Bipolarismo

Salve. Sono il marito di una paziente bipolare. Purtroppo dopo una seconda grave crisi maniacale ho dovuto accompagnare mia moglie in ospedale dove é stata ricoverata. Il nostro é sempre stato un rapporto meraviglioso. Ma oggi, dopo il ricovero, mi ha detto che mi odia e che non mi vuol più vedere perché l'ho fatta rinchiudere. Secondo voi finito la fase acuta riuscirà a capire che l'ho fatto per il suo bene?
[#1]
Dr. Alessandro Raggi Psicologo, Psicoterapeuta 483 13 31
Gentile utente,
per poterle rispondere più accuratamente occorrerebbero molte più informazioni. Sa, dire "bipolare" vuol dire far riferimento ad una diagnosi (peraltro in modo parziale, occorrerebbe capire di che tipo) ma nulla dice circa sua moglie. Sarebbe utile che lei ci raccontasse, anche sinteticamente, qualcosa sulla qualità della vostra relazione, sulle capacità intellettive di sua moglie, i suoi interessi, il suo livello culturale.
È comunque a volte possibile che dopo le fasi acute di un disturbo psichiatrico si possano ristabilire le condizioni minime per un dialogo costruttivo con il soggetto.
Cordiali saluti

Dr. Alessandro Raggi
psicoterapeuta psicoanalista
www.psicheanima.it

Il disturbo bipolare è una patologia che si manifesta in più fasi: depressiva, maniacale o mista. Scopriamo i sintomi, la diagnosi e le possibili terapie.

Leggi tutto