilità di coppia,mi ha detto quando ci siamo chiariti il giorno dopo l' offesa che se qualcosa tra di noi si era rotto dovevamo prendere atto... Io non so se lui sta usando questo episodio banale per mollarmi, se effettivamente siamo così incompatibili, se cerca attenzioni in questo modo,se la nostra sessualità assente è la causa di tutto? Io sono molto legata a lui, ma non voglio che Delle incompatibilità con me possano deluderlo o deprimerlo, io non voglio esser la causa del malessere di nessuno ma per me è un periodo impegnativo,non posso affrontare anche questi problemi con lui. So solo che mi sento male. Devo lasciarlo andare come lui vuole? Cosa vuole lui da me? Attenzione, che io lo lasci? Aiutatemi
[#1]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19.8k 506 41
Gentile Utente,

prima che Lei avesse questa infezione, come andava la vita sessuale? Eravate distanti anche prima?
Le incomprensioni per questioni apparentemente banali erano presenti anche prima, oppure questa del cappotto è un caso isolato?
Ovviamente noi non possiamo sapere che cosa c'è nella testa del Suo fidanzato, ma se vuole possiamo provare a ipotizzare e capire insieme che cosa vuole Lei e che cosa semmai vorrebbe fare Lei.

Per questa ragione Le ho posto tante domande...

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2]
Utente
Utente
Grazie mille dottoressa per la risposta. La nostra vita sessuale c'era anche se con qualche difficoltà, perché la passione ,la voglia di stare insieme e darci piacere reciproco c'era ma spesso il mio ragazzo perdeva l'erezione ed il rapporto non era molto soddisfacente..io ho iniziato anche a prendere la pillola per avere dei rapporti perché lui non tollerava il preservativo...Diventava un po' logorante nei tentativi... Anche in passato lui mi ha fatto notare qualche mio difetto fisico od estetico( mi ha fatto notare qualche unghia non curata, qualche chilo di troppo,qualche baffetto.... Riconosco che non ho moltissima cura di me e che potrei fare certamente di più e credo che sforzarmi in questo sia un atto d'amore verso di lui anche...Ma spesso non ho tempo o forse non so sono io che sono impedita e non riesco a fare tante cose. Per me l' importante è stare insieme e vorrei stare rilassata e serena con la persona che amo non sentirmi sempre giudicata per ogni imperfezione... Ad esempio dottoressa mi limito ad invitarlo a casa da mia madre perché più di una volta mi ha fatto notare qualcosa che non andava in casa,ma mia madre è anziana e malata e non riesce a tenere pulita e curata la casa come un tempo ed io vivo fuori non ho tempo... Forse l'uomo è più critico,visivo ed ha bisogno di maggiori conferme esteriori non so? Forse sono io ad essere una persona mediocre, che non sa prendersi cura di sé...
[#3]
Dr.ssa Angela Pileci Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 19.8k 506 41
Quali difficoltà incontra nel prendersi maggiormente cura di se stessa?
[#4]
Utente
Utente
È una domanda molto interessante questa la ringrazio! Non sono mai stata molto vanitosa,sono sempre la ragazza secchiona con l'acne del liceo! Non so truccarmi,ho la pelle imperfetta,non mi prendo cura di me come le ragazze della mia età fanno di routine. Credo sia un fatto educativo: i miei genitori ci hanno educato al duro lavoro ,al sacrificio, l' estetica veniva considerata superflua... È una pecca, lacuna che ereditò dalla mia famiglia, molto umile,lo riconosco...
[#5]
Utente
Utente
Mi scusi dottoressa ho io ora una domanda per lei: le sue critiche sulla mia imperfezione Lei le ha definite " apparentemente banali" ? Perché? Che significato hanno?Sono fatte come dice il mio ragazzo in modo costruttivo o significano semplicemente che io non rispondo ai suoi canoni di estetica? Grazie per la risposta
[#6]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 17.9k 583 67
Gentile utente,

una sufficiente cura di sè significa anche "tenerci a sè". Acne, baffetti, odori, ecc. , sono tutti elementi eliminabili con minimo sforzo.

Resta però da dire che anche lui ha qualche problema; mi riferisco al deficit erettile (D. E.) presente fin dall'inizio.
Non è mai stata fatta una diagnosi dall'urologo/andrologo?

Può essere che lui sia poco attratto da Lei?
Avere poco desiderio?
O che altro?
Non mi riferisco al Suo problema attuale
- "forse herpes": ma è stato diagnosticato dalla ginecologa? Lo sta curando? -,
bensì anche prima.

Le consiglio questa lettura:
https://www.medicitalia.it/news/psicologia/4909-desiderio-sessuale-maschile-assente-o-scarso-perche.html

Saluti cordiali.


Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta, Sessuologa clinica, Psicologa europea.
https://www.centrobrunialtipsy.it/

[#7]
Utente
Utente
La ringrazio dottoressa per la sua risposta. In effetti riconosco di poter fare di più nella mia cura estetica e mi impegnerò in questo senso. Io non so se lui si senta poco attratto da me però sin dall' inizio mi ha detto di non essere capace di mettere il preservativo e che questo gli faceva perdere l erezione ... Comunque anche senza l' effetto era uguale... Lui esce da una relazione di dodici anni e non mi ha nascosto che i rapporti intimi in questo intervallo di tempo erano rari forse dieci in tutto...Non so se per questi problemi...Lui assume anche degli ansiolitici e non so se questi hanno un peso sull' aspetto sessuale. Lui mi ha detto che comunque si sente molto attratto da me,che il.mio corpo gli piace ,lo attira ...La mia infezione non è ancora stata diagnosticata sono in cura da un dermatologo ma sembra siamo.ancora lontani da una soluzione ....Tutto fa pensare un herpes. Per il resto lui è stato sempre un ragazzo presente e dolce, solo che ogni tanto esce con queste considerazioni su di me che mi fanno star male.forse sono.io che mi merito di Star sola e non mi merito la sua compagnia...Certo non voglio stare con una persona che mi accusa che quell' inconveniente del cappotto,quindi la mia mancanza di cura,lo deprime e fa star male...
[#8]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 17.9k 583 67


E' più semplice e prioritario partire dal corpo per diagnosticare e curare i problemi nel loro aspetto fisico, sia di lui che i Suoi.

Le consiglio di orientarsi POI verso una consulenza psicologica: le problematiche che ci presenta - individuali dell'uno e dell'altra, di coppia - sono parecchie e non affrontabili in modo approfondito online.