Utente 477XXX
Buonasera signori medici, vorrei avere una risposta in merito a un dubbio.
Il dubbio é , un bambino può giá dalla nascita avere problemi psicologici,oppure possono esordire solamente dopo esperienza negative? Grazie mille per la vostra comprensione.

[#1]  
Dr.ssa Delia Guagnano

24% attività
4% attualità
12% socialità
NOCI (BA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
Gentile utente Medicitalia,
sarebbe necessario capire di che tipo di problema si tratta e circoscrivere il problema.Alla nascita i bambini hanno bisogni, che vanno soddisfatti con tempestività e congruenza.
Forse se descrive il problema, potremo aiutarla meglio.
Dr.ssa Delia Guagnano, Ph.D.

[#2] dopo  
Utente 477XXX

Buongiorno, nel senso che i miei dicon che sono nato un po cosi con problemi psicologici, e adesso sto facendo psicoterapia cognitivo comportamentale, solo che la prossims volta dovró dirgli del mio passato e, che quindi io sono “nato cosí”.
Chiedo a lei che consigli puo darmi siccome sono stato portato a 13 anni dalla neuropsichiatra infantile ,Ora prendo ancora i farmaci e sto facendo psicoterapia, che consigli puo darmi per dirgli le cose allo psicologo? Mi scrivo tutto su un foglio?

Grazie

[#3]  
Dr.ssa Delia Guagnano

24% attività
4% attualità
12% socialità
NOCI (BA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
Non si preoccupi,
non deve pensarci prima. La seduta di psicoterapia deve per lei essere un momento che lei prende per se stesso in cui riflette su alcuni temi con l'aiuto di una persona competente. Non è un compito in classe, non c'è valutazione. Provi invece a spiegare al suo psicoterapeuta il suo dubbio e lui la aiuterà a capire cosa i suoi genitori possono voler dire con quella frase. I significati dovete trovarli insieme.
Dr.ssa Delia Guagnano, Ph.D.

[#4]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
sarebbe utile che vivesse la seduta di psicoterapia con il massimo della spontaneità, serenità, e confidenza con il clinico che hai il piacere di occuparsi di lei.

Non si tratta di un compito in classe, né di un esame da superare.

Non devi scrivere nulla e non deve essere preparato, tantomeno dovrebbe utilizzare il consulto on-line per poi trasferire i contenuti in seduta.

Le suggerisco di parlare con suo psicoterapeuta delle sue ansie e delle sue paure, è l’interlocutore più adatto
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it